BedZED, il primo ecovillaggio

BedZED: nasce il primo eco-villaggio

In Inghilterra, i promotori impegnati nello sviluppo sostenibile hanno creato per la prima volta un villaggio pilota ecologico, senza ricorso ai combustibili fossili e senza emissioni di CO2. Un'esperienza entusiasmante che, dalla Svizzera al Sud Africa, viene già esportata. In Francia, sotto la guida del WWF, i programmi di alloggi a basso costo dovrebbero seguire questo modello.

In un momento in cui, in Francia, le comunità sono sempre più allertate sui cambiamenti climatici, un esperimento pilota condotto in Gran Bretagna sta dimostrando che è possibile mettere in pratica lo sviluppo sostenibile su scala urbana. . Nel 2000, nella periferia sud di Londra, a Sutton, è stato creato un villaggio ecologico, composto da 82 unità abitative e 2 m300 di uffici e negozi.
Soprannominato Bedzed (per Beddington Zero Energy Development), questo eco-villaggio, unico nel suo genere, vuole dimostrare che “le abitazioni possono essere progettate e costruite senza danneggiare l'ambiente. Per raggiungere questo obiettivo, i progettisti di Bedzed sembrano aver effettuato una gigantesca analisi del ciclo di vita (LCA), che consiste nel valutare l'impatto ambientale della vita di un prodotto, dalla sua realizzazione allo smaltimento. ... O riciclaggio. Ma se di solito stabiliamo il bilancio di un pneumatico o di una televisione, nel caso di BedZED, è tutta la vita di un villaggio (costruzione di alloggi, fabbisogno di risorse energetiche, viaggi, attività professionali, vita sociale, gestione dei rifiuti, ecc.) di cui è stato progettato e valutato l'impatto ambientale, economico e sociale. Per realizzare l'eco-design di questo nuovo tipo di spazio abitativo.

Leggi anche:  Isolare una porta del garage esistente

Impronta ecologica ridotta della metà!

Il primo principio sostenibile applicato a BedZED è quello del circuito locale: sfruttare al massimo le risorse locali, riutilizzo e riciclaggio (trasporti limitati, sviluppo economico locale rafforzato e identità culturale preservata). Qui il 90% dei materiali proviene da meno di 50 km (legno certificato) e viene spesso riciclato (vecchi binari…). Il design degli alloggi è pensato in termini di efficienza energetica e qualità della vita: isolamento rinforzato, massimo soleggiamento, terrazze e piccoli giardini, sistema di ventilazione con recupero di calore… L'uso di energie rinnovabili e l'ottimizzazione delle risorse naturali del progetto BedZED un grande esempio concreto di quello che può essere un uso razionale in termini di risorse: recupero dell'acqua piovana per i servizi igienici, energia elettrica e termica fornita da biomasse (legno recuperato), calore recuperato e pannelli fotovoltaici posti sulle facciate. Questa energia elettrica prodotta consente anche di caricare il 100% dei veicoli elettrici messi a disposizione dei residenti per la condivisione.
I viaggi sono ridotti, poiché sono disponibili spazi di lavoro, sono stati creati negozi locali ed esiste un sistema per la consegna di prodotti freschi dalla regione.
Alla fine, questa razionalizzazione consente a BedZED di ridurre di 50% la sua impronta ecologica. Per dare un ordine di grandezza, rispetto alle abitazioni convenzionali, il riscaldamento è ridotto di 90%, il consumo totale di energia di 70% e il volume di 75% di rifiuti.

Leggi anche:  Piani di costruzione per una pompa idraulica a pistone

Abitazioni sostenibili "facili, convenienti e attraenti"

BedZED è stato progettato dalla Peabody Foundation, la più grande organizzazione benefica di Londra, in collaborazione con il BioRegional Development Group, un gruppo ambientale molto attivo e l'architetto Bill Dunster, rinomato per il suo interesse per le case solari . Un trio dal design semplice e ambizioso, come spiega Jean-Paul Jeanrenaud, del WWF International, associazione che ha sostenuto il progetto sin dall'inizio, e Pooran Desai, direttore di BioRegional: "(...) Making the concept of Sustainability qualcosa di facile, attraente ed economico. L'obiettivo generale era consentire alle persone di vivere in modo sostenibile all'interno di un'impronta ecologica di due ettari, lo spazio ambientale medio disponibile per persona nel mondo. E questo senza sacrificare il comfort e i vantaggi di uno stile di vita moderno e mobile. "
Sembra che una scommessa sia stata vinta, perché BedZED non è riservato a un "bobo" d'élite o ai militanti estremisti. Più della metà delle abitazioni è stata riservata dalla Fondazione Peabody a famiglie a basso reddito, e le abitazioni sono state vendute ad un prezzo pari a quello del mercato tradizionale, con il costo aggiuntivo di alcune strutture coperto dal reddito fornito dalle attività di negozi e uffici sviluppati in BedZED. Non si rinuncia al comfort moderno, vasca e non doccia nei bagni, forno e fornelli elettrici, lavatrice individuale… Il villaggio è dotato anche di luoghi di vita comunitaria: centro benessere, circolo sportivo, parco giochi. giochi, asili nido, bar, ristoranti ...

Leggi anche:  Riscaldamento e isolamento: bilancio termico o di effettuare una diagnosi energetica

I nuovi villaggi del WWF

BedZED è stato premiato nel luglio 2000 dal Royal Institute of Builders and Architects (IRCA) e servirà da ispirazione per il programma di alloggi pianificato dal governo inglese (1 milione di case in 10 anni!). Il Sud Africa, la Cina e persino il Portogallo stanno formando partnership per programmi di costruzione. »Tutte le regioni inglesi sono impegnate nel calcolo della loro impronta ecologica e nella costruzione di uno scenario macro, e si sta formando una rete globale per creare siti pionieri che vivono secondo i principi di sostenibilità dimostrati a BedZED ”, accoglie Thanh Nguiem, membro volontario della direzione generale del WWF, all'origine di una struttura franco-britannica per importare l'approccio BedZED in Francia. In Francia, il WWF molto entusiasta è già impaziente di riabilitare e costruire programmi di alloggi a basso reddito secondo i criteri sostenibili di BedZED, in collaborazione con le aziende (Cassa di risparmio, Nature & Découvertes, ecc.) E le grandi città interessate (Nantes, Lione, Lille….)

Fonte: novethic.fr

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *