Industriale e motore Gillier pantone

Perché i produttori non sono più interessati al doping con l'acqua Giller-Pantone?

I buoni risultati pratici di un'iniezione d'acqua utilizzando un sistema Gillier Pantone sono innegabili, a riprova del montaggio presso il Municipio di Vitry. Perché questo sistema non è attualmente sviluppato più dai produttori?

Ecco alcuni spunti di riflessione

  • Sono interessati ma la commercializzazione non è ancora prevista
  • Riproducibilità o stabilità dei risultati difficili da padroneggiare
  • Scarsa comprensione del sistema
  • Pigrizia intellettuale
  • Paura dell'establishment
  • Sistema di dominio pubblico, difficile da brevettare
  • Sistema troppo semplice per interessare gli ingegneri (il doping ha portato a risultati equivalenti o migliori rispetto allo sviluppo dell'iniezione diesel ad alta pressione, il cui sviluppo ha richiesto più di 10 anni e milioni di ore di ingegneria).
  • Cattiva immagine del sistema trasmessa da Pantone ma anche da certi "attori" (formazione di certi gruppi "organici" molto dubbiosi).
  • NIH (non inventato qui) vedere qui
  • Inerzie industriali o soprattutto mentali
  • Durata della vita migliorata che non è redditizia per i produttori di motori (che da soli hanno i mezzi per sviluppare davvero questo tipo di sistema)
  • Applicabile su vecchi motori non favorevole all'acquisto di nuovi motori
Leggi anche:  Video sul motore Pantone su France3: doping dell'acqua sui trattori

Aggiungi altri spunti di riflessione: perché l'iniezione di acqua viene boicottata dai produttori?

5 commenti su "Industriali e motore Gillier Pantone"

  1. Buongiorno,
    scusate ma la maggior parte delle ipotesi erano già inverosimili all'epoca, e lo sono ancora di più oggi, no?
    _ “Sono interessato ma marketing non ancora programmato”: nessuna fonte è stata citata nel 2008 per dettagliare i possibili passaggi. Se i produttori sono interessati, hanno effettuato misurazioni o chiesto giustificazioni? Non molto plausibile nel 2008 quindi.
    Siamo nel 2020 ... I produttori stanno combattendo per il minor risparmio di carburante e le emissioni di CO2. E ancora nessun motore Pantone. Questa ipotesi dovrebbe quindi essere esclusa per due ragioni.
    _ "Cattiva riproducibilità": probabilmente, ma non è questa la definizione di "non funziona bene"? Come spiegare allora che funziona per il tuttofare nel suo garage e non in laboratorio?
    _ "Scarsa comprensione del meccanismo": probabilmente, ma ciò che è spiegato e ben documentato dovrebbe ora essere capito, giusto? E se ciò non fosse stato compreso, qualsiasi convincente test di laboratorio avrebbe dovuto costringere il motore a funzionare da tempo.
    _ "Sistema troppo semplice" o "di pubblico dominio"? Sei serio ? Pensi davvero che questo sia un argomento valido per ingegneri e industriali? Abbiamo mantenuto ruote e pneumatici che conosco: è semplice e di dominio pubblico.
    _ Inerzia industriale: argomento plausibile in un dato momento. È davvero difficile avviare uno sviluppo importante. Tuttavia, nel 2019, questo argomento non è più valido. La prova: in 10 anni siamo passati dal 100% termico all'ibrido, poi al 100% elettrico, ovvero 2 grandi revisioni architettoniche. Avremmo quindi potuto lanciare un motore Pantone in 5 anni presso un produttore se fosse affidabile.
    _ "Miglioramento della durata di vita dannoso per il produttore": possibile (abbiamo già visto casi di obsolescenza programmata o mantenuta) ma piuttosto non plausibile nel senso che la concorrenza è troppo alta per consentire un simile contratto collettivo. Guarda le campagne di richiamo che vengono rimosse in massa, o KIA che è aumentata vertiginosamente grazie alla sua garanzia di 7 anni. Mantenere questo argomento è più una teoria della cospirazione.

    Cosa ne pensi dei miei argomenti e prevedi di aggiornare di conseguenza questo articolo?

    Saluti

  2. Buongiorno,
    Grazie per la tua risposta, anche se ammetto di essere caduta dalla sedia leggendola:
    "Il tuo commento è di per sé un aggiornamento." È serio? Qualsiasi media o sito di notizie che vuole essere obiettivo non consente a un articolo di fornire informazioni non verificate per 10 anni, prima di aggiungere un "finalmente no" nella sezione dei commenti con il pretesto che uno sconosciuto (io se applicabile) venga a scrivere un commento . Dal momento che sembri concordare sul fatto che l'articolo non sia o non sia più pertinente, non dovresti eliminarlo e/o rilasciare una correzione?

    "Dovremmo forse chiedere a produttori e produttori perché hanno boicottato l'iniezione di acqua".
    Non è proprio questo il titolo e l'oggetto del tuo articolo?
    Se fai questa domanda 10 anni dopo averlo scritto, l'articolo non risponde affatto alla domanda e/o non dovrebbe essere conservato.

    Insomma: non capisco come si possano lasciare articoli sul sito non veritieri senza integrarli con un report del tipo "10 anni dopo, a che punto siamo?" ". Se non c'è tempo per un'indagine approfondita, un semplice ritiro dell'articolo accompagnato da una smentita sarebbe un pegno di serietà. Questo è il modo in cui operano le riviste scientifiche e le riviste oltre ad avere un comitato di revisione tra pari.
    A proposito, lo studio che citi (https://www.econologie.com/mesures-depollution-moteur-pantone/) risale al 2001-2004 e presenta dei pregiudizi (ben spiegato nell'articolo http://quelfutur.org/archive/moteurpantone.html ), che mette seriamente in dubbio la serietà delle conclusioni che se ne devono trarre.
    Saluti

    1. Damien, puoi cadere dalla sedia non cambierà nulla:

      a) BMW non ha boicottato, ha capito gli interessi dell'iniezione d'acqua (il brevetto è disponibile nel link).
      Anche gli altri produttori hanno brevetti di iniezione d'acqua e/o lo fanno tramite l'EGR… (1 L di combustibile bruciato emette 1 kg di vapore)

      b) ci saranno sempre blablers del web…l'esercizio è facile dietro uno schermo per criticare gli studi degli altri…soprattutto quando non si pubblica nulla. Lo vediamo per il covid da quasi 2 anni...

      c) So cosa ho misurato più di 20 anni fa: aria più pulita che esce dal motore rispetto a quella del garage sulle polveri sottili ma si può sempre ululare al bias...

      Coloro che distruggono queste innovazioni per qualche oscuro motivo hanno ucciso migliaia di persone prematuramente a causa dell'inquinamento atmosferico. Ho la coscienza abbastanza pulita, devono chiederlo a loro.

      cordialmente

  3. Ciao

    Innanzitutto grazie per le vostre risposte.
    Sappiate che rispetto la vostra ricerca e che sono sinceramente interessato a soluzioni che possano ridurre le emissioni di CO2. È per il tuo studio del 2001 che sono venuto su questo sito: è uno dei pochi ad essere svolto su un banco, con risultati positivi, e abbastanza dettagli per essere discusso. La maggior parte dei siti che evocano e descrivono in dettaglio il motore Pantone si riferiscono anche al tuo sito e al tuo studio.

    Per quanto riguarda BMW, il sistema utilizzato (M4) ha poco a che vedere con il motore Gillier Pantone: la M4 utilizza l'acqua per raffreddare e comprimere l'aria in aspirazione (come uno scambiatore aria/acqua ma miscelando i flussi). Non c'è nessun gorgogliatore, nessun riscaldamento o doping dell'acqua e quindi non c'è bisogno di essere citato qui per illustrare il motore Pantone.
    Si noti che i brevetti non sono né una garanzia di affidabilità né di interesse; possono essere installati senza intenzione d'uso, o anche senza che la soluzione funzioni.

    Per quanto riguarda le tue risposte b) ec) se io stesso sono un blablatore dietro il mio schermo, i rapporti e gli studi che ho citato sono lungi dall'essere il risultato di blogger isolati, ignoranti o amareggiati:
    Studio critico dell'Osservatorio sulla staffetta mediatica delle questioni energetiche (ORMEE):
    http://quelfutur.org/archive/moteurpantone.html
    Un altro studio ottenuto dalla Camera dell'agricoltura della Bretagna dopo uno studio su un trattore: http://www.synagri.com/synagri/moteur-thermique-test-d-un-systeme-pantone-l-exemple-du-spad
    Senza risultati.

    Non si tratta qui di "distruggere innovazioni per oscure ragioni".
    La critica è costruttiva e aiuta a testare i risultati e renderli più affidabili se lo sono davvero.
    Dici di aver misurato qualcosa con un risultato positivo; Penso che tu sia sincero ma se, per 20 anni...
    _ nessuno o pochi studi sono riusciti a riprodurre i tuoi risultati positivi...
    _ che molti altri hanno ottenuto risultati negativi al contrario.
    _ che un team ha evidenziato nel 2008 stranezze nei tuoi metodi di studio e risultati
    _ che nonostante il contesto ultra competitivo e le pressioni sull'industria automobilistica per ridurre consumi ed emissioni di CO2, nessun produttore ha installato Gillier Pantone...
    La domanda "siamo sicuri che l'invenzione sia affidabile?" Sembra tanto più legittimo.
    Spazzare via ogni critica in nome di "So cosa ho fatto 20 anni fa" significa rinchiudersi nella fede e lasciarsi alle spalle il processo scientifico.

    Se un'innovazione funziona e possiamo salvare vite con essa, bene.
    Ma al contrario, difendere un'invenzione che non funziona è deviare gli sforzi invece di destinarli a qualcosa che funziona, è illudere le persone che pensano di fare bene, ecc. Uccidiamo invece di salvare.

    Si dovrebbe fare di tutto per non difendere ciecamente contro qualsiasi obiezione un rimedio se non lo è.
    È stato per farti un'idea del motore Gillier-Pantone che ti ho fatto queste domande.
    In un certo senso, hai risposto e ti ringrazio ancora una volta.

    Saluti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *