L'Amazzonia rischia di trasformarsi in una savana

BRASILIA (AFP),
28-07-2004

La foresta pluviale amazzonica può trasformarsi in un'area di savana entro 50 o 100 anni a causa del riscaldamento globale e degli incendi che distruggono l'area forestale in Brasile, ha avvertito uno scienziato brasiliano martedì.

"Quasi tutti gli scenari indicano una 'savanizzazione' (dell'Amazzonia) entro 50-100 anni", ha detto Carlos Nobre, ricercatore presso l'Istituto Nazionale di Investigazioni Spaziali (INPE), durante la Terza Conferenza del "Grande progetto sulla biosfera e l'atmosfera dell'Amazzonia" che si è aperto martedì a Brasilia.

“Nel peggiore dei casi, la foresta perde circa il 60% della sua superficie; nel migliore dei casi, tutto continua come è adesso; nel caso di uno scenario intermedio, il 20% della sua superficie scompare ”, ha indicato.

"Anche senza la deforestazione, il riscaldamento globale potrebbe causare dal 20% al 30% la" savanizzazione "dell'Amazzonia, ha detto Nobre.

Secondo fonti ufficiali brasiliane, da 70 alla fine di 2002, gli incendi hanno distrutto più di 630.000 km2 3,68 milioni di km2 che rappresentano la foresta pluviale amazzonica in questo paese (70% dell'intera foresta pluviale amazzonica).

Il ricercatore INPE ritiene che la deforestazione, causata dall'avanzata della coltivazione della soia e dell'allevamento del bestiame, stia già avendo un impatto climatico, sia a livello locale che nelle aree più remote, poiché provoca "una diminuzione piogge e un maggiore riscaldamento del clima ”.

Leggi anche:  EDF annuncia la cancellazione dei post di 5000

Nobre ritiene che questo processo possa essere invertito attraverso la creazione di un grande organismo per coordinare gli sforzi a favore dell'Amazzonia. Ciò implica un riorientamento delle risorse, poiché attualmente "solo il 3% del reddito di ricerca va in Amazzonia", ha detto Nobre.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *