AdBlue, per limitare l'inquinamento dei veicoli diesel


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

I nuovi standard anti-inquinamento sono sempre più esigenti. Hanno spinto le case automobilistiche a considerare il problema della riduzione dell'inquinamento e della necessità di agire per preservare il nostro ambiente. È da questa emergenza ecologica che è nato AdBlue. Ma di cosa si tratta veramente? È un prodotto davvero spettacolare? E ci sono degli svantaggi nel suo utilizzo? Ti guidiamo a una migliore comprensione di questo prodotto.

Cos'è AdBlue?

ilAdBlue è un additivo sviluppato per soddisfare le esigenze specifiche del motore diesel, mentre limita l'impatto degli inquinanti di questo carburante. Un serbatoio per la ricezione di questo liquido è installato sui nuovi veicoli immessi sul mercato e che sono soggetti allo standard Euro 6 in applicazione da 1er September 2014.

Questi veicoli sono dotati di sistema di riduzione catalitica selettiva (CBC). Questo dispositivo è indicato per ridurre le emissioni di monossido di carbonio (CO), idrocarburi incombusti (HC), particelle fini (PM) ma anche ossidi di azoto (NOx). La SRC è già presente da 2005 sui camion e tende a prevalere sui nuovi veicoli che escono dalla fabbrica. È stato sviluppato per ridurre il nostro impatto sull'ambiente e per far fronte al disagio prodotto dal motore diesel.



Come funziona AdBlue?

Pompa AbBlue BP

Questa soluzione additiva viene utilizzata nell'SCR per trasformare gli ossidi di azoto in azoto e vapore acqueo che sono naturalmente presenti nell'aria che respiriamo. L'azione di AdBlue converte un gas inquinante nocivo in due elementi che non sono pericolosi per la natura e la nostra salute.

Questa soluzione, composta da acqua demineralizzata (67,5%) e urea (32,5%), non presenta alcun rischio di esplosione o rischio di accensione. Non è aggressivo per l'ambiente, ma può diventare corrosivo quando entra in contatto con determinati metalli. AdBlue garantisce gli standard in base alla qualità ISO 22241 e DIN 70070. L'uso di altri additivi sarebbe rischioso per la durata e il funzionamento del veicolo.

Quando AdBlue viene iniettato nel catalizzatore, entra in una reazione chimica con il gas di scarico e attenua la presenza dei componenti inquinanti. Le molecole di ammoniaca presenti nell'urea vengono rilasciate per ossidare Nox prodotto da un motore diesel. La trasformazione si sta evolvendo verso la produzione di dyazote e vapore acqueo, che vengono poi rilasciati nell'aria ambiente. L'azione si verifica non appena viene raggiunta la temperatura di 190 ° C.

Quali veicoli utilizzano AdBlue?

Solo i veicoli con un sistema SCR possono utilizzare l'additivo AdBlue. Quest'ultimo è già presente su una parte della flotta di camion. È installato su molti altri veicoli come autocarri, camper o minivan e veicoli 4 × 4. Per qualche tempo, molti veicoli sono stati originariamente dotati di un SCR che è composto da un catalizzatore, un serbatoio specifico per AdBlue, un'unità di iniezione additiva e un controllo per dosare correttamente AdBlue. Il prodotto è anche riservato esclusivamente ai motori alimentati a diesel.



Come dovresti usare l'additivo Adblue?

Questo prodotto additivo non deve essere miscelato con il carburante come molti altri additivi. I veicoli con un SCR devono avere un serbatoio adattato per ospitare l'AdBlue. Quindi aggiungi l'additivo in questo serbatoio, che è chiuso da un tappo blu facilmente riconoscibile. Quando il serbatoio è vuoto, una spia si accenderà sul cruscotto per avvisare che è necessario consegnare AdBlue. Il serbatoio si trova in posizioni diverse a seconda del modello del veicolo. Quindi, può essere posizionato nello stesso posto del boccaporto del serbatoio del carburante, ma anche sotto il cofano dell'automobile o nel bagagliaio. Dovresti sapere che un veicolo con SCR non funzionerà se non aggiungi AdBlue.

Quali sono le precauzioni da prendere?

Il prodotto non è dannoso per l'ambiente, ma può essere corrosivo quando viene a contatto con determinati materiali come il metallo. Evitare versamenti durante il rifornimento del serbatoio. Pulisci le mani dopo l'uso.

Per quanto riguarda la conservazione delle lattine, devi stare molto attento. AdBlue non supporta i raggi UV e rischiano di perdere qualità se subiscono un tipo di contatto. Deve quindi essere conservato in un luogo protetto dalla luce. Inoltre non ama le temperature estreme (gelo e calore), la temperatura ideale per la conservazione è tra 0 e 30 ° C.

Inoltre, non resiste allo stoccaggio che supera i mesi 18. Quindi utilizza rapidamente le dosi che hai e acquista i contenitori in base alle tue esigenze. Lo troverai ibc 1000 litri alla rinfusa, barattoli di 210 litri o 10 litri. Scegli la soluzione più adatta al tuo consumo AdBlue.



Vantaggi e svantaggi di AdBlue

Questo prodotto ha molti vantaggi, ma anche alcuni svantaggi che devono essere presi in considerazione.

Vantaggi:

  • AdBlue è progettato per rendere i motori diesel più puliti e ridurre il nostro impatto sull'ambiente.
  • La tecnologia SCR è nota per essere molto efficace nell'agire su ossidi di azoto e NOx che sono stati recentemente scandalosi in alcune case automobilistiche.
  • La maggior parte delle auto future sarà equipaggiata con questo sistema per garantire la conformità agli standard europei.

svantaggi:

  • Anche se il prodotto non è così costoso, rappresenta ancora un costo aggiuntivo nel lungo periodo. È quindi consigliabile acquistare contenitori in grandi quantità per ridurre i costi. L'acquisto di piccoli contenitori in una stazione di servizio o nei locali del costruttore può rapidamente diventare una trappola finanziaria.
  • I serbatoi SCR dei veicoli equipaggiati sono ancora troppo piccoli per eliminare completamente l'inquinamento dovuto ai gas di scarico.
  • Quando il serbatoio AdBlue è vuoto, il tuo veicolo perde potenza e potrebbe anche rifiutarsi di avviarsi.
  • Il consumo di AdBlue dipende anche dallo stile di guida e dal tipo di veicolo utilizzato.
  • Se la spia si accende, c'è una piccola riserva di AdBlue ma non si dovrebbe ritardare il rifornimento, in modo da non alterare il funzionamento del veicolo.

Saperne di più? Fai le tue domande sul forum trasporto e motori

commenti Facebook

3 commenta "AdBlue, per limitare l'inquinamento dei veicoli diesel"

  1. Tutto questo non è accurato perché il diesel uccide. Il rapporto ICCT (Consiglio internazionale
    su Clean Transportation) di febbraio 2019 dimostra che due terzi di
    l'eccesso di mortalità causato dall'inquinamento atmosferico in Francia è collegato a
    motori diesel.
    E questo riguarda gli ultimi modelli così come quelli più vecchi. Questo è spiegato
    per due motivi principali, i difensori del diesel spesso fingono
    dimenticare. La prima ragione è la natura chimica delle particelle da
    motori diesel - diversi da quelli dei motori a benzina. È per questo
    perché l'agenzia internazionale per la ricerca sul cancro li ha classificati
    come "alcuni agenti cancerogeni" in 2012. Tutti i discorsi sulla quantità di
    le particelle servono solo a farci dimenticare il problema di salute
    principali connessi alla composizione chimica delle particelle.
    La seconda ragione è che i motori diesel emettono molto
    biossido di azoto (NO2), un gas tossico per le vie respiratorie e
    Cardiovascolare. Da cinque a sei volte più di un veicolo a benzina! Livelli di
    NO2 supera i limiti di legge nella maggior parte dei principali
    Agglomerati francesi - a causa dei motori diesel.
    La Corte di giustizia dell'Unione europea ha fatto causa in particolare per la Francia
    queste ragioni. L'industria diesel risponde a quella nuova
    decontaminazione, come la riduzione catalitica selettiva (SCR) con tipo additivo
    Ad Blue, risolvi il problema. Sfortunatamente, è sbagliato, e
    non abbiamo mai smesso di ricordare i nostri dubbi sui motori
    diesel. In effetti, guida con partenza a freddo e su brevi distanze, in
    città, non permette di raggiungere la temperatura necessaria per il bene
    funzionamento di questi sistemi di controllo dell'inquinamento, che porta a significativi
    emissioni di biossido di azoto. Peggio ancora, non funzionando correttamente, il
    I sistemi Ad Blue rilasciano NH3 e NO2 che possono - combinando -
    forma particelle fini secondarie!
    Questo malfunzionamento porta anche alla produzione di protossido
    azoto (N2O), un gas a effetto serra 300 volte più potente di CO2. di
    stesso, i catalizzatori che limitano le emissioni di idrocarburi aromatici
    agenti policiclici (IPA), agenti estremamente tossici e cancerogeni,
    operare poco in città e all'avvio quando il motore è freddo.
    Per quanto riguarda i filtri antiparticolato, richiedono una manutenzione regolare che non funzioni
    soggetto di qualsiasi regolamento. Alla fine, lasciano uscire le nanoparticelle
    ancora più tossici e che, a causa delle loro dimensioni, saranno in grado di penetrare nel sistema
    cerebrale e soprattutto la placenta, come è stato recentemente
    dimostrato su diesel dotati di filtri antiparticolato.
    Test eseguiti su veicoli diesel coperti dallo standard Euro 6d-Temp
    dimostrare che in condizioni più rappresentative della condotta effettiva di
    utenti, N2O e le emissioni di particelle fini salire, fino a
    nove volte i limiti consentiti. Prova della sua insufficienza, lo standard Euro 6d-
    Temp ha bisogno di essere rivisto in 2019 in seguito alla denuncia delle città di Parigi, Bruxelles e
    Madrid.

    1. Adblue limita precisamente le emissioni di NOx, quindi non è sbagliato, le morti vengono evitate grazie ad Adblue!

      L'Adblue non interviene, invece, sulle particelle (fini o meno fini): questo è il ruolo del filtro antiparticolato che è quasi standard su tutto il diesel recente (prima che potesse essere proposto ... opzionale! Un'altezza!)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *