Agricoltura ed energia

Agricoltura ed energia: certamente un consumatore, ma anche produttore di risorse energetiche insospettate.

Biocarburanti, digestione anaerobica, elettricità eolica: l'agricoltura ci pensa ogni giorno un po 'di più, con l'aumento del prezzo di un barile. Questo perché alcune pratiche agricole sono particolarmente legate all'economia petrolifera. Le sue risorse gli avrebbero permesso di liberarsi parzialmente.

Il 5% dell'energia consumata in Francia proviene dall'agricoltura e il 10% dall'industria alimentare. Più della metà dell'energia fossile (petrolio, gas) utilizzata per l'agricoltura, 53% in modo molto preciso, viene utilizzata per la sintesi di fertilizzanti. La sintesi di un'unità di azoto richiede circa un chilogrammo di equivalente olio. E la quota del costo dell'energia nel prezzo finale del fertilizzante è 17%, è inferiore a 2% per un prodotto fitosanitario. La spesa media per la semina di terreni arati è 100 a 150 litri di carburante per ettaro per mais e più di 100 per grano. L'essiccazione dei cereali è un altro grande utilizzatore di energia: mais con 35% di umidità richiede 25 a 30 kg di propano per tonnellata. Per quanto riguarda l'irrigazione del mais, 0,15 l di carburante per m3 di acqua nel sistema di avvolgimento e mais 1 500 m3 / ha è 220 litri di carburante / ha e 0,08 l di carburante / m3 per un sistema di irrigazione integrale ...
Infine, la bolletta del carburante per una monocoltura di mais è stata arata, fertilizzata con unità di azoto 220, irrigata a 1500 m3 e raccolta all'umidità 35% supera ampiamente l'500 l di carburante / ha / anno.. La resa media attuale di un ettaro di mais è di 80 quintali o 8 tonnellate di biomassa. Queste cifre mostrano quanto l'aumento del prezzo di un barile possa mettere a repentaglio l'economia agricola.


Consumo di petrolio dell'agricoltura e aumento della produttività in percentuale per l'anno 1990 preso come riferimento a 100, secondo Jean Laherrère, ex capo della ricerca geologica e mineraria alla Total. Clicca sull'immagine per ingrandirla.

I rischi di un'economia agricola asserviti a quello del petrolio

Leggi anche:  Il Piano Biofuel 2005

Queste cifre non sarebbero così importanti se il petrolio fosse una risorsa inesauribile. Lo svantaggio è che diventerà costoso. Perché la domanda diventerà maggiore dell'offerta con potenze emergenti come Cina o India e perché i costi di estrazione e raffinazione aumenteranno dovendo andare a prendere petrolio a - 6000 m sotto gli oceani o dovendo raffinare le sabbie bituminose.
Secondo specialisti molto seri nell'economia del petrolio, come Jean Laherrère, abbiamo raggiunto i limiti della capacità di aumentare la produzione di petrolio, anche se si prevede che la domanda aumenterà. Avremmo raggiunto quello che gli economisti del petrolio chiamano Hubbert Peak.


Clicca sull'immagine per ingrandirla

Tuttavia l'agricoltura ha i mezzi per anticipare la crisi e rispondere all'aumento dei prezzi del petrolio. In primo luogo, produce molte risorse energetiche insospettate, che non sono valutate: liquami, metano, biocarburanti, cannucce combustibili.

Cannucce, una risorsa interessante.

Vediamo in "petrolio equivalente" e equivalente efficienza energetica, il valore energetico di alcuni prodotti agricoli. Sapendo che l'equivalente di una tonnellata di petrolio (Tep) produce 41,86 GJ (Gigajoule), energia rilasciata quando il combustibile viene bruciato. Un Tep corrisponde ai quintali di mais 25,8 con umidità 15%. Il grano è un po 'meno energico, poiché ci vogliono quintali 27,2 per abbinare un TEP.
La paglia di mais è un'altra fonte di energia insospettata, poiché una tonnellata di paglia produce 15,2 GJ, l'equivalente di 360 kg di olio equivalente. Il pensiero tecnologico sul recupero energetico di questa paglia di mais è ben avanzato nelle pianure del mais canadese. Anche la paglia di grano potrebbe essere valutata. Il Regno Unito non ha aspettato. A Ely, non lontano da Cambridge, una centrale elettrica opera da 1999 con 200 000 tonnellate di paglia / anno per una potenza di 271 GW / h, equivalente alle esigenze degli abitanti di 80 000. L'autonomia della fabbrica è di 76 ore con 2100 tonnellate di capacità di memoria. www.eprl.co.uk). Proprio come la paglia di mais, 3 tonnellate di paglia di grano equivalgono a un TEP. Ciò solleva la questione della materia organica della terra, pilastro della loro fertilità e la paglia è una fonte importante. Ciò potrebbe essere compensato dall'uso di interculture o colture rubate.

Leggi anche:  Bio-metanizzazione in Africa: flyer tanzaniano

Insospettate risorse energetiche agricole.

Il passaggio ai biocarburanti è un altro punto di interesse per l'agricoltura, purché i metodi di produzione dei biocarburanti rispettino la terra. Tuttavia, tutte le colture in grado di produrre bioetanolo non sono dello stesso interesse se si considera il rapporto (quantità di energia rilasciata da 1 litro di biocarburante / quantità di energia necessaria per la produzione di 1 litro di biocarburante). Non c'è infatti interesse energetico a produrre 1 litro di biocarburante, se è necessario consumare (sotto forma di petrolio o risorse fossili) l'equivalente di più di 1 litro di questo combustibile. Gli studi divergono, ma riteniamo non interessante il bioetanolo di frumento, essendo questo rapporto 1,1, è 1.6 per il bioetanolo ottenuto dalla barbabietola da zucchero e 1,9 per gli esteri di semi oleosi se il i coprodotti vengono utilizzati, ad esempio, nel panello della colza, una fonte di proteine ​​che può aiutare a sostituire la soia. Questi calcoli vengono effettuati sulla base di una resa di 30 quintali di colza in grado di fornire 1 L di esteri, un ettaro di frumento in grado di fornire 400 L di bioetanolo e un ettaro di barbabietola 2 L fornendo bioetanolo. L'impiego di olio vegetale grezzo poiché il carburante sembra essere la soluzione più econologica!

Cogenerazione, metano e disimpegno francese

Altre possibili risorse agricole risiedono anche in cogenerazione da unità di metanizzazione funzionanti con liquame e tutte le altre fonti vegetali nel fermentatore. Studi commissionati da allevatori di suini nella Mosa mostrano che alla tariffa elettrica europea pagata al produttore a 0,11 € / kWh, un'unità di 350 scrofe e ingrasso potrebbe rendere redditizia la sua installazione. Ma al tasso di 0,059 € / kW (solo la metà del tasso europeo), il prezzo di riacquisto offerto dal principale operatore francese, diventa più difficile rendere redditizio ... La Francia non rispetta gli impegni europei, una situazione tanto più dannoso per l'ambiente rispetto al metano (CH4) ha un impatto 21 volte maggiore della CO2 sull'effetto serra. In altre parole, il potenziamento di un chilogrammo di biogas mediante combustione ha un effetto "negativo" (negativo in termini di impronta di carbonio e quindi positivo su
effetto serra) anche se produciamo CO2. Per il biogas, l'installazione consiste nel dotare la fossa dei fanghi di una copertura per la raccolta dei gas, un agitatore e un sistema di riscaldamento per avviare la fermentazione e installare una seconda fossa per i digestati. Molti agricoltori ci stanno pensando.
L'agricoltura ha le tecnologie per ridurre il consumo di petrolio: semina diretta, nessuna lavorazione del terreno, che spende 3 a 4 volte meno carburante per la semina, colture intermedie di legumi che producono azoto.

David Lefebvre


Consumo di fertilizzanti e aumento della produttività in agricoltura dal 1960. Questa curva offre un assaggio delle conseguenze della scarsità di petrolio. Senza petrolio, senza fertilizzanti, l'agricoltura può soddisfare il fabbisogno alimentare. Si tratta quindi di separare le tecniche agricole dal petrolio.Clicca sull'immagine per ingrandirla

Per maggiori informazioni:
- Agricoltura e biocarburanti
- Biocarburanti HVB
- Il piano per i biocarburanti 2005
- Vivi senza petrolio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *