ristorante coronavirus

Aiutare i ristoratori dopo la crisi del coronavirus

Oltre ad essere un vero pericolo per la vita, l'epidemia di coronavirus sta anche danneggiando l'economia a causa del rallentamento e persino della cessazione di molte attività. Tra i più colpiti ci sono i ristoratori che hanno dovuto chiudere i battenti dal 14 marzo a mezzanotte per ordine della presidenza della Repubblica.

Un colpo e una necessità per aiutare a combattere la diffusione del virus. Non sorprende quindi che questi professionisti stiano affrontando gravi difficoltà finanziarie e che la situazione probabilmente peggiorerà, anche dopo il decontainment !

Il presidente della sezione di ristorazione dell'Unione dei commerci e delle industrie alberghiere (UMIH) annuncia che oltre la metà degli stabilimenti è in pericolo. Infatti, nonostante la possibilità di consegna a domicilio o di vendita da asporto, molti stabilimenti non sono stati in grado di farlo per mancanza di mezzi e temere la reazione pubblica alla riapertura.

Come possiamo agire per aiutare i ristoratori dopo la crisi del coronavirus ? In particolare, utilizzando la consegna e facendo funzionare i produttori locali: un modo per continuare a lavorare, restituendo l'orgoglio ai prodotti francesi, regionali e di qualità. Limitiamo le emissioni di CO2 dovute alla consegna di cibo da paesi stranieri e stiamo quindi facendo un gesto sia per il pianeta che per la nostra economia francese!

Soluzioni per aiutare i ristoratori

Siamo in grado di introdurre alcune buone pratiche nella nostra vita quotidiana al fine di contribuire al buon recupero delle attività di ristorazione dopo il coronavirus.

Acquista da asporto

Anche se non è più possibile per i ristoranti aprire le proprie sale ai clienti, sono stati autorizzati a offrire asporto. Possiamo quindi approfittare delle nostre rare uscite essenziali per fare scorta di asporto in questi stabilimenti e quindi dare il nostro contributo all'economia francese. Sebbene questa prospettiva possa sollevare timori di ricontaminazione, sappi che il rispetto dei gesti di barriera è un modo efficace per proteggerti.

Quindi, non dimenticare le maschere e rispettare la distanza di sicurezza mentre ordini. Inoltre, anche questi professionisti devono rispettare istruzioni per limitare al minimo il contatto con il cliente.

Leggi anche: Atto V di gilet gialli, l'origine del movimento, il suo futuro e la sua fine?

Fai consegnare i pasti a casa tua

La migliore soluzione per aiutare a instillare l'attività dei restauratori durante il coronavirus è quella di avere i pasti consegnati a casa tua. Con questo gesto, aiuti non solo i ristoranti, ma anche servizi di consegna come Uber Eats per esempio, che sono anche colpiti da questa crisi. Contattare il servizio clienti Uber Eats trovando facilmente e rapidamente i dettagli di contatto da un sito di intelligence online. Tutto quello che devi fare è consegnare i pasti a casa tua!

Non solo gestisci l'attività locale (ristoratori, produttori che forniscono le materie prime e il servizio di consegna), ma limiti anche la tua impronta di carbonio. In effetti, il tuo addetto alla consegna di Uber Eats consegnerà diverse persone da solo, in un'area a volte vicina, piuttosto che diverse persone che arrivano al ristorante.

Finalmente è possibilecombina vincoli Covid e gesto eco-cittadino !

Consegna del ristorante Coronavirus

Acquista buoni regalo o buoni regalo

Puoi anche supportare i tuoi ristoranti preferiti che hanno dovuto chiudere i negozi a causa della crisi sanitaria, acquistandoli buoni regaloX. A differenza della consegna a domicilio o dell'acquisto di pasti da asporto, questo gesto consiste nell'aiutare oggi e poi essere ringraziato quando riapre lo stabilimento.

Leggi anche: Philippe Séguin denuncia la truffa del debito pubblico

Per fare questo, devi andare su una piattaforma di solidarietà che elenca un centinaio di ristoranti in tutta la Francia e che offre buoni regalo e buoni, in cambio di una prenotazione per un pasto o pacchetti personalizzati in questi stabilimenti. Grazie a questo sistema, i ristoranti possono quindi beneficiare di un flusso di cassa immediato che possono utilizzare per continuare a operare o per prepararsi per la riapertura al pubblico in seguito. Nota che alcune piattaforme ti consentono di aiutare i caregiver allo stesso tempo, poiché donano una piccola parte del denaro ottenuto agli ospedali.

I le carte regalo costano tra 50 e 70 euro, mentre gli stabilimenti di tutta la Francia possono registrarsi gratuitamente su queste piattaforme.

Perché è così importante aiutare i ristoratori?

Il settore della ristorazione è uno di quelli più colpiti dall'attuale crisi sanitaria. L'arresto o il rallentamento delle loro attività durante e dopo il parto avrà gravi conseguenze non solo per la loro professione, ma anche per altri attori dell'economia locale.

La ristorazione rappresenta un alto tasso di occupazione

Con l'obbligo di tenere le porte chiuse durante il contenimento, i ristoranti vengono lasciati ai dipendenti che sono anche fuori dal mercato. E quando lo sappiamo che il settore garantisce oltre un milione di posti di lavoro in Francia, è ormai chiaro che, aiutandolo ad alzarsi, contribuiamo anche al ritorno al lavoro dei suoi numerosi dipendenti.

Leggi anche: Obsolescenza pianificata, un simbolo della società dei rifiuti

Inoltre, anche se il regime di disoccupazione parziale è stato messo in atto per garantire l'occupabilità e il ritorno al lavoro dei dipendenti, ne beneficia solo parzialmente. Molti ristoranti impiegavano ancora impiegati neri o grigi, senza dimenticare che alcuni camerieri e cuochi esercitano la loro professione sotto il regime del lavoro autonomo e quindi non possono beneficiare di un'attività parziale.

È quindi indispensabile garantire il loro ritorno al lavoro continuando a dare lavoro ai ristoranti.

Infondere l'economia locale

Aiutare i ristoranti aiuta a far funzionare un'intera economia locale. Se la consegna dei pasti dà lavoro alle persone che effettuano consegne ordinando piatti da consegnare in questi stabilimenti, saranno aiutati altri settori di attività. I ristoranti infatti supportano molti altri attori come produttori locali, trasportatori, fornitori di attrezzature per la ristorazione, ecc.

Un duro ritorno alla normalità

Il deconfinamento annuncia certamente la riapertura degli esercizi di ristorazione, ma il ritorno alla normalità non sarà così facile. In effetti, i professionisti della comunità temono entrate significativamente inferiori rispetto a prima della crisi a causa della presenza che non sarà ottimale. La diminuzione del reddito pubblico, la paura ancora persistente del coronavirus, l'uso del telelavoro (che limiterà le uscite a pranzo), l'assenza di turisti ... sono tutti fattori che influenzeranno inevitabilmente la frequentazione dei ristoranti. Una ragione in più per questo fatto continuare a ordinare online e consegnare i pasti a casa in modo che possano rimanere a galla in questi tempi difficili.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *