Hellouin Becco farm

INRA: studio economico di permacultura

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

L'INRA ha pubblicato uno studio di quattro anni sulla redditività economica della permacultura biologica. Questo studio intitolato "Maricoltura biologica permaculturale e prestazioni economiche" mostra che la permacultura può essere abbastanza competitiva dal punto di vista economico con l'agricoltura intensiva convenzionale. Lo studio è stato condotto su un'area relativamente piccola di 1000m², ovvero 1 / 10 per ettaro, e con una buona proporzione di forzatura (serra), ne consegue che ogni m² coltivato nella permacultura biologica può generare un turnover superiore a 50 € / m² per la vendita diretta.

Cosa motivato alcuni per iniziare la permacultura giardino, è un bene perché il econology, abbiamo sviluppato una tecnica di coltivazione ancora più potente rispetto alla permacultura biologica: The Kitchen Garden Sloth (senza fertilizzanti o pesticidi, anche biologici)

Presentazione dello studio

La fattoria biologica Bec Hellouin ha sviluppato un modello originale di giardinaggio sul mercato sin da 2007, combinando un'organizzazione dello spazio ispirata alla permacultura e alle tecniche agricole.
giardinaggio biointensif (E. Coleman, J. Jeavons, etc.). Molto poco meccanizzato, su una piccola superficie, insieme a cortocircuiti, questo modello genera un interesse molto forte.
Ma è economicamente sostenibile? Questa è la domanda a cui lo studio condotto dalla fattoria, dall'Istituto Sylva e dall'unità di ricerca SADAPT (INRA-AgroParisTech) intendeva rispondere. La particolarità di questo studio è quella di essere condotto in un'azienda agricola dove vengono costantemente provate tecniche, strumenti, nuovi metodi di marketing, lontano dalle "operazioni di routine" che generalmente servono come supporto per la produzione di riferimenti tecnici. economica.

Da dicembre 2011 a marzo 2015, i giardinieri hanno sistematicamente annotato i loro interventi (natura di questi, orario di lavoro, input, ecc.) E quantificato i raccolti su una superficie di terreni coltivati ​​di 1000 m², al di fuori di vicoli e dintorni, di cui 42% sotto vetro. Va notato che questi 1000 m2 studiati corrispondono alla zona più intensiva della fattoria Bec Hellouin e non devono in alcun caso essere considerati sufficienti per stabilire un microferm. In effetti, in una logica permaculturale, la superficie molto curata fa parte di un insieme più globale che comprende superfici meno intensive (per produrre colture a ciclo lungo come gli ortaggi per la conservazione invernale), aree naturali ed edifici necessari per buon funzionamento ecologico e commerciale dell'insieme.

Altro:
Scarica lo studio INRA completo sulla permacultura biologica (pagine 67 in .pdf)
Scopri il Giardino di Sloth (senza fertilizzanti o pesticidi, anche biologici)
In dettagli su forums: la tecnica facile del giardino pigro, meglio della permacultura
La pagina ufficiale di INRA su questo studio

commenti Facebook

2 commenta "INRA studio economico permacultura"

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *