Riscaldamento ed equilibrio ambientale 2004

L'anno 2004 conferma il riscaldamento globale

Parole chiave: riscaldamento globale, riscaldamento globale, effetto serra, inquinamento, CO2.

L'organizzazione meteorologica mondiale ha appena pubblicato un primo stato del clima mondiale per l'anno 2004, che sarà completato nel marzo 2005 quando saranno noti i dati di dicembre.

Il riscaldamento globale continua, secondo l'ente internazionale, poiché la temperatura media sulla superficie terrestre è aumentata di 0,44 ° C da una media di 14 ° C (determinata tra il 1961 e il 1990). Queste caratteristiche fanno del 2004 il quarto anno più caldo dal 1861, appena dietro al 2003 (+ 0,49 ° C).

L'anno 1998 rimane comunque nel gruppo di testa con una temperatura di 0,54 ° C superiore alla media. In generale, gli ultimi dieci anni (dal 1995 al 2005) - ad eccezione del 1996 - sono tra i più caldi conosciuti da quando esistono le registrazioni meteorologiche.

Tuttavia, sul nostro pianeta, le disparità rimangono la legge. I meteorologi hanno osservato ondate di calore in giugno e luglio sulla Spagna meridionale, Portogallo e Romania, con temperature che hanno raggiunto i 40 ° C.

Anche il Giappone e l'Australia hanno vissuto un clima molto caldo. Al contrario, il freddo anormale che ha imperversato a luglio nelle Ande del Perù meridionale ha causato la morte di 92 persone.

Il 2004 ha visto anche il suo treno di siccità e inondazioni. All'inizio dell'anno, condizioni meteorologiche molto secche hanno continuato a influenzare il Sudafrica orientale, il Mozambico, il Lesotho e lo Swaziland.

Leggi anche:  Permafrost o permafrost

La stagione delle piogge da marzo a maggio è stata più breve con precipitazioni meno del normale nel Grande Corno d'Africa, con conseguente scarsità d'acqua nella regione. Ad esempio, alcune parti dell'Uganda hanno sperimentato la peggiore siccità dal 1961 e in Kenya la fine anticipata delle piogge ha ulteriormente aumentato una siccità endemica derivante da diversi anni di piogge insufficienti. Di conseguenza, la produzione agricola in questo paese è diminuita di circa il 40%. Inoltre, una grave siccità continua a colpire l'Afghanistan, la Cina meridionale, l'Australia meridionale e orientale.

Cicloni tropicali

Tuttavia, le precipitazioni nel 2004 sono state superiori alla media, poiché il 2004 è stato l'anno più piovoso dal 2000. Il monsone asiatico da giugno a settembre ha provocato forti piogge e inondazioni nel nord. dall'India, dal Nepal e dal Bangladesh,
lasciando milioni di persone senza casa e uccidendone 1. Anche la Cina orientale e meridionale ha subito inondazioni e smottamenti che hanno ucciso più di mille cinesi.

Forti piogge hanno colpito anche Brasile, Angola, Botswana, Namibia e alcuni stati australiani. La causa di questi disastri non è il fenomeno climatico El Niño. Quest'ultimo ha iniziato a nascere tra luglio e novembre. Ma promette di essere piuttosto placido.

D'altra parte, il numero e l'intensità delle tempeste e dei cicloni tropicali che iniziano nell'Atlantico tra luglio e novembre è stato particolarmente importante. Durante questo periodo si sono sviluppate quindici tempeste tropicali, invece di dieci in media, e otto si sono concentrate solo nel mese di agosto, un record per questo periodo. Sei cicloni tropicali, con venti che soffiano a oltre 300 km / h, hanno attraversato la regione dei Caraibi e gli Stati Uniti meridionali.

Durante il suo passaggio su Haiti, il ciclone tropicale Jeanne ha causato inondazioni e smottamenti che hanno ucciso tremila persone. Al contrario, la stagione delle tempeste tropicali nel Pacifico settentrionale orientale è stata più calma. Si sono verificate solo dodici tempeste, mentre ogni anno ne vengono create in media più di sedici.

Leggi anche:  Castor cattura progetto CO2

Al centro di questo catalogo in stile Prévert c'è una buona notizia: il buco dell'ozono che si deposita ogni anno in Antartide è stato il più piccolo da dieci anni. Ha raggiunto la sua dimensione massima (19,6 milioni di km2) alla fine di settembre ed è scomparso prima del solito, a metà novembre.

Più calore, ma meno eccesso

Secondo gli ultimi dati forniti da Météo France, il 2004 nella Francia continentale dovrebbe essere leggermente più caldo del normale di circa 0,5 ° C. Sebbene nessun mese abbia mostrato anomalie eccezionali, giugno e ottobre sono stati comunque quelli per i quali le differenze di temperatura sono state più marcate, essendo un po 'più calde del normale di circa 1,5 e 1,7, 12,2 gradi. Con una temperatura media prevista intorno ai 2004 ° C, il 2004 sarà solo l'ottavo anno più caldo dell'ultimo decennio in Francia. Per quanto riguarda le precipitazioni, gli accumuli registrati sono abbastanza vicini alla normalità nella maggior parte del Paese: piuttosto in eccesso in Bretagna, Centro e Rossiglione, e piuttosto in deficit altrove, in particolare nel Sud-Est. Tutto sommato, il 2003 sembra un anno più calmo del precedente, perché non ha subito alcun evento meteorologico della portata dell'ondata di caldo e della siccità osservati nel XNUMX.

Christiane Galus, Fonte: Il mondo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *