scatti 10 sulla ricchezza

Dieci luoghi comuni sulla ricchezza
di Patrick Viveret. Scrittore, filosofo, autore del rapporto ministeriale “Riconsiderare la ricchezza” (disponibile di seguito)

La ricchezza di un paese non è ciò in cui crediamo, e soprattutto non ciò che misuriamo ... Patrick Viveret analizza 10 idee ricevute sulla ricchezza ... Si tratta di denaro, terzo settore, economia domestica, ecologia ...

1. PIL è un buon indicatore della ricchezza creata

Mucca pazza alla Erika, la tempesta del dicembre 1999 a incidenti stradali o l'esplosione della fabbrica AZF di Tolosa: Tutti questi disastri sono benedizioni al nostro prodotto interno lordo! Le centinaia di miliardi di franchi che costano la società non sono riconosciuti come la distruzione, ma come creazioni di ricchezza: quindi devono pagare officine per la riparazione auto danneggiate, il cemento di bruciare farine animali o medici per curare le vittime di inquinamento, i valori monetari aggiunti sono registrati nei conti. Che contribuisce al PIL più elevato (prodotto interno lordo).

2. Solo le aziende producono ricchezza

Il nostro sistema economico è basato sulla netta separazione tra, da un lato, le aziende che producono considerata unica ricchezza e sugli altri, sociali ed ecologici attività finanziate da questa ricchezza. Tale mito condanna associazioni a mendicare il loro sostentamento per lo Stato o per cercare sul mercato, non riuscendo a legame diretto con il patrimonio di risorse sociali contribuiscono a creare o mantenere. In termini di contabilità nazionale associazioni contribuire ad abbassare il PIL attraverso lo sviluppo di attività di volontariato, piuttosto che a pagamento. Questo sistema perverso che i servizi di una zona sospetta continuo parassitismo.

3. l'era industriale di indicatori di produttività sono ancora validi

Disponiamo di strumenti di misurazione della produttività creati per promuovere la crescita materiale di natura industriale. Questi risultano essere in gran parte controproducenti quando si tratta di affrontare le tre grandi sfide del futuro: l'ingresso nell'era dell'informazione, le questioni ecologiche, il ruolo dei servizi relazionali (istruzione, salute, ecc.) Nel nostro sviluppo. Quindi, in termini di salute, ciò che conta non è il numero di visite dal medico, ma il fatto di sapere se si è guariti o, meglio, se si evita questo o quel rischio. Ma nella contabilità corrente, più si è la prevenzione, una maggiore crescita è rotto (Dal momento che utilizza meno farmaci e ore di ospedalizzazione)!

4. Il denaro viene usato per la prima per facilitare lo scambio

Leggi anche:  Come funziona l'inflazione 2

Corretto, ma solo in parte. La parola "pagare" deriva dal latino pacare, che significa pacificare, e Montesquieu ha sviluppato una teoria del "commercio morbido" come alternativa alla guerra. Ma, se il denaro svolge questa funzione quando facilita lo scambio tra i partner, fattore diventa violento quando ottiene strumento di dominazione del capitalismo essere più di una volontà di potenza che il desiderio di scambio. Che la gente disposta a scambiare e creare attività non possono farlo perché sono insolventi contraddice la teoria della moneta come strumento di contrattazione.

5. Il denaro rimane il fondamento di qualsiasi sistema di trading

Il sistema più universale di scambio tra esseri umani è in realtà una volta. Ciò adempie i ruoli di unità di conto e mezzo di scambio tradizionalmente devoluti al denaro tanto meglio in quanto le sue unità (ore, minuti, secondi) hanno il vantaggio, a differenza del denaro, di essere universalmente riconosciuto e invariabile. In breve, quello che si chiama denaro, e che in realtà è solo "moneta di mercato", è solo un caso speciale dello scambio di tempo. Sarebbe più saggio dire che "il denaro è tempo" piuttosto che "il tempo è denaro".

6. È la rarità che rende il valore reale della proprietà

Leggi anche:  CO2 Solidaire

Definiamo il valore in senso economico, dalla scarsità. Ma questa intuizione è falso quando nega qualsiasi valore ai beni non scarsi ma la cui perdita sarebbe irreparabile: l'aria è abbondante e gratuita, ma la sua scomparsa avrebbe condannato la specie umana. Questo dimostra che il valore di mercato è un sottoinsieme di un sistema di valori più alto, che si limita a simulare la perdita di scoprire la sua importanza.

7. risorse planetarie non sono sufficienti a soddisfare tutte le esigenze

L'attuale guerra economica che ci presentiamo come correlata alla logica della scarsità e la sopravvivenza, è in un contesto in cui le esigenze di base dei sei miliardi di persone possono essere soddisfatte. Le cifre del UNDP (United Nations Development Programme) parlano da soli: ci vorrebbero circa 40 miliardi di dollari all'anno per sradicare la fame, garantire l'accesso all'acqua potabile per tutti, per ospitarli dignitosamente e combattere importante epidemie. Dieci volte meno che per la spesa globale per la pubblicità!

8. L'economia è nata dalla necessità di allocare risorse scarse

Nella maggior parte dei casi, non è la scarsità ma l'abbondanza a caratterizzare la natura: si pensi all'abbondanza di specie, di cellule e, in generale, alla tremenda profusione mostrata dal fenomeno. di vita ... Lungi dall'essere l'economia che appare come attività di base, condizione di ogni sopravvivenza, è molto di più, dalla sua reinvenzione moderna nel XIX secolo, l'ideologia dominante della società industriale.

Leggi anche:  Concentrarsi sull'assicurazione eco-responsabile

9. L'economia ha un ruolo centrale in tutte le società umane

Se c'è una caratteristica comune nella maggior parte delle civiltà, è la subordinazione del lavoro, della produzione e una più ampia sfera economica o attività ritenute più valori fondamentali come la politica, la cultura, la filosofia. Anche Adam Smith, il padre della nostra economia politica, credeva che il vero ruolo dell'economia, nell'organizzazione dell'abbondanza, fosse quello di riunire le condizioni per costruire poi una “repubblica filosofica”. Quanto a Keynes, ha ritenuto che l'economia dovrebbe occupare, a lungo termine, un posto ridotto nell'attività sociale e gli economisti accettano che il loro ruolo non è più importante di quello dei "dentisti".

10. Non c'è alternativa a livello internazionale su questi temi

Oggi, possiamo contare su una tendenza internazionale di ricerca per facilitare la trasformazione dei nostri sistemi di rappresentazione della ricchezza. Lo dimostrano gli indicatori di sviluppo umano e povertà elaborati dall'UNDP, quelli dell'Unione Europea sugli indicatori ambientali e sociali, il recente dibattito sulla "responsabilità sociale d'impresa" e anche alcuni studi della Banca Mondiale e dell'OCSE su "capitale sociale" e "capitale naturale". Infine, e soprattutto, le crescenti richieste della società civile globale spingono gli attori istituzionali ed economici ad agire su questo tema: l'incontro del Quebec per “globalizzare la solidarietà”, organizzato da attori dell'economia sociale e solidale, e Forum La commissione per gli affari sociali globali di Porto Alegre ha tutti messo all'ordine del giorno la riconsiderazione della ricchezza. All'improvviso, diventa difficile sostenere che la Francia non può intraprendere una strategia di trasformazione da sola per giustificare la stagnazione.

Per saperne di più?
- Scarica il rapporto ministeriale "Riconsiderare la ricchezza"
- Chi fa i soldi?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *