L'Airbus A380 e il CO2

L'A380: l'ultima prodezza della specie umana?

Di Eric Souffleux

Mentre tutti sono entusiasti del primo volo dell'A380, sono profondamente addolorato. La società intorno a me ha la sindrome del Titanic. Crede nell'onnipotenza del progresso e non ha bisogno di pensare al significato che gli dà. Non importa se abbiamo sentito parlare della presenza di iceberg, l'importante è continuare a battere i record ... nel consumo di energia e nelle emissioni di gas serra (GHG).

Nelle vostre colonne possiamo leggere che questo aereo è un "gigante verde" perché consuma solo 2.9 litri di cherosene ogni 100 km per passeggero. Trovo semplicemente oltraggioso parlare di questo aereo come di un aereo accettabile dal punto di vista ambientale. Ma lo capisco perché c'è una cronica mancanza di informazioni sugli iceberg che ci minacciano. Tra questi iceberg, il più grande è sicuramente il riscaldamento globale. Per evitare i problemi peggiori, sappiamo che oggi dovremmo limitare le nostre emissioni di gas serra a 500 kg di carbonio equivalente, ed è molto probabile che domani (entro il 2030-2050) questa soglia dovrà essere abbassata a 300 kg. A cosa corrisponde questa cifra di 500 kg di carbonio equivalente in termini di consumo di petrolio? Ecco il coefficiente di conversione da ricordare: 1 litro di carburante petrolifero produce l'emissione di circa 800 g di carbonio equivalente. (L'autore parla qui in carbonio equivalente puro e non in CO2, questa cifra deve essere moltiplicata per circa 3 per ottenere la cifra per la massa di anidride carbonica rilasciata, cfr: Equazioni di combustione e CO2 ). Pertanto, limitare le sue emissioni a 500 kg di carbonio equivalente equivale a limitare il suo consumo annuale di petrolio a 625 litri. Già questo è pochissimo poiché corrisponderebbe ad un solo viaggio in A380 (versione bestiame con compagnia dello stile "Air Bétail") di 21500 km! E poiché le emissioni vengono effettuate in quota, l'effetto serra risultante è da due a quattro volte maggiore, il che divide il limite di chilometraggio accettabile per la stessa quantità. Per semplificare i calcoli e tenere conto delle incertezze scientifiche su questo argomento, non ne ho tenuto conto per il resto del testo, ma bisogna tenere presente questo aspetto del problema.

Leggi anche:  Assicurazione auto: come ottenere un'assicurazione in caso di emergenza?

Dobbiamo anche tenere conto del fatto che i gas serra vengono emessi con attività diverse dall'attività di trasporto. In Francia, solo un quarto delle nostre emissioni è imputabile ai trasporti, quindi possiamo dire che dovremmo riservare al trasporto un quarto dei 625 litri sopra citati, ovvero 159 litri (solo un barile di petrolio). ). Con un barile puoi viaggiare sull'A380 solo per 5500 km!

E in questo settore dei trasporti, non è solo aviazione, ma ha anche (e molto più avanti) auto, camion e barche. Alla fine, la quota di petrolio che potremmo riservare per viaggiare con l'A380 potrebbe essere di circa 20 litri all'anno, o sufficiente per fare 700 km, il che è davvero molto ottimistico date le caratteristiche delle emissioni stratosferiche. Possiamo vedere molto chiaramente che l'A380 è compatibile con l'ecologia solo se le persone si limitano a un singolo viaggio transoceanico ogni 20-80 anni. E ancora, dovranno limitare il consumo di carburante delle automobili contemporaneamente a 50 litri all'anno, un pieno con le nostre attuali auto!

Leggi anche:  Ti muovi affittando una rete elettrica? Un atto responsabile ed ecologico nella crisi del Covid-19

Credo di aver fornito numeri sufficienti per far capire al lettore che l'A380 è molto probabilmente l'ultima conquista dell'umanità in termini di induzione di emissioni di gas serra. Quando ero bambino, il mio sogno era diventare un pilota di caccia. Sono cresciuto con il progresso tecnico, ho passato 60 ore a bordo di aerei civili e non so per quale miracolo, sono stato guidato dalla ragione e dalla saggezza su un modo diverso di vedere il mondo. Per due anni e mezzo ho combattuto contro questa società di sprechi e disprezzo per le generazioni future. Non contare su di me per continuare su questa strada. Boicotto l'aviazione perché ora che conosco le conseguenze mi riterrei colpevole di omicidio volontario contro le generazioni future se per caso varcherò di nuovo il gate di imbarco di un aereo di linea.

Penso anche che dovremo riservare le nostre forze per affrontare il crack dilagante del settore immobiliare, l'impennata del petrolio e tutte le calamità che la natura sta preparando per noi.

Leggi anche:  Come primo motore pantone?

Per concludere, ciò che mi rattrista di più è che attraverso questo forum, e in generale, tutti i media, sono un marginale. Sogno che tutte le persone che si riconoscono in quello che scrivo facciano lo stesso, così che non sono più l'unico, o quasi, a testimoniare la mia quotidiana lotta contro il fatalismo ambientale.

Eric Souffleux

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *