vignetta di aria critica

Bollino antinquinamento e ZFE: elenco città interessate

Il bollino antinquinamento è stato messo in atto per un motivo lodevole, quello di ridurre drasticamente il inquinamento atmosferico che emana da trasporto su camion e dei suoi impatti sulla salute dei residenti, il sistema del "certificato di qualità dell'aria" mira a classificare i veicoli che circolano in tutta la Francia su una scala da 0 a 5, dal meno inquinante al più inquinante. Questo dispositivo ha un totale di 6 pulsanti colorati, a seconda del livello di inquinamento ambientale del veicolo. È in vigore sia nelle zone a bassa emissione ufficialmente dichiarate (ZFE) sia nei perimetri a traffico differenziato (sistema di traffico attivato in caso di episodio di inquinamento intenso o persistente). Se desideri conoscere ogni EPZ istituita nella tua comunità o se stai per viaggiare in un territorio interessato, ti invitiamo a esplorare le seguenti informazioni per scoprire le diverse città che d'ora in poi rientrano nell'ambito del "certificato" sistema. qualità dell'aria”. Questo ti aiuterà a prepararti per eventuali restrizioni al traffico.

Vignetta dell'inquinamento: città che hanno già formalizzato le proprie EPZ o si stanno preparando a farlo

Innanzitutto, le zone a bassa emissione (ex ZCR) sono zone specifiche istituite con decreto prefettizio e nelle quali la circolazione dei veicoli inquinanti è limitata o vietata in determinate fasce orarie. In altre parole, le autorità locali differenziano i veicoli in base alla loro livello di emissione di inquinanti atmosferici e ottimizzare la politica di parcheggio.

Leggi anche:  Thèse des Mines de Paris: olio combustibile e combustione dell'acqua

Gli adesivi antinquinamento rappresentano poi una vera e propria chiave di volta per circolare in queste zone ufficialmente dichiarate. In breve, queste zone sono state istituite con l'obiettivo di ridurre notevolmente le emissioni inquinanti, soprattutto nelle grandi città. L'obiettivo è quindi quello di migliorare la qualità dell'aria (da cui il nome del dispositivo).

Se vuoi saperne di più sul funzionamento del dispositivo "certificato di qualità dell'aria", puoi scopri di più su Vignette-pollution.org, un servizio diottenere adesivi antinquinamento. Da questo sito, che facilita le procedure per gli utenti, puoi ordinare il tuo badge in base alla classe ambientale del tuo veicolo. Il costo di questa pastiglia è di € 3,67 per una spedizione in Francia (spese di spedizione incluse) e di € 4,51 per una spedizione fuori dalla Francia (spese di spedizione incluse).

auto inquinanti

Attualmente le EPZ ufficiali riguardano solo una piccola porzione della Francia, ma entro il 2025 il sistema si estenderà a tutti gli agglomerati con più di 150 abitanti. Il zone a bassa emissione già in vigore si trovano nei seguenti enti locali:

  • Grand-Paris, compresa intra-muros Paris e la metropoli di Grand Paris (i 79 comuni situati all'interno del perimetro dell'autostrada A86)
  • Metropoli di Grenoble-Alpes
  • Metropoli di Lione o Grande Lione
  • Metropoli di Rouen-Normandia (perimetro delimitato dai viali del centro di Rouen)
  • Metropoli della Grande Nancy
Leggi anche:  Lo scandalo delle auto elettriche: EV1, Hypermini, RAV4 EV

Preoccupate dal decreto del 17 settembre 2020, altre comunità hanno confermato la loro calendario per l'istituzione delle EPZ :

  • Metropolitana di Tolosa (settembre 2021)
  • Eurometropoli di Strasburgo (1 gennaio 2022)
  • Aix-Marseille-Provence metropoli (nel 2022)

Per quanto riguarda le metropoli di Montpellier-Méditerranée Métropole, Toulon-Provence-Méditerranée e Nice-Côte d'Azur, non hanno ancora annunciato il loro calendario, ma hanno ancora intenzione di allestire il loro ZFE quest'anno.

A Greater Nancy, il traffico non è differenziato fino al 3° giorno dell'episodio di inquinamento. Nel caso di Rouen, le restrizioni al traffico interessano inizialmente una piccola parte del centro città e possono ampliarsi man mano che la situazione peggiora. Da settembre 2021, la ZFE di Toulouse Métropole si applicherà solo ai veicoli commerciali pesanti Crit'Air 5 o ai veicoli commerciali leggeri e non classificati. Il restrizioni al traffico riguarderà solo le auto dal 2023. L'adesivo Crit'Air riguarda anche le 2 ruote : moto e scooter termici

Città in cui è in vigore il traffico differenziato

Il certificato di qualità dell'aria è obbligatorio anche nelle zone in cui il sistema di circolazione differenziata è stabilito con decreto prefettizio. Come già accennato in precedenza, questo sistema si attiva solo durante i picchi di inquinamento. L'obiettivo delle autorità è ovviamente quello di ridurre l'afflusso di veicoli inquinanti e quindi di ridurre al minimo la gravità e la durata dell'episodio.

Leggi anche:  Scegli una bicicletta: ATV o Mountain Bike

Tuttavia, il sistema di circolazione differenziata è solo temporaneo, a differenza delle EPZ che sono permanenti. Ogni zona a traffico differenziato è nota come Zona di protezione aerea (ZFA) o Zona di protezione aerea dipartimentale (ZPAd) nel caso in cui un intero dipartimento sia interessato dalle restrizioni.

Il perimetro interessato dal sistema di circolazione differenziata è già stato definito in alcune aree metropolitane quali Grenoble, Île-de-France, Lille, Lione, Marsiglia, Rennes, Strasburgo e Tolosa. In ogni caso, prima di recarsi in un determinato territorio, è nel vostro interesse consultare preventivamente lo strumento di Vigilanza Atmosfera del Ministero per sapere se la prefettura vi ha attivato la viabilità differenziata e se è necessario ottenerlo. un adesivo antinquinamento. Si tratterà quindi di determinare a quale tipo appartiene il tuo veicolo.

1 commento su “Bollino antinquinamento e ZFE: elenco dei comuni interessati”

  1. Questa iniziativa di adesivo antinquinamento è un buon passo. I viaggi automobilistici intramurali rappresentano una delle maggiori fonti di inquinamento atmosferico. È quindi necessario trovare soluzioni per limitare questo inquinamento, e sembra abbastanza difficile in quanto il nostro uso dell'auto è così profondamente radicato nelle nostre abitudini. Sebbene l'adozione di una semplice losanga possa sembrare un po' leggera in azione, è un riflesso di nuove normative che sono molto vantaggiose. Per andare oltre, sarebbe necessario estendere le zone di limitazione dell'inquinamento, anche a costo di ridurre il limite di velocità.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *