2006: uno degli anni più caldi nella storia della meteorologia moderna!

2006 che confermare il riscaldamento globale.

Più di 45 gradi il 1 gennaio a Sydney, 60 km000 in meno di ghiaccio marino nell'Artico: il rapporto 2 dell'Organizzazione meteorologica mondiale conferma il riscaldamento globale.


L'anno 2006 è “per il pianeta, il 6 ° anno più caldo, il 4 ° per l'emisfero settentrionale e il 2 ° per la Francia” ha dichiarato il Segretario Generale dell'OMM Michel Jarraud. E per il 2007, soprattutto a causa del fenomeno El Nino nel Pacifico, si prevedono temperature ancora più elevate.

Conseguenze: tempeste tropicali, inondazioni, siccità, soprattutto in Africa e aumento del livello del mare.

Grande fonte di preoccupazione: questo inverno il fenomeno sembra globale e non regionale.

Questo fenomeno non è quindi legato all'inquinamento locale, alle isole urbane o all'interruzione della Corrente del Golfo (la cui potenza termica è approssimativamente equivalente a 1 milione di reattori nucleari, ecc.).

Leggi anche:  Lo scioglimento dei ghiacci nell'Artico favorito dall'inquinamento nel sud-est asiatico

Fonte: WMO et Il riscaldamento in Australia.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *