Il protocollo di Kyoto: il testo completo e completo

Ecco il testo completo del protocollo di Kyoto.

Parole chiave: protocollo kyoto, testo, completo, livello di emissione, CO2

PROTOCOLLO DI KYOTO ALLA CONVENZIONE SUL QUADRO DELLE NAZIONI UNITE SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Le parti del presente protocollo,

Essendo parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (di seguito denominata "Convenzione"),

Ansioso di raggiungere l'obiettivo finale della Convenzione come stabilito nell'articolo 2 della stessa,

Ricordando le disposizioni della Convenzione,

Guidato dall'articolo 3 della Convenzione,

Deliberando in virtù del mandato di Berlino adottato dalla Conferenza delle parti della convenzione nella sua prima sessione nella decisione 1 / CP.1,

Hanno convenuto quanto segue:

Articolo

Ai fini del presente Protocollo, si applicano le definizioni di cui all'articolo XNUMX della Convenzione. Inoltre :

1. "Conferenza delle Parti" indica la Conferenza delle Parti alla Convenzione.

2. "Convenzione" indica la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, adottata a New York il 9 maggio 1992.

3. "Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici": il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici istituito congiuntamente dall'Organizzazione meteorologica mondiale e dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente nel 1988. .

4. "Protocollo di Montreal" indica il Protocollo di Montreal del 1987 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono, adottato a Montreal il 16 settembre 1987, come successivamente adattato e modificato.

5. "Parti presenti e votanti" indica le Parti presenti che hanno espresso un voto affermativo o negativo.

6. "Parte" significa, a meno che il contesto non indichi diversamente, una Parte del presente Protocollo.

7. "Parte di cui all'allegato I" indica qualsiasi Parte elencata nell'allegato I della Convenzione, tenendo conto di eventuali modifiche che possono essere apportate a tale allegato, o qualsiasi Parte che abbia effettuato una notifica in conformità con Articolo 2, paragrafo 4, lettera g), della Convenzione.

Articolo 2

1. Ciascuna delle Parti incluse nell'Allegato I, per adempiere ai propri impegni quantificati in termini di limitazione e riduzione di cui all'articolo 3, in modo da promuovere lo sviluppo sostenibile:

a) Applicare e / o sviluppare ulteriormente politiche e misure, a seconda delle circostanze nazionali, ad esempio:

(i) aumento dell'efficienza energetica nei settori rilevanti dell'economia nazionale;

(ii) Protezione e potenziamento di pozzi e serbatoi di gas a effetto serra non regolamentati dal Protocollo di Montreal, tenendo conto dei suoi impegni ai sensi degli accordi ambientali internazionali pertinenti; promozione di metodi sostenibili di gestione forestale, imboschimento e rimboschimento;

iii) Promozione di forme sostenibili di agricoltura tenendo conto delle considerazioni sui cambiamenti climatici;

(iv) ricerca, promozione, sviluppo e maggiore uso di fonti energetiche rinnovabili, tecnologie per il sequestro dell'anidride carbonica e tecnologie innovative e rispettose dell'ambiente;

v) Graduale riduzione o graduale eliminazione di imperfezioni di mercato, incentivi fiscali, esenzioni fiscali e dazi e sussidi contrari all'obiettivo della Convenzione, in tutti i settori che emettono gas a effetto serra serra e applicazione di strumenti di mercato;

(vi) incoraggiare adeguate riforme nei settori pertinenti per promuovere politiche e misure che limitino o riducano le emissioni di gas a effetto serra che non sono regolate dal protocollo di Montreal;

(vii) adozione di misure per limitare o ridurre le emissioni di gas a effetto serra non regolate dal protocollo di Montreal nel settore dei trasporti;

viii) Limitazione e / o riduzione delle emissioni di metano attraverso il recupero e l'utilizzo nel settore della gestione dei rifiuti nonché nella produzione, trasporto e distribuzione di energia;

(b) Cooperare con altre Parti coperte per migliorare l'efficacia individuale e generale delle politiche e delle misure adottate ai sensi del presente articolo, in conformità con il sottoparagrafo (i) del sottoparagrafo (e) del paragrafo 2 dell'articolo 4 del Convenzione. A tal fine, queste Parti si adoperano per condividere i frutti della loro esperienza e scambiare informazioni su tali politiche e misure, in particolare sviluppando mezzi per migliorarne la comparabilità, la trasparenza e l'efficienza. Nella sua prima sessione o non appena possibile successivamente, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo esaminerà i mezzi per facilitare tale cooperazione, tenendo conto di tutte le informazioni pertinenti.

2. Le parti incluse nell'allegato I cercano di limitare o ridurre le emissioni di gas a effetto serra non controllate dal protocollo di Montreal dai combustibili bunker utilizzati nel trasporto aereo e marittimo, attraverso rispettivamente, l'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile e l'Organizzazione marittima internazionale.

3. Le Parti incluse nell'Allegato I si adoperano per applicare le politiche e le misure previste nel presente articolo in modo da ridurre al minimo gli effetti negativi, in particolare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici, le ripercussioni sul commercio internazionale. e le conseguenze sociali, ambientali ed economiche per le altre Parti, in particolare le Parti dei paesi in via di sviluppo e più particolarmente quelle designate nei paragrafi 8 e 9 dell'articolo 4 della Convenzione, tenendo conto dell'articolo 3 della stessa. Questo. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo può adottare, se del caso, altre misure per facilitare l'attuazione delle disposizioni del presente paragrafo.

4. Se decide che sarebbe utile coordinare alcune delle politiche e misure di cui al paragrafo 1 (a) di cui sopra, tenendo conto delle diverse situazioni nazionali e dei potenziali effetti, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo studieranno le modalità appropriate per organizzare il coordinamento di queste politiche e misure.

Articolo 3

1. Le parti incluse nell'allegato I garantiscono, individualmente o congiuntamente, che le loro emissioni antropiche aggregate, espresse in equivalenti di anidride carbonica, dei gas a effetto serra elencati nell'allegato A non superino le quantità che sono loro attribuiti, calcolati sulla base dei loro impegni quantificati in termini di limitazione e riduzione delle emissioni elencate nell'Allegato B e secondo quanto previsto dal presente articolo, al fine di ridurre le loro emissioni totali di tali gas almeno di 5% rispetto al livello del 1990 durante il periodo di impegno 2008-2012.

2. Ciascuna parte inclusa nell'allegato I avrà compiuto progressi nel 2005 nell'adempimento dei propri impegni ai sensi del presente protocollo, cosa che può dimostrare.

3. Le variazioni nette delle emissioni di gas a effetto serra per fonte e l'assorbimento da parte dei pozzi risultanti da attività umane direttamente correlate al cambiamento di uso del suolo e alla silvicoltura e limitate a imboschimento, rimboschimento e alla deforestazione dal 1990, le variazioni che corrispondono a variazioni verificabili degli stock di carbonio durante ciascun periodo di impegno, vengono utilizzate dalle parti incluse nell'allegato I per rispettare i loro impegni ai sensi del presente articolo. Le emissioni di gas a effetto serra da fonti e gli assorbimenti da pozzi associati a queste attività sono comunicati in modo trasparente e verificabile e riesaminati ai sensi degli articoli 7 e 8.

4. Prima della prima sessione della Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo, ciascuna Parte inclusa nell'Allegato I fornirà all'Organismo sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica, per la sua considerazione, i dati per determinare il livello dei suoi stock di carbonio nel 1990 e per stimare le variazioni dei suoi stock di carbonio negli anni successivi. Nella sua prima sessione, o non appena possibile successivamente, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo deciderà le modalità, le regole e le linee guida da applicare per decidere quali attività antropiche aggiuntive relative alle variazioni delle emissioni le fonti e i pozzi di assorbimento di gas a effetto serra nelle categorie di terreni agricoli e cambiamenti di destinazione dei terreni e silvicoltura dovrebbero essere aggiunti agli importi assegnati alle parti incluse nell'allegato I o sottratte a queste quantità e come procedere in tal senso, viste le incertezze, la necessità di comunicare dati trasparenti e verificabili, il lavoro metodologico del Panel Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici, i consigli forniti dal '' Organismo sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica ai sensi dell'articolo 5 e delle decisioni della Conferenza questo delle parti. Questa decisione è valida per il secondo periodo di impegno e per i periodi successivi. Una parte può applicarlo a queste attività antropogeniche aggiuntive durante il primo periodo di impegno purché queste attività abbiano avuto luogo dal 1990.

5. Parti incluse nell'Allegato I che sono in transizione verso un'economia di mercato e il cui anno o periodo base è stato stabilito in conformità con la decisione 9 / CP.2, adottata dalla Conferenza delle Parti nel suo seconda sessione, adempiere ai propri impegni ai sensi del presente articolo in base all'anno o al periodo di riferimento. Qualsiasi altra Parte inclusa nell'Allegato I che è in transizione verso un'economia di mercato e non ha ancora completato la sua comunicazione iniziale ai sensi dell'articolo 12 della Convenzione può anche notificare la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle parti del presente protocollo la sua intenzione di mantenere un anno o un periodo di riferimento storico diverso dal 1990 per adempiere ai propri impegni ai sensi del presente articolo. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo decide in merito all'accettazione di questa notifica.

6. Alla luce dell'articolo 6, paragrafo 4, della Convenzione, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo concede alle Parti incluse nell'Allegato I che si trovano in transizione verso un'economia di mercato flessibilità l'adempimento dei propri impegni diversi da quelli di cui al presente articolo.

7. Durante il primo periodo di limitazione quantificata delle emissioni e impegni di riduzione, dal 2008 al 2012, l'importo assegnato a ciascuna delle Parti incluse nell'Allegato I è pari alla percentuale per esso iscritta in Allegato B, delle sue emissioni antropiche aggregate, espresse in equivalente di anidride carbonica, dei gas a effetto serra indicati nell'allegato A nel 1990, o durante l'anno o il periodo di riferimento stabilito in conformità con paragrafo 5 sopra, moltiplicato per cinque. Le parti incluse nell'allegato I per le quali il cambiamento dell'uso del suolo e la silvicoltura erano una fonte netta di emissioni di gas a effetto serra nel 1990 includono nelle loro emissioni corrispondenti all'anno o periodo. fare riferimento, ai fini del calcolo della quantità assegnata, alle emissioni antropiche aggregate dalle sorgenti, espresse in anidride carbonica equivalente, meno le quantità assorbite dai pozzi nel 1990, come risultano dalla variazione del uso del suolo.

8. Qualsiasi Parte di cui all'allegato I può scegliere il 1995 come anno di riferimento ai fini del calcolo di cui al paragrafo 7 sopra per gli idrofluorocarburi, i perfluorocarburi e l'esafluoruro di zolfo.

9. Per le Parti incluse nell'Allegato I, gli impegni per i periodi seguenti sono stabiliti negli emendamenti all'Allegato B del presente Protocollo che sono adottati conformemente al paragrafo 7 dell'articolo 21. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo avvia il riesame di questi impegni almeno sette anni prima della fine del primo periodo di impegno di cui al paragrafo 1 sopra.

10. Qualsiasi unità di riduzione delle emissioni, o qualsiasi frazione di un importo assegnato, che una Parte acquisisce da un'altra Parte in conformità con le disposizioni degli articoli 6 o 17 sarà aggiunta all'importo assegnato alla Parte che effettua la riduzione. 'acquisizione.

11. Qualsiasi unità di riduzione delle emissioni, o qualsiasi frazione di una quantità assegnata, che una Parte trasferisce a un'altra Parte in conformità con le disposizioni degli Articoli 6 o 17, sarà sottratta dall'importo assegnato della Parte trasferente.

12. Qualsiasi unità di riduzione delle emissioni certificata che una Parte acquista da un'altra Parte in conformità con le disposizioni dell'articolo 12 sarà aggiunta all'importo assegnato alla Parte acquirente.

13. Se le emissioni di una Parte di cui all'allegato I durante un periodo di impegno sono inferiori alla quantità assegnatale ai sensi del presente articolo, la differenza, su richiesta di tale Parte, sarà aggiunto alla quantità assegnatagli per periodi di impegno successivi.

14. Ciascuna Parte inclusa nell'Allegato I si adopererà per rispettare gli impegni di cui al precedente paragrafo 1 in modo da ridurre al minimo le conseguenze sociali, ambientali ed economiche negative per le Parti dei paesi in via di sviluppo, in particolare quelli designati nei paragrafi 8 e 9 dell'articolo 4 della Convenzione. Coerentemente con le decisioni pertinenti della Conferenza delle Parti in merito all'attuazione di questi paragrafi, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo esaminerà, nella sua prima sessione, le misure necessarie per ridurre al minimo gli effetti dei cambiamenti. clima e / o l'impatto delle misure di risposta sulle parti menzionate in questi paragrafi. Tra le questioni da considerare vi sono la creazione di finanziamenti, assicurazioni e trasferimento di tecnologia.

Articolo 4

1. Si considera che tutte le parti incluse nell'allegato I che hanno convenuto di adempiere congiuntamente ai propri impegni ai sensi dell'articolo 3 abbiano rispettato tali impegni nella misura in cui il totale cumulativo delle loro emissioni antropiche aggregate, espresso in anidride carbonica equivalente, dei gas a effetto serra indicati nell'Allegato A non supera le quantità loro assegnate, calcolate sulla base dei loro limiti quantificati di emissioni e degli impegni di riduzione elencati nell'Allegato B e in conformità con le disposizioni dell'articolo 3. Il rispettivo livello di emissioni attribuito a ciascuna delle Parti dell'Accordo è indicato nell'Accordo.

Leggi anche:  Download: EducAuto, trasporto stradale e riscaldamento globale ed effetto serra

2. Le Parti di tale accordo notificheranno i termini dello stesso al Segretariato alla data del deposito dei loro strumenti di ratifica, accettazione, approvazione o adesione al presente Protocollo. Il segretariato a sua volta informa le Parti della Convenzione e i firmatari dei termini dell'accordo.

3. Qualsiasi accordo di questo tipo rimarrà in vigore per la durata del periodo di impegno di cui al paragrafo 7 dell'articolo 3.

4. Se le Parti che agiscono congiuntamente lo fanno nel quadro di un'organizzazione di integrazione economica regionale e in consultazione con essa, qualsiasi modifica della composizione di tale organizzazione che si verifica dopo l'adozione del presente Protocollo non avrà effetto sugli impegni assunti in questo strumento. Ogni cambiamento nella composizione dell'organizzazione è preso in considerazione solo ai fini degli impegni previsti dall'articolo 3 che vengono adottati dopo tale cambiamento.

5. Se le parti di un tale accordo non riescono a soddisfare il loro totale cumulativo previsto di riduzioni delle emissioni, ciascuna parte è responsabile del livello delle proprie emissioni stabilito nell'accordo.

6. Se le parti che agiscono congiuntamente lo fanno nel quadro di un'organizzazione di integrazione economica regionale che è essa stessa parte del presente protocollo e in consultazione con esso, ciascuno Stato membro di tale organizzazione di integrazione economica regionale, come individualmente e congiuntamente con l'organizzazione di integrazione economica regionale che agisce in conformità dell'articolo 24, è responsabile del livello delle sue emissioni come notificato ai sensi del presente articolo, nel caso in cui il livello totale cumulativo delle riduzioni 'le emissioni non possono essere raggiunte.

Articolo 5

1. Ciascuna parte inclusa nell'allegato I mette in atto, al più tardi un anno prima dell'inizio del primo periodo di impegno, un sistema nazionale che le consenta di stimare le emissioni antropiche per fonte e l'assorbimento mediante i pozzi di tutti i gas a effetto serra non regolamentati dal Protocollo di Montreal. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo adotterà, nella sua prima sessione, il quadro guida per questi sistemi nazionali, che includerà le metodologie specificate nel paragrafo 2 di seguito.

2. Le metodologie per la stima delle emissioni antropiche per fonte e l'assorbimento da parte dei pozzi di tutti i gas a effetto serra non regolamentate dal Protocollo di Montreal sono quelle approvate dall'Intergovernmental Panel on cambiamento climatico e approvato dalla Conferenza delle Parti nella sua terza sessione. Quando queste metodologie non vengono utilizzate, gli opportuni adeguamenti saranno effettuati seguendo le metodologie adottate dalla Conferenza delle Parti agente come riunione delle Parti del presente Protocollo nella sua prima sessione. Sulla base, tra l'altro, del lavoro del gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici e della consulenza fornita dall'organo sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica, la conferenza delle parti che funge da riunione delle parti del presente protocollo regolarmente e, se del caso, rivedere queste metodologie e adeguamenti, tenendo pienamente conto di tutte le decisioni pertinenti della Conferenza delle Parti. Qualsiasi revisione di metodologie o adeguamenti serve solo a verificare il rispetto degli impegni di cui all'articolo 3 per qualsiasi periodo di impegno successivo a tale riesame.

3. I potenziali di riscaldamento globale utilizzati per calcolare l'equivalente di anidride carbonica delle emissioni di origine antropica per fonte e l'assorbimento da parte dei pozzi di gas a effetto serra indicati nell'Allegato A sono quelli approvati. dal Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici e approvato dalla Conferenza delle Parti nella sua terza sessione. Sulla base, tra l'altro, del lavoro del gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici e della consulenza fornita dall'organo sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica, la conferenza delle parti che funge da riunione delle parti del presente protocollo regolarmente e, se necessario, rivedere il potenziale di riscaldamento globale corrispondente a ciascuno di questi gas a effetto serra, tenendo pienamente conto di qualsiasi decisione pertinente della Conferenza delle Parti. Qualsiasi revisione del potenziale di riscaldamento globale si applica solo agli impegni di cui all'articolo 3 per qualsiasi periodo di impegno successivo a questa revisione.

Articolo 6

1. Per onorare i propri impegni ai sensi dell'articolo 3, ogni Parte di cui all'allegato I può trasferire a qualsiasi altra Parte avente lo stesso status o acquisire da essa unità di riduzione delle emissioni risultanti da progetti. mirare a ridurre le emissioni di origine antropica da fonti oa migliorare gli assorbimenti antropici da pozzi di gas a effetto serra in qualsiasi settore dell'economia, a condizione che:

a) Qualsiasi progetto di questo tipo ha l'accordo delle Parti interessate;

(b) Qualsiasi progetto di questo tipo consente una riduzione delle emissioni per fonte o un miglioramento degli assorbimenti tramite pozzi, oltre a quelli che potrebbero essere ottenuti altrimenti;

(c) la Parte interessata non può acquisire alcuna unità di riduzione delle emissioni se non ottempera ai propri obblighi ai sensi degli Articoli 5 e 7;

d) L'acquisizione di unità di riduzione delle emissioni integra le misure adottate a livello nazionale per adempiere agli impegni previsti dall'articolo 3.

2. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo può, durante o non appena possibile dopo la sua prima sessione, sviluppare ulteriormente le linee guida per l'attuazione del presente articolo, in particolare per quanto riguarda auditing e reporting.

3. Una Parte di cui all'allegato I può autorizzare persone giuridiche a partecipare, sotto la sua responsabilità, a misure che conducano alla produzione, al trasferimento o all'acquisizione, ai sensi del presente articolo, di unità di riduzione delle emissioni. .

4. Se una questione relativa all'applicazione dei requisiti di cui al presente articolo è sollevata in conformità con le disposizioni pertinenti dell'articolo 8, le cessioni e le acquisizioni di unità di riduzione delle emissioni possono continuare dopo che la questione è stata sollevata. fermo restando che nessuna Parte può utilizzare queste unità per rispettare gli impegni previsti dall'articolo 3 fino a quando la questione della conformità non sarà stata risolta.

Articolo 7

1. Ciascuna Parte inclusa nell'allegato I include nel proprio inventario annuale delle emissioni antropiche per fonte e dell'assorbimento da parte dei pozzi di gas a effetto serra non regolamentati dal Protocollo di Montreal, stabilito in conformità con le decisioni pertinenti. della Conferenza delle Parti, ulteriori informazioni necessarie per garantire il rispetto delle disposizioni dell'articolo 3 e che devono essere determinate conformemente al paragrafo 4 di seguito.

2. Ciascuna Parte inclusa nell'Allegato I includerà nella sua comunicazione nazionale preparata in conformità con l'articolo 12 della Convenzione le informazioni aggiuntive necessarie per dimostrare che sta adempiendo ai propri impegni. ai sensi del presente Protocollo e da determinarsi in conformità al paragrafo 4 di seguito.

3. Ciascuna Parte inclusa nell'Allegato I deve presentare le informazioni richieste ai sensi del paragrafo 1 di cui sopra ogni anno, iniziando dal primo inventario che è tenuto a stabilire ai sensi della Convenzione per il primo anno di il periodo di impegno successivo all'entrata in vigore del presente protocollo nei suoi confronti. Ciascuna Parte fornirà le informazioni richieste ai sensi del paragrafo 2 di cui sopra come parte della prima comunicazione nazionale che è tenuta a presentare ai sensi della Convenzione dopo l'entrata in vigore del presente Protocollo per essa e dopo la adozione delle linee guida previste al successivo paragrafo 4. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo deciderà la periodicità con la quale le informazioni richieste ai sensi del presente articolo saranno successivamente comunicate, tenendo conto del calendario che potrà essere deciso dalla Conferenza delle Parti per la presentazione. comunicazioni nazionali.

4. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo adotta nella sua prima sessione e successivamente rivede periodicamente le linee guida per la preparazione delle informazioni richieste ai sensi del presente articolo, tenendo conto delle linee guida per la preparazione delle comunicazioni nazionali. Parti incluse nell'Allegato I adottato dalla Conferenza delle Parti. Inoltre, prima dell'inizio del primo periodo di impegno, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo deciderà le procedure per la contabilizzazione degli importi assegnati.

Articolo 8

1. Le informazioni comunicate ai sensi dell'articolo 7 da ciascuna delle Parti incluse nell'Allegato I saranno esaminate da squadre composte da esperti in base alle pertinenti decisioni della Conferenza delle Parti e conformemente alle linee guida adottate a tal fine. ai sensi del successivo paragrafo 4 dalla Conferenza delle Parti agente come riunione delle Parti del presente Protocollo. Le informazioni comunicate ai sensi del paragrafo 1 dell'articolo 7 da ciascuna delle Parti incluse nell'Allegato I sono considerate parte della compilazione annuale degli inventari delle emissioni e delle quantità assegnate e della relativa contabilità. Inoltre, le informazioni fornite ai sensi del paragrafo 2 dell'articolo 7 da ciascuna delle Parti incluse nell'Allegato I sono considerate parte dell'esame delle comunicazioni.

2. I gruppi di revisione sono coordinati dal segretariato e composti da esperti scelti tra quelli designati dalle Parti alla Convenzione e, se del caso, da organizzazioni intergovernative, in conformità con le indicazioni fornite a tal fine dal Conferenza delle Parti.

3. Il processo di revisione consente una valutazione tecnica completa e dettagliata di tutti gli aspetti dell'attuazione del presente protocollo da parte di una parte. I gruppi di revisione preparano un rapporto per la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo in cui valutano il rispetto di tale Parte ai suoi impegni e indicano eventuali problemi incontrati nell'adempimento di questi impegni e fattori che influenzano le loro prestazioni. Il segretariato distribuisce questo rapporto a tutte le parti della convenzione. Inoltre, il segretariato compilerà un elenco di questioni di attuazione che possono essere menzionate nel presente rapporto per sottoporlo alla Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo per ulteriore esame.

4. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo adotta nella sua prima sessione e successivamente riesamina periodicamente le linee guida per il riesame dell'attuazione del presente Protocollo da parte di gruppi di esperti, tenendo conto decisioni pertinenti della Conferenza delle Parti.

5. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo esaminerà, con l'assistenza dell'organo sussidiario per l'attuazione e dell'ente sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica, se del caso:

(a) Informazioni presentate dalle Parti ai sensi dell'articolo 7 e rapporti sulle revisioni di tali informazioni effettuate da esperti in conformità con il presente articolo;

(b) le questioni relative all'attuazione elencate dal segretariato conformemente al precedente paragrafo 3, nonché eventuali questioni sollevate dalle Parti.

6. In seguito all'esame delle informazioni di cui al precedente paragrafo 5, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo adotta, su qualsiasi questione, le decisioni necessarie ai fini dell'attuazione del presente Protocollo.

Articolo 9

1. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo riesamina periodicamente detto Protocollo alla luce dei dati e delle valutazioni scientifiche più affidabili riguardanti il ​​cambiamento climatico e il suo impatto, nonché i dati tecnici, sociali ed economici pertinenti. Queste revisioni sono coordinate con le revisioni pertinenti previste dalla Convenzione, in particolare quelle richieste dall'articolo 2, paragrafo 4 (d) e dall'articolo 2, paragrafo 7 (a), della Convenzione. Convenzione. Sulla base di questi riesami, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo adotta le misure appropriate.

2. La prima revisione avrà luogo nella seconda sessione della Conferenza delle Parti che fungerà da riunione delle Parti al presente Protocollo. Nuovi esami vengono effettuati in seguito su base regolare e puntuale.

Articolo 10

Tutte le Parti, tenendo conto delle loro responsabilità comuni ma differenziate e della specificità delle loro priorità di sviluppo nazionale e regionale, dei loro obiettivi e della loro situazione, senza prevedere nuovi impegni per le Parti non incluse nell'Allegato Riaffermando solo quelli già enunciati nell'articolo 1, paragrafo 4, della Convenzione e continuando a compiere progressi nell'adempimento di questi impegni al fine di conseguire uno sviluppo sostenibile, tenendo conto dei paragrafi 3, 5 e 7 della Articolo 4 della Convenzione:

a) Sviluppare, ove pertinente e per quanto possibile, programmi nazionali e, ove opportuno, regionali convenienti per migliorare la qualità dei fattori di emissione e dei dati sull'attività e / o modelli locali e che riflettano la situazione economica di ciascuna Parte, con l'obiettivo di stabilire e aggiornare periodicamente gli inventari nazionali delle emissioni antropiche per fonte e dell'assorbimento da parte dei pozzi di gas serra non regolato dal Protocollo di Montreal, utilizzando metodologie comparabili che dovranno essere decise dalla Conferenza delle Parti e conformi alle linee guida per la preparazione delle comunicazioni nazionali adottate dalla Conferenza stessa;

Leggi anche:  Agricoltura e Serra

(b) Sviluppare, attuare, pubblicare e aggiornare periodicamente programmi nazionali e, se del caso, regionali contenenti misure per mitigare i cambiamenti climatici e misure per facilitare l'adeguato adattamento a tali cambiamenti;

i) Questi programmi dovrebbero riguardare in particolare i settori dell'energia, dei trasporti e dell'industria, nonché l'agricoltura, la silvicoltura e la gestione dei rifiuti. Inoltre, le tecnologie e i metodi di adattamento per migliorare la pianificazione spaziale consentirebbero un migliore adattamento ai cambiamenti climatici;

(ii) le Parti incluse nell'Allegato I comunicano le informazioni sulle misure adottate ai sensi del presente Protocollo, compresi i programmi nazionali, in conformità con l'articolo 7; le altre Parti si adoperano per includere nelle loro comunicazioni nazionali, se del caso, informazioni sui programmi contenenti misure che, a loro avviso, contribuiscono a far fronte al cambiamento climatico e ai suoi effetti negativi. , comprese misure per ridurre l'aumento delle emissioni di gas a effetto serra e aumentare l'assorbimento da parte dei pozzi, misure di rafforzamento delle capacità e misure di adattamento;

(c) Cooperare per promuovere modalità efficaci per lo sviluppo, l'applicazione e la diffusione di tecnologie, know-how, pratiche e processi rispettosi dell'ambiente rilevanti per il cambiamento climatico e adottare tutte le misure possibili per promuovere, facilitare e finanziare, se del caso, l'accesso o il trasferimento di queste risorse, in particolare a beneficio dei paesi in via di sviluppo, anche attraverso lo sviluppo di politiche e programmi volti a garantire efficacemente il trasferimento di tecnologie rispettose dell'ambiente. sistemi appartenenti al dominio pubblico o appartenenti al settore pubblico e la creazione di un ambiente favorevole per il settore privato al fine di facilitare e rafforzare l'accesso a tecnologie rispettose dell'ambiente e il loro trasferimento;

d) Cooperare nella ricerca tecnica e scientifica e incoraggiare lo sfruttamento e lo sviluppo di sistemi di osservazione sistematici e la costituzione di archivi di dati al fine di ridurre le incertezze riguardanti il ​​sistema climatico, gli effetti negativi del cambiamento climatico e il conseguenze economiche e sociali delle varie strategie di risposta e cercare di promuovere la creazione e il rafforzamento di capacità e mezzi endogeni di partecipazione agli sforzi, ai programmi e alle reti internazionali e intergovernative riguardanti la ricerca e l'osservazione sistematica, tenendo conto dell'articolo 5 della Convenzione;

e) Sostenere attraverso la loro cooperazione e incoraggiare a livello internazionale, utilizzando, se del caso, organismi esistenti, lo sviluppo e l'attuazione di programmi di istruzione e formazione, compreso il rafforzamento delle capacità nazionali , in particolare a livello umano e istituzionale, e lo scambio o il distacco di personale responsabile della formazione di esperti nel settore, in particolare per i paesi in via di sviluppo, e per facilitare a livello nazionale la consapevolezza del pubblico sui cambiamenti climatici e accesso alle informazioni relative a tali modifiche. Dovrebbero essere sviluppate modalità appropriate affinché tali attività siano svolte tramite gli organi competenti ai sensi della Convenzione, tenendo conto dell'articolo 6 della Convenzione;

(f) includere nelle comunicazioni nazionali informazioni su programmi e attività intrapresi ai sensi del presente articolo in conformità con le decisioni pertinenti della Conferenza delle Parti;

(g) Tenere in debito conto, nell'adempimento degli obblighi previsti nel presente articolo, dell'articolo 8, paragrafo 4, della Convenzione.

Articolo 11

1. Nell'applicare l'articolo 10, le Parti tengono conto delle disposizioni dei paragrafi 4, 5, 7, 8 e 9 dell'articolo 4 della Convenzione.

2. Nel quadro dell'applicazione del paragrafo 1 dell'articolo 4 della Convenzione, in conformità con le disposizioni del paragrafo 3 dell'articolo 4 e dell'articolo 11 della stessa, e attraverso il entità o entità responsabili di garantire il funzionamento del meccanismo finanziario della Convenzione, Parti dei paesi sviluppati e altre Parti sviluppate elencate nell'Allegato II alla Convenzione:

(a) Fornire nuove risorse finanziarie aggiuntive per coprire i costi concordati sostenuti dai paesi in via di sviluppo per progredire nell'adempimento degli impegni già stabiliti nell'articolo 1, paragrafo 4 (a) della Convenzione e di cui all'articolo 10, lettera a), del presente protocollo;

(b) Fornire inoltre alle parti dei paesi in via di sviluppo, anche ai fini del trasferimento di tecnologia, le risorse finanziarie necessarie per coprire tutti i costi aggiuntivi concordati sostenuti per progredire nell'adempimento degli impegni già stabiliti nel paragrafo 1 del Articolo 4 della Convenzione e di cui all'articolo 10 del presente Protocollo, sul quale una Parte di un paese in via di sviluppo avrà concordato con l'entità o le entità internazionali di cui all'articolo 11 della Convenzione, in conformità con tale articolo.

L'adempimento di questi impegni tiene conto del fatto che il flusso di fondi deve essere adeguato e prevedibile, nonché dell'importanza di un'adeguata ripartizione degli oneri tra le parti dei paesi sviluppati. Linee guida per l'entità o le entità responsabili del funzionamento del meccanismo finanziario della Convenzione contenute nelle pertinenti decisioni della Conferenza delle Parti, comprese quelle approvate prima dell'adozione del presente Protocollo , si applica mutatis mutandis alle disposizioni del presente paragrafo.

3. Le Parti dei paesi sviluppati e le altre Parti sviluppate elencate nell'Annesso II della Convenzione possono anche fornire, e le Parti dei paesi in via di sviluppo possono ottenere, risorse finanziarie per l'attuazione dell'articolo 10 del presente Protocollo. bilaterale, regionale o multilaterale.

Articolo 12

1. Viene stabilito un meccanismo per lo sviluppo "pulito".

2. Lo scopo del meccanismo di sviluppo "pulito" è di assistere le parti non incluse nell'Allegato I a raggiungere uno sviluppo sostenibile, nonché a contribuire all'obiettivo finale della Convenzione, e a assistere le Parti incluse nell'allegato I a rispettare i loro impegni quantificati di limitare e ridurre le loro emissioni ai sensi dell'articolo 3.

3. Nell'ambito del meccanismo di sviluppo "pulito":

a) le parti non elencate nell'allegato I beneficiano di attività svolte nell'ambito di progetti che si traducono in riduzioni certificate delle emissioni;

(b) Le parti incluse nell'Allegato I possono utilizzare le riduzioni delle emissioni certificate ottenute attraverso queste attività per soddisfare parte dei loro limiti quantificati di limitazione delle emissioni e degli impegni di riduzione ai sensi dell'articolo 3, in conformità con quanto stabilito è stato stabilito dalla Conferenza delle Parti agente come riunione delle Parti del presente Protocollo.

4. Il meccanismo di sviluppo "pulito" sarà sotto l'autorità della Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo e seguirà le sue linee guida; è supervisionato da un comitato esecutivo del meccanismo di sviluppo "pulito".

5. Le riduzioni delle emissioni risultanti da ciascuna attività devono essere certificate da entità operative designate dalla Conferenza delle Parti che agisce come riunione delle Parti del presente Protocollo, sulla base dei seguenti criteri:

a) partecipazione volontaria approvata da ciascuna parte interessata;

(b) Benefici reali, misurabili e sostenibili legati alla mitigazione del cambiamento climatico;

c) Riduzioni delle emissioni oltre a quelle che si verificherebbero in assenza dell'attività certificata.

6. Il meccanismo di sviluppo "pulito" aiuta a organizzare i finanziamenti per le attività certificate, come appropriato.

7. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo svilupperà nella sua prima sessione modalità e procedure per garantire la trasparenza, l'efficienza e la responsabilità attraverso l'audit indipendente e la verifica delle attività.

8. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo assicurerà che una parte dei fondi delle attività certificate sia utilizzata per coprire i costi amministrativi e per assistere le Parti dei paesi in via di sviluppo che sono particolarmente vulnerabili agli effetti negativi di cambiamento climatico per finanziare il costo dell'adattamento.

9. Può partecipare al meccanismo per uno sviluppo "pulito", in particolare alle attività di cui alla lettera (a) del paragrafo 3 che precede e all'acquisizione di unità di riduzione delle emissioni certificate, sia enti pubblici che privati. ; la partecipazione è soggetta a direttive che possono essere impartite dal consiglio di amministrazione del meccanismo.

10. Le riduzioni delle emissioni certificate ottenute tra il 2000 e l'inizio del primo periodo di impegno possono essere utilizzate per contribuire a rispettare gli impegni per quel periodo.

Articolo 13

1. In qualità di organo supremo della Convenzione, la Conferenza delle Parti funge da riunione delle Parti del presente Protocollo.

2. Le Parti della Convenzione che non sono Parti del presente Protocollo possono partecipare, in qualità di osservatori, ai lavori di qualsiasi sessione della Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo. Quando la Conferenza delle Parti agisce come riunione delle Parti del presente Protocollo, le decisioni prese in base a tale Protocollo saranno prese solo dalle Parti del presente strumento.

3. Quando la Conferenza delle Parti agisce come riunione delle Parti del presente Protocollo, ogni membro dell'Ufficio di presidenza della Conferenza delle Parti che rappresenta una Parte della Convenzione che, in quel momento, non è Parte del presente Protocollo sarà sostituito da un nuovo membro eletto dalle Parti del presente Protocollo e tra loro.

4. La conferenza delle parti che funge da riunione delle parti del presente protocollo rivede periodicamente l'attuazione del presente protocollo e, nei limiti del suo mandato, adotta le decisioni necessarie per promuoverne l'effettiva attuazione. Svolge le funzioni che gli sono conferite dal presente protocollo e:

a) Valuta, sulla base di tutte le informazioni comunicategli in conformità alle disposizioni del presente Protocollo, la sua attuazione da parte delle Parti, gli effetti complessivi delle misure adottate in in particolare gli effetti ambientali, economici e sociali e il loro impatto cumulativo, nonché i progressi compiuti verso l'obiettivo della Convenzione;

b) riesamina periodicamente gli obblighi delle Parti ai sensi del presente Protocollo, tenendo debitamente conto delle revisioni previste dall'articolo 2, paragrafo 4 (d) e dall'articolo 2, paragrafo 7, della Convenzione e tenendo conto dell'obiettivo della Convenzione, dell'esperienza acquisita nella sua applicazione e dello sviluppo delle conoscenze scientifiche e tecnologiche e, a tal riguardo, esamina e adotta relazioni periodiche sull'attuazione di questa Protocollo;

c) Incoraggia e facilita lo scambio di informazioni sulle misure adottate dalle Parti per far fronte al cambiamento climatico e ai suoi effetti, tenendo conto della diversità delle situazioni, delle responsabilità e dei mezzi delle Parti nonché dei loro rispettivi impegni ai sensi del presente protocollo;

d) Facilita, su richiesta di due o più Parti, il coordinamento delle misure che hanno adottato per affrontare il cambiamento climatico e i suoi effetti, tenendo conto della diversità delle situazioni, delle responsabilità e dei mezzi delle Parti. nonché i rispettivi impegni ai sensi del presente protocollo;

e) incoraggia e dirige, in conformità con l'obiettivo della Convenzione e le disposizioni del presente Protocollo e tenendo pienamente conto delle decisioni pertinenti della Conferenza delle Parti, lo sviluppo e il perfezionamento periodico di metodologie comparabili per consentire il attuare efficacemente il suddetto protocollo, che sarà deciso dalla conferenza delle parti che funge da riunione delle parti del presente protocollo;

(f) formulare raccomandazioni su qualsiasi questione necessaria per l'attuazione del presente protocollo;

(g) si sforza di mobilitare risorse finanziarie aggiuntive in conformità con il paragrafo 2 dell'articolo 11;

(h) istituisce gli organi sussidiari ritenuti necessari per l'attuazione del presente protocollo;

i) se del caso, cerca e utilizza i servizi e l'assistenza delle organizzazioni internazionali e degli organi intergovernativi e non governativi competenti, nonché le informazioni da essi fornite;

j) Svolgerà tutte le altre funzioni necessarie per l'attuazione del presente Protocollo ed esaminerà qualsiasi compito derivante da una decisione della Conferenza delle Parti.

5. Il regolamento interno della Conferenza delle Parti e le procedure finanziarie applicate ai sensi della Convenzione si applicano mutatis mutandis al presente Protocollo, a meno che la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo non decida altrimenti per consenso.

6. Il segretariato convoca la prima sessione della Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo in occasione della prima sessione della Conferenza delle Parti prevista dopo l'entrata in vigore del presente Protocollo. Le successive sessioni ordinarie della Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo si terranno annualmente e coincideranno con le sessioni ordinarie della Conferenza delle Parti, a meno che la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo non decide altrimenti.

7. La Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo terrà sessioni straordinarie in qualsiasi altro momento lo ritenga necessario o se una Parte lo richiede per iscritto, a condizione che tale richiesta sia sostenuta da una terza parte del inferiore alle Parti entro sei mesi dalla sua comunicazione alle Parti da parte del segretariato.

8. Le Nazioni Unite, le sue agenzie specializzate e l'Agenzia internazionale per l'energia atomica nonché qualsiasi Stato membro di una di queste organizzazioni o che abbia lo status di osservatore presso una di esse che non non è una Parte alla Convenzione, può essere rappresentata alle sessioni della Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo in qualità di osservatori. Qualsiasi ente o organismo, nazionale o internazionale, governativo o non governativo, che sia competente nei settori contemplati dal presente Protocollo e che abbia informato il Segretariato che desidera essere rappresentato come osservatore a una sessione della Conferenza dei Le Parti che agiscono come riunione delle Parti del presente Protocollo possono essere ammesse in tale veste a meno che almeno un terzo delle Parti presenti vi si opponga. L'ammissione e la partecipazione degli osservatori sono disciplinate dal regolamento interno di cui al precedente paragrafo 5.

Leggi anche:  Emissioni globali di CO2 per fonte di attività

Articolo 14

1. Il segretariato istituito conformemente all'articolo 8 della Convenzione provvede al segretariato del presente protocollo.

2. Il paragrafo 2 dell'articolo 8 della Convenzione relativo alle funzioni del segretariato e il paragrafo 3 dello stesso articolo relativo alle disposizioni prese per il suo funzionamento si applicano mutatis mutandis al presente Protocollo. Il segretariato svolge anche le funzioni che gli sono affidate in virtù del presente protocollo.

Articolo 15

1. L'Organismo sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica e l'Organismo sussidiario per l'attuazione della Convenzione istituito dagli articoli 9 e 10 della Convenzione agiranno, rispettivamente, come Organismo sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica e come Organismo sussidiario per l'attuazione del presente protocollo. Le disposizioni della Convenzione relative al funzionamento di questi due organi si applicano mutatis mutandis al presente Protocollo. Le riunioni dell'Organismo sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica e dell'Organismo sussidiario per l'attuazione del presente Protocollo coincideranno con quelle dell'Organismo sussidiario per la consulenza scientifica e tecnologica e dell'Organismo sussidiario per l'attuazione del Convenzione.

2. Le Parti della Convenzione che non sono Parti del presente Protocollo possono partecipare in qualità di osservatori ai lavori di qualsiasi sessione degli organi sussidiari. Quando gli organi sussidiari agiscono come organi sussidiari del presente Protocollo, le decisioni ai sensi del presente Protocollo saranno prese solo da quelle delle Parti della Convenzione che sono Parti del presente strumento.

3. Quando gli organi sussidiari stabiliti dagli articoli 9 e 10 della Convenzione esercitano le loro funzioni in un'area coperta dal presente Protocollo, ogni membro del loro ufficio che rappresenta una Parte della Convenzione che, in quel momento, non è non parte del presente protocollo sarà sostituito da un nuovo membro eletto dalle parti del protocollo e tra di loro.

Articolo 16

La Conferenza delle Parti agente come riunione delle Parti del presente Protocollo esaminerà quanto prima possibile l'applicazione al presente Protocollo del processo consultivo multilaterale di cui all'articolo 13 della Convenzione e lo modificherà, se necessario, alla luce di qualsiasi decisione pertinente che può essere presa dalla Conferenza delle Parti della Convenzione. Qualsiasi processo consultivo multilaterale che possa essere applicato al presente protocollo funzionerà senza pregiudizio delle procedure e dei meccanismi stabiliti in conformità dell'articolo 18.

Articolo 17

La Conferenza delle Parti definisce i principi, le modalità, le regole e le linee guida da applicare in particolare per quanto riguarda la verifica, la rendicontazione e la responsabilità nello scambio di emissioni. Le parti incluse nell'allegato B possono partecipare allo scambio di quote di emissioni allo scopo di rispettare i loro impegni ai sensi dell'articolo 3. Qualsiasi scambio di questo tipo si aggiunge alle misure adottate a livello nazionale per rispettare gli impegni. valori di limitazione e riduzione delle emissioni previsti in questo articolo.

Articolo 18

Nella sua prima sessione, la Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo approva procedure e meccanismi appropriati ed efficaci per identificare e considerare i casi di inosservanza delle disposizioni del presente Protocollo, in particolare redigendo un elenco indicativo delle conseguenze, tenendo conto della causa, del tipo e del grado di non conformità e della frequenza dei casi. Se le procedure e i meccanismi di cui al presente articolo hanno conseguenze vincolanti, sono adottati mediante un emendamento al presente protocollo.

Articolo 19

Le disposizioni dell'articolo 14 della Convenzione relative alla risoluzione delle controversie si applicano mutatis mutandis al presente Protocollo.

Articolo 20

1. Qualsiasi parte può proporre emendamenti al presente protocollo.

2. Gli emendamenti al presente Protocollo saranno adottati in una sessione ordinaria della Conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del presente Protocollo. Il testo di ogni proposta di emendamento al presente Protocollo sarà comunicato alle Parti dal Segretariato almeno sei mesi prima della riunione in cui l'emendamento è proposto per l'adozione. Il segretariato comunicherà inoltre il testo di ogni proposta di emendamento alle Parti della Convenzione e ai firmatari di questo strumento e, per informazione, al Depositario.

3. Le parti si adoperano per raggiungere un accordo per consenso su qualsiasi proposta di emendamento al presente protocollo. Se tutti gli sforzi in questa direzione non hanno successo e non si raggiunge un accordo, l'emendamento è adottato in ultima istanza da una maggioranza dei tre quarti dei voti delle Parti presenti e votanti. L'emendamento adottato viene comunicato dal segretariato al depositario, che lo trasmette a tutte le parti per accettazione.

4. Gli strumenti di accettazione degli emendamenti saranno depositati presso il depositario. Ogni emendamento adottato in conformità al paragrafo 3 di cui sopra entrerà in vigore nei confronti delle Parti che lo hanno accettato il novantesimo giorno successivo alla data di ricezione da parte del Depositario degli strumenti di accettazione per tre quarti del tempo. meno Parti del presente Protocollo.

5. L'emendamento entrerà in vigore nei confronti di qualsiasi altra Parte il novantesimo giorno successivo alla data di deposito da parte di tale Parte presso il Depositario del proprio strumento di accettazione di detto emendamento.

Articolo 21

1. Gli allegati al presente protocollo ne costituiscono parte integrante e, salvo espressa disposizione contraria, ogni riferimento al presente protocollo costituisce allo stesso tempo un riferimento ai suoi allegati. Se gli allegati sono adottati dopo l'entrata in vigore del presente protocollo, si limitano a elenchi, moduli e altri documenti descrittivi di natura scientifica, tecnica, procedurale o amministrativa.

2. Ciascuna parte può proporre allegati al presente protocollo o modifiche agli allegati del presente protocollo.

3. Gli allegati al presente protocollo e gli emendamenti agli allegati al presente protocollo saranno adottati in una sessione ordinaria della conferenza delle parti che funge da riunione delle parti del presente protocollo. Il testo di ogni allegato o emendamento proposto ad un allegato deve essere comunicato alle Parti dal segretariato almeno sei mesi prima della riunione in cui l'allegato o l'emendamento è proposto per l'adozione. Il segretariato comunicherà inoltre il testo di ogni proposta di allegato o emendamento ad un allegato alle Parti della Convenzione e ai firmatari di questo strumento e, per informazione, al Depositario.

4. Le parti si adoperano per raggiungere un accordo per consenso su qualsiasi proposta di allegato o di modifica di un allegato. Se tutti gli sforzi in questa direzione falliscono e non si raggiunge un accordo, l'allegato o l'emendamento ad un allegato saranno adottati in ultima istanza con il voto della maggioranza dei tre quarti delle Parti presenti e votanti. L'allegato o l'emendamento ad un allegato adottato è comunicato dal segretariato al depositario, che lo trasmette a tutte le parti per accettazione.

5. Ogni allegato o qualsiasi emendamento ad un allegato, diverso dagli allegati A o B, che è stato adottato in conformità ai paragrafi 3 e 4 di cui sopra, entrerà in vigore nei confronti di tutte le Parti del presente Protocollo entro sei mesi. dopo la data in cui il depositario li notifica della sua adozione, ad eccezione delle parti che, nel frattempo, hanno notificato per iscritto al depositario di non accettare l'allegato o l'emendamento in questione. Per quanto riguarda le Parti che ritirano la loro notifica di non accettazione, l'allegato o l'emendamento ad un allegato entrerà in vigore il novantesimo giorno successivo alla data di ricezione da parte del Depositario della notifica di questo ritiro.

6. Se l'adozione di un allegato o di un emendamento ad un allegato richiede un emendamento al presente protocollo, tale allegato o emendamento ad un allegato non entrerà in vigore fino a quando l'emendamento al protocollo stesso non entrerà in vigore. vigore.

7. Gli emendamenti agli allegati A e B del presente protocollo sono adottati ed entrano in vigore secondo la procedura di cui all'articolo 20, a condizione che qualsiasi emendamento all'allegato B sia adottato solo con il consenso scritto della parte interessata. .

Articolo 22

1. Ciascuna Parte dispone di un voto, fatte salve le disposizioni del paragrafo 2 di seguito.

2. Nei settori di loro competenza, le organizzazioni regionali di integrazione economica dispongono, per esercitare il loro diritto di voto, di un numero di voti pari al numero dei loro Stati membri che sono parti del presente protocollo. Queste organizzazioni non eserciteranno il loro diritto di voto se uno dei loro Stati membri esercita il proprio diritto e viceversa.

Articolo 23

Il Segretario generale delle Nazioni Unite è il depositario del presente protocollo.

Articolo 24

1. Il presente Protocollo è aperto alla firma e soggetto a ratifica, accettazione o approvazione da parte degli Stati e delle organizzazioni di integrazione economica regionale che sono Parti della Convenzione. Sarà aperto alla firma presso la sede delle Nazioni Unite a New York dal 16 marzo 1998 al 15 marzo 1999 e sarà aperto all'adesione il giorno dopo che cesserà di essere aperto alla firma. Gli strumenti di ratifica, accettazione, approvazione o adesione sono depositati presso il depositario.

2. Qualsiasi organizzazione regionale di integrazione economica che diventi Parte del presente Protocollo senza che alcuno dei suoi Stati membri ne sia Parte è vincolata da tutti gli obblighi previsti dal presente Protocollo. Se uno o più Stati membri di tale organizzazione sono parti del presente protocollo, tale organizzazione ei suoi Stati membri concordano le rispettive responsabilità per l'adempimento dei loro obblighi ai sensi del presente protocollo. In tal caso, l'organizzazione e i suoi Stati membri non possono esercitare contemporaneamente i diritti derivanti dal presente protocollo.

3. Nei loro strumenti di ratifica, accettazione, approvazione o adesione, le organizzazioni regionali di integrazione economica indicheranno la portata della loro competenza rispetto alle materie disciplinate dal presente Protocollo. Inoltre, queste organizzazioni informeranno il Depositario, che a sua volta informerà le Parti, di qualsiasi cambiamento sostanziale nella portata delle loro competenze.

Articolo 25

1. Il presente Protocollo entrerà in vigore il novantesimo giorno successivo alla data di deposito dei loro strumenti di ratifica, accettazione, approvazione o adesione da parte di almeno 55 Parti alla Convenzione, comprese Parti incluse nell'allegato I le cui emissioni totali di anidride carbonica nel 1990 rappresentavano almeno il 55% del volume totale delle emissioni di anidride carbonica di tutte le parti incluse nel presente allegato.

2. Ai fini del presente articolo, "il volume totale delle emissioni di anidride carbonica nel 1990 dalle parti incluse nell'allegato I" è il volume notificato dalle parti incluse nell'allegato I, alla data in cui adottano presente Protocollo o precedente, nella loro comunicazione nazionale iniziale presentata ai sensi dell'articolo 12 della Convenzione.

3. In relazione a ciascuna Parte o organizzazione di integrazione economica regionale che ratifica, accetta, approva o aderisce al presente Protocollo dopo che le condizioni per l'entrata in vigore di cui al paragrafo 1 sopra sono state soddisfatte. , il presente Protocollo entrerà in vigore il novantesimo giorno successivo alla data di deposito da parte di tale Stato o organizzazione del suo strumento di ratifica, accettazione, approvazione o adesione.

4. Ai fini del presente articolo, qualsiasi strumento depositato da un'organizzazione di integrazione economica regionale non è aggiuntivo a quelli depositati dagli Stati membri di tale organizzazione.

Articolo 26

Non è possibile effettuare prenotazioni per questo protocollo.

Articolo 27

1. Allo scadere di tre anni dalla data di entrata in vigore del presente Protocollo per una Parte, tale Parte può, in qualsiasi momento, denunciarla mediante notifica scritta al Depositario.

2. Tale denuncia avrà effetto allo scadere di un periodo di un anno dalla data in cui il depositario ne riceve la notifica o da qualsiasi data successiva specificata in detta notifica.

3. Si ritiene che anche qualsiasi Parte che denunci la Convenzione denunci il presente Protocollo.

Articolo 28

L'originale del presente Protocollo, di cui i testi in arabo, cinese, inglese, francese, russo e spagnolo fanno ugualmente fede, sarà depositato presso il Segretario generale delle Nazioni Unite.

Fatto a Kyoto, l'11 dicembre millenovecentonovantasette.

IN FEDE DI CHE i sottoscritti, debitamente autorizzati a tal fine, hanno firmato il presente protocollo nelle date indicate.

Allegato A

Gas serra

Anidride carbonica (CO2)
Metano (CH4)
Protossido di azoto (N2O)
Idrofluorocarburi (HFC)
Idrocarburi perfluorurati (PFC)
Esafluoruro di zolfo (SF6)

Settori / categorie di fonti

Énergie

Combustione di carburanti

Settore energetico
Industria manifatturiera e delle costruzioni
Trasporti
Altri settori
altro

Emissioni fuggitive attribuibili ai carburanti

combustibili solidi
Petrolio e gas naturale
altro

Processi industriali

Prodotti minerali
Industria chimica
Produzione di metallo
Altra produzione
Produzione di idrocarburi alogenati ed esafluoruro di zolfo
Consumo di idrocarburi alogenati ed esafluoruro di zolfo
altro

Uso di solventi e altri prodotti

Agricoltura

Fermentazione enterica
Gestione del letame
riso
Terreno agricolo
Combustione prescritta della savana
Incenerimento in loco di rifiuti agricoli
altro

Rifiuti

Smaltimento di rifiuti solidi
Trattamento delle acque reflue
Incenerimento di rifiuti
altro

Appendice B.

Impegni di limitazione delle quote di parte
o ridurre le emissioni
(in percentuale delle emissioni per l'anno o periodo di riferimento)
Germania 92
Australia 108
Austria 92
Belgio 92
Bulgaria * 92
Canada 94
Comunità europea 92
Croazia * 95
Danimarca 92
Spagna 92
Estonia * 92
Stati Uniti d'America 93
Federazione Russa * 100
Finlandia 92
Francia 92
Grecia 92
Ungheria * 94
Irlanda 92
Islanda 110
Italia 92
Giappone 94
Lettonia * 92
Liechtenstein 92
Lituania * 92
Lussemburgo 92
Monaco 92
Norvegia 101
Nuova Zelanda 100
Paesi Bassi 92
Polonia * 94
Portogallo 92
Repubblica Ceca * 92
Romania * 92
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord 92
Slovacchia * 92
Slovenia * 92
Svezia 92
Svizzera 92
Ucraina * 100

________________________

* Paesi in transizione verso un'economia di mercato.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *