Alghe e biocarburanti in e GreenFuel Algatech

Olio combustibile dalle alghe: grande sviluppo industriale negli Stati Uniti. di David Lefebvre, giornalista del gruppo stampa France-Agricole.

La stampa nazionale ha appena fatto eco a progetti di ricerca in Francia per sviluppare olio combustibile dalle alghe che riciclano i rifiuti di carbonio come CO2. Ma paesi come gli Stati Uniti sono già nella fase di sviluppo industriale.

Mentre in Francia, la ricerca sta iniziando a concentrarsi sulla produzione di olio combustibile da alghe, Israele e Stati Uniti sono già allo stadio di sviluppo industriale di questo processo.
Tutte le aree agricole francesi non sarebbero sufficienti per produrre olio combustibile sufficiente per soddisfare le esigenze del paese. Ad esempio, secondo alcuni esperti, lo 118% di UAA nella colza dovrebbe essere coltivato per sostituire i carburanti, poiché la colza produce solo circa 1 000 litri di olio per ettaro.

Dagli anni 50, l'Istituto di Tecnologia dell'Università del Massachusetts ha lavorato sulla questione. E da quando 2004 ha incubato Greenfuel, una società che offre bioreattori in cui la soluzione di alghe può contenere fino al 80% del suo peso in olio, che poi funge da combustibile dopo la raffinazione. Posizionato in un mezzo carente di nutrienti, l'alga inizia a produrre trigliceridi (base oleosa) anziché zuccheri. L'anidride carbonica è la principale fonte di nutrimento. Secondo i produttori di Greenfuel, un ettaro di alghe potrebbe produrre 30 a 120 volte più olio di un ettaro di colza o girasole.

Leggi anche:  Bioplastica: Coca-Cola sviluppa bottiglie bio

Pannelli 1 300 m2

Un progetto di pannelli di alghe marine di 1 m300 è in costruzione. E per lanciare l'attività sono stati costruiti 2 milioni di dollari di capitale. Gli unici vincoli sono una fonte significativa di CO18 (un tetto ...) come il fumo di fabbrica, il sole e l'acqua che può essere l'acqua di mare.

I bioreattori inventati da Isaac Berzin, un ricercatore di Greenfuel, sono costituiti da tubi trasparenti che contengono le alghe in cui gorgogliano anidride carbonica o qualsiasi altro rifiuto di carbonio, come fumi di carbone o centrali elettriche a gas.

Valorizzazione dei fumi di fabbrica

La sua tecnica consente di riciclare fino al 82% del CO2 contenuto nei fumi delle piante in caso di sole. Nei giorni nuvolosi, la resa di riciclaggio scende a 50%. Ma la tecnica Berzin consente anche di riciclare 86% di NOx (ossidi di azoto che influiscono anche molto sull'effetto serra). Le alghe hanno una capacità di rapida crescita, il che spiega il potenziale per un aumento della produzione di petrolio rispetto alle colture di semi oleosi.

Greenfuel e Algatech

Già molti paesi utilizzano la tecnologia Greenfuel. La società sudafricana De Beers Fuel Limited del Sudafrica ha appena ordinato ai reattori Greenfuel 90 di convertire CO2 in biodiesel. In Germania, il gruppo E-On sta anche lavorando a un progetto per recuperare CO2 dalle centrali termiche di Rhur. Ma la mitigazione dei gas serra, il progetto in questione, è ancora in fase di ricerca. Dobbiamo anche menzionare il progresso tecnologico degli israeliani nelle fattorie di alghe, con la società Algatech, installata nel deserto del Negev.

Leggi anche:  Digestione anaerobica in Africa in Tanzania, lo studio da scaricare

In Francia, Shamash, il progetto di ricerca sulle alghe combustibili riunisce otto team e aziende francesi per un budget totale di 2,8 milioni di euro.

25% del carburante per i trasporti negli Stati Uniti

I pannelli di alghe faranno presto parte del nostro paesaggio? E stanno già annunciando la fine del biodiesel agricolo prodotto con girasole, soia o colza? Secondo i ricercatori di Greenfuel, nell'attuale stato dell'arte la tecnologia del pannello 20 000 km2 sarebbe richiesta per soddisfare il consumo di carburante negli Stati Uniti. Un'area considerevole che suggerisce che i biocarburanti hanno davanti a sé un futuro luminoso. Tuttavia, oggettivamente stimano che l'25% del carburante utilizzato nei trasporti potrebbe essere sostituito dall'olio di alghe. Per quanto riguarda i costi di produzione, gli americani annunciano una redditività da un prezzo del barile di 19 a dollari 57. Anche i singoli pannelli solari vengono studiati per gli agricoltori.

Leggi anche:  Etanolo cellulosico a Lignol, unità pilota

Preparare il motore

In Francia, lo sviluppo di olio vegetale combustibile deve affrontare molte obiezioni fiscali e normative richieste dal legislatore nonostante le aspirazioni degli agricoltori. E i progressi tecnici nei motori a petrolio provengono dalla Germania con aziende come ATG o Ferrotherm. L'accesso degli agricoltori al mercato dei carburanti a base di olio vegetale avrebbe consentito di preparare le tecnologie dei motori a olio. Se il petrolio delle alghe sostituisse un quarto dei combustibili fossili, come previsto negli Stati Uniti, la Francia rimarrebbe indietro rispetto a un divario tecnologico molto significativo.

Illustrazioni

1) Diagramma schematico dell'olio di alghe

principio dell'olio combustibile a base di alghe

2) I pannelli solari Greenfuel sono già venduti in Spagna e in Sudafrica. Enormi progetti industriali sono allo studio negli Stati Uniti.

pannello solare che produce olio combustibile a base di alghe

3) In una giornata di sole, le alghe convertono circa il 90% di anidride carbonica dai fumi di fabbrica in petrolio.

Riciclo CO2 grazie alle alghe

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *