Bioetanolo: Francia paradosso Brasile

Studio completo: paradosso energetico Francia-Brasile legato all'alcol e alla distillazione.

Parole chiave: alcool, storia, still, distillazione, ruolo sociale, biocarburanti, petrolio, nucleare

Di Armand Legay, DEA 2001 / 2002, Dipartimento di Sociologia Università di Rouen.

Direttore della tesi: François Aballea
Tutor di tesi: Jean-Louis Le Goff

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Riassunto di questo lavoro

1) Problematico

Perché la Francia, pur avendo avuto un progresso tecnologico storico nella produzione di alcol distillato, derivante dalla sua matrice culturale produttrice di alcol, non ha sviluppato il proprio settore del bioetanolo o dei combustibili nazionali. Perché lo ha sviluppato in Brasile, all'estero e ha fatto una rottura energetica tra questo settore, il petrolio e l'energia nucleare quando lo sviluppo comune era politicamente possibile?

2) Presupposti

  • Fattori politici, culturali ed economici non hanno favorito lo sviluppo del carburante alcolico prima e dopo la guerra del 14-18.
  • Il carburante nazionale è uno sbocco politico contro le correnti igienista e proibizionista
  • Lo sviluppo di questo carburante non è stato fatto qui ma, in particolare in Brasile, sebbene la Francia sia il primo paese produttore di alcol.
  • c) Metodologia utilizzata

  • Base storico-sociale
  • Documentazione su distillazione, petrolio e arte nucleare
  • CNAM, RATP, archivi ADER ...
  • Interviste con le parti interessate: Camera dell'agricoltura, comunità, gruppo industriale (Téréos), decisori.
  • Metodologia dell'equivalenza
  • Riepilogo dettagliato

    Capitolo 1: Francia, paradigma dell'evoluzione modernista

    - Breve promemoria della storia della distillazione in Francia
    - Esempio di una combinazione di esperienze, inventori e innovazioni
    - Alcol come materia prima in Francia e ragioni del suo abbandono
    - Dalla chimica dell'alcol ai gruppi Fives-Lille e Rhône Poulenc
    - Trasferimenti interni ed esterni dei gruppi Fives-Lille e Rhones Poulen

    Capitolo 2: il paradigma brasiliano dello sviluppo originale.

    - Breve analisi storica e antropologica
    - I motivi per scegliere il carburante alcolico nel 1973
    - L'invenzione di Jean Pierre Chambrin
    - L'intervento dei gruppi francesi nel paradigma internazionale dell'alcol
    - Ritorno di alcol, energie rinnovabili?

    Nell'appendice 2 troverete anche interessanti informazioni (comprese alcune lettere del CNAM) sulla procedura di Jean Chambrin.

    Scarica lo studio ( riservato ai membri )

    Scarica lo studio completo (.pdf 118 pagine da 14,5 Mo)

    Sintesi e analisi dell'autore di questo lavoro

    La mia scelta iniziale per questa tesi è stata quella di studiare i paradossi di alcol, petrolio, nucleare e trasferimento tecnologico.

    Poi, dopo aver riflettuto con i miei insegnanti e durante le lezioni, sono riuscito a ridurre il mio problema a più modestia nella sua dichiarazione. Sono partito da una distinzione di alcol industriale in Francia e Brasile.

    Per il mio secondo lavoro sono quindi arrivato al paradosso dell'alcol Francia-Brasile nato da un interrogatorio sul gran numero di veicoli, 14 milioni, che operano ad alcol in Brasile e perché si parla così poco di questo principio di funzionamento in Francia. , paese produttore di alcol?

    Un'altra domanda viene dal fatto di due inventori che hanno entrambi innovato nella Senna marittima, uno nel XIX secolo la sua invenzione fu espatriato in Inghilterra, mentre nell'altro, nel XX secolo, egli stesso espatriato in Brasile. Sono Philippe Lebon e Jean Pierre Chambrin.

    La prima parte di questa tesi, attraverso l'introduzione, la problematica, l'oggetto di studio, le ipotesi, la metodologia e lo scenario tratta lo schema teorico e la trama del lavoro.

    La mia problematica è "Perché le innovazioni che formano paradigmi non sono sempre basate su tradizioni industriali, scientifiche, tecniche e come le innovazioni legate alla distillazione si basano su processi produttivi tecnologici interni ed esterni, tenendo conto delle tradizioni industriale.? " 

    Nel primo capitolo cerco di analizzare il contenuto del gruppo alcolico francese e il suo posto socio-culturale nella nostra economia.
    Questa breve analisi situa il ruolo significativo dell'alcol nel nostro paese.

    Quindi, mostro, attraverso la breve storia della distillazione in Francia, tutti i risultati e gli investimenti fatti dalle aziende francesi nell'arte e nella tecnica della distillazione.
    Tutte queste tecniche nascono da un'esperienza ancestrale sulla distillazione del vino. È dimostrato da un esempio (una distilleria di alcolici) che quest'arte è alla base di una particolare cultura tecnica inclusa nella nostra arte di vita.

    Leggi anche:  Chi ha ucciso l'auto elettrica? Chi ha ucciso l'auto elettrica? in francese

    Dopo questo esempio, la mia ricerca si orienta nel tempo, sugli inventori che diventano innovatori creando nuove industrie tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento che, accumulando esperienze e know-how, guidano i loro contemporanei. Un esempio convincente è quello di Philippe Lebon.

    È per imitazione che utilizzano tecniche di distillazione per ottenere energia da materia prima: etanolo industriale da agricoltura e barbabietola in particolare.
    Questo alcol combustibile è predominante nella nostra economia fino a dopo la guerra del 39-45.

    A tal proposito si fa un'analisi nel tempo delle ragioni socio-culturali e politiche (economiche, elettorali e igieniche) per comprendere le ragioni della centralità dell'alcol nel tecnicismo e nella nostra economia dall'Ottocento fino agli anni Cinquanta. e il passaggio di questi guadagni verso i prodotti petrolchimici.

    In questi diversi paragrafi storici, mostro anche le questioni degli attori economici e politici ei collegamenti che si stanno costruendo per arrivare alla materia prima alcol che sarà legalizzata dalla legge del 28 febbraio 1923 sull'alcol combustibile.

    Da questa materia prima che è l'etanolo, le basi della chimica applicata e organica provengono da scienziati come Berthelot e Pasteur.

    Gli attori nella produzione di alcol industriale innoveranno utilizzando alcune scoperte scientifiche dalla chimica dell'alcol per svilupparsi.

    Un esempio particolare di adattamento a questo principio è lo stabilimento di Melle nella Charente Poitou, ora parte del gruppo Rhône Poulenc.

    Da questa accelerazione industriale, la fine dell'19ème all'inizio del 20ème sorgerà due entità economiche: i gruppi Rhône Poulenc e Fives Lille. Faccio il parallelismo tra questi due gruppi industriali

    Dai diagrammi organici si trova nel tempo la loro filiazione.

    Viene fatta un'interpretazione empirica per mostrare tutte le capacità tecnologiche e la razionalizzazione della nostra industria in questo campo di alcol industriale e l'assenza di sfruttamento di questi guadagni sul nostro suolo.

    Si mostra la dualità di fabbricazione di questi due gruppi distinti, uno verso la chimica, l'altro verso la fabbricazione di caldaie con la partecipazione di un antenato comune.
    I trasferimenti tecnologici in questi due gruppi vengono effettuati internamente (per discesa, assorbimento, partecipazione) ed esternamente (attraverso contratti, accordi commerciali, joint venture, alleanza).

    Questa ricerca sul trasferimento interno ed esterno è dedicata in particolare al caso del Brasile.

    È su questi trasferimenti in Brasile che si orienta il secondo e ultimo capitolo. Inizia con una breve introduzione che mostra l'attuale situazione economica in questo paese.

    Segue un'analisi storica e antropologica minima per definire gli aspetti e i legami che hanno portato ad una "nuova civiltà mescolata da una civiltà specifica degli amerindi, i loro valori percepibili attraverso le loro lingue e culture e la civiltà specifica dei discendenti. Africani deportati in Brasile dai mercanti di schiavi; che, nonostante il loro status di schiavi, hanno continuato a mantenere l'essenziale dei valori negro-africani creando questa nuova civiltà ”.

    Questa analisi porta all'epoca contemporanea e il legame storico e culturale è anche una pianta, la canna da zucchero, la sua produzione di zucchero e la sua trasformazione in alcool che, a differenza della vite nella nostra civiltà, non ha portato ad alcuna perdita. negazioni economiche e politiche sull'alcol.

    In precedenza, è stata fornita una fotografia dell'industria brasiliana, basata su documentari e ricerche di libri, che mostra il peso dell'industria brasiliana rispetto al programma sull'alcol in Brasile, nonostante la scoperta nel nord-est di importanti giacimenti di petrolio.

    Fornisco poi le ragioni socio-economiche della scelta del piano “Proalcool” del 1974, del suo rilancio negli ultimi anni e del suo coinvolgimento oggi.

    Il progetto non è nuovo, già nel 1932 sotto il presidente Vargas, è lo stabilimento di Melle di cui parlavo prima, che aveva l'esclusiva, per il suo processo di disidratazione, di produrre carburante alcolico in Brasile.

    Segue un'analisi del programma sull'alcol del 1974, quindi vengono fornite le ragioni del suo rinnovamento, che sono l'occupazione, l'indipendenza energetica e inoltre nel 1997 la lotta al deterioramento del clima.

    Leggi anche:  Elf Aquazole: un carburante diesel-acqua

    Il "piano Proalcool II si basa ora sui dati del mercato internazionale, sulla sua politica agricola, sul mantenimento del prezzo mondiale dello zucchero e contro l'inquinamento da idrocarburi".
    Un sondaggio mostra che i brasiliani preferiscono le auto con alcol.

    La comunicazione di altri documenti mostra che la produzione di zucchero e alcol in questo paese porta più effetti positivi che effetti negativi in ​​termini di inquinamento.
    In effetti, il Brasile sta ancora cercando di ridurre sempre più l'uso di fertilizzanti chimici e pesticidi nella sua agricoltura.

    Durante questo programma sull'alcol nel 1974, il governo brasiliano ha chiamato un ingegnere di Rouen, il signor Jean Pierre Chambrin, per i suoi brevetti per un processo di carburazione idroalcolica per motori di automobili con produzione di idrogeno secondo l'inventore.
    All'inizio di questo studio non ero sicuro che il signor Chambrin avesse partecipato al programma sull'alcol in Brasile.

    Oggi, al contrario, penso che ci siano grandi possibilità che sia la verità. Dopo un'indagine in diverse direzioni per ottenere informazioni su questo inventore, è attraverso il segretario dell'Unione nazionale dei produttori di alcolici agricoli, il signor Jean Pierre Leroudier che avrei avuto il maggior numero di informazioni; quest'ultimo avendo incontrato più volte Jean Pierre Chambrin.

    Nel paragrafo su questo inventore, descrivo la sua invenzione, i test che ha effettuato in Francia con il Centro di studi e prevenzione che ancora esiste a Parigi. Non era un eccentrico.
    Era un membro della compagnia di ingegneri automobilistici e meccanico esperto vicino alle corti di Rouen; ciò che i giornalisti hanno, per così dire, passato in silenzio.

    Con la sua invenzione, faccio un confronto con un'altra invenzione che parte dallo stesso principio del processore Pentone omonimo dell'inventore. Poi faccio un'estrapolazione con la Fuel cell che parte anche da un processo di separazione dell'acqua in molecole di ossigeno e idrogeno con bioetanolo come combustibile, che sarebbe il miglior combustibile.

    Citando Tarde, mostro che in questi processi c'è filiazione e accumulo di conoscenza che sarà imitata nel tempo. Concludo questo paragrafo facendo un confronto, nonostante i 200 anni che li separano, tra i due inventori, Philippe Lebon e Jean Pierre Chambrin.

    Quello che quest'ultimo non ha potuto fare in Francia, dal 1977, lo farà in Brasile, come i gruppi industriali che si sono costituiti in Brasile.
    In effetti, per completare il programma sull'alcol, il governo del Brasile consente ai gruppi francesi di investire per la loro esperienza in questo settore.

    I trasferimenti di tecnologia vengono effettuati tramite accordi commerciali o dall'affiliazione di gruppi stabiliti in questo paese da molto tempo, come il gruppo Rhône Poulenc con la sua filiale Rhodia.

    Altre entità in molti campi stanno investendo in questo momento come Beghin Say o Union coopératives des Sucreries Distilleries Agricoles (USDA).

    Un investimento significativo è stato effettuato dall'USDA e da Béghin Say del gruppo Edison, controllato da EDF e Fiat, nell'acquisizione di posizioni in Brasile.
    Il paragrafo su "l'intervento dei gruppi francesi nel paradigma brasiliano" prende questi due gruppi come esempio.

    Il primo è dunque Béghin Say, che dopo aver investito in Francia e in Europa in vari settori di alcol, cibo e zucchero, effettuando cessioni, prende il controllo, nel luglio 2001, di Açurar Guarani, Gruppo brasiliano di distillerie di zucchero in cui l'85% della frantumazione della canna va alla produzione di zucchero.

    Il fatturato di Acurar Guarani è di 130 milioni di euro. Questo gioco di vendite e acquisti fa parte di una ridistribuzione delle carte a livello globale del mercato dello zucchero.

    Il secondo esempio è il gruppo USDA il cui fatturato è di 630 milioni di euro. Nel 2000, con COSAN, il primo gruppo di zucchero brasiliano e CA $ 450M, è stata creata la società franco-brasiliana di zuccheri e alcol, la FBA. La nuova società ha molto da fare in termini di assorbimento e trasferimento poiché 300 distillerie brasiliane devono essere ammodernate.

    Da questi due esempi, essendo il Brasile la locomotiva della produzione di bioetanolo nel mondo, ovvero il 46% del mercato, possiamo vedere la necessità che questo settore si unisca attraverso nuove associazioni per conquistare il mercato. globale.

    Leggi anche:  Memorizzazione di fluido compresso

    È così che l'USDA ha presentato un'offerta per l'acquisto di Béghin Say nel gennaio 2002, sostenuta dai bieticoltori che forniscono la materia prima per Béghin Say, coltivatori che quindi accettano, credo, di diventare cooperatori. .

    La scadenza per questi negoziati era il 2 agosto 2002. È stata posticipata al 30 settembre 02 e l'ultima informazione che ho dall'USDA è che questi negoziati sono ancora in corso e le decisioni si stanno muovendo nella direzione. l'acquisizione pianificata di Béghin Say.

    Tutti questi negoziati dimostrano che probabilmente ci stiamo dirigendo verso uno sviluppo globale del bioetanolo nei prossimi anni. A questo proposito, ho preso atto dell'informazione che il gruppo Cristal Union aveva un grande progetto per costruire una distilleria in Francia.

    I coltivatori di barbabietole che collaborano hanno un'influenza su questo mercato; sono vicini ai cambiamenti climatici degli ultimi anni.

    Questi piantatori, infatti, possono intervenire quando sono soci di una cooperativa, sull'esempio delle Sucrerie Distilleries des Haut de France: un uomo, una voce invece di una parte, una voce; che segna tutta la differenza nelle decisioni prese dalla maggioranza dei voti e non nelle azioni come in una società per azioni capitalista.

    Estrapolo poi all'alcol, un'energia rinnovabile, partendo sempre dal fatto che il Brasile è leader mondiale nel fuel alcol e che è quindi a capo dell'innovazione nell'arte della distillazione.

    Lo è diventato grazie a un processo casuale di giochi economici globali.
    Dai suoi risultati, il governo brasiliano offre sulla scena internazionale la sua esperienza tecnologica con i programmi Proalcool I e ​​Proalcool II.

    Così il Brasile può aiutarci attraverso un ritorno dei trasferimenti a sviluppare il nostro tessuto alcolico industriale, sperando che possa essere mescolato con quello del petrolio.
    Suppongo anche che, nonostante il peso culturale della nostra civiltà viticola e il nostro marchio di fabbrica: la Francia, il suo vino e i suoi alcolici, questo è possibile!
    Per concludere temporaneamente, concludo su una dichiarazione delle ipotesi formulate.

    Se la prima ipotesi sui trasferimenti risulta essere vicina alla realtà per certi aspetti di un paradigma di trasferimento in un altro Paese, il Brasile, si sta allontanando dalla realtà dei fatti. È persino obsoleto. La Francia, infatti, avendo rallentato lo sviluppo del suo tessuto alcolico industriale, ha contribuito a sviluppare quello del Brasile ed è da questo paese che viene effettuato un trasferimento.

    I fatti ignorati contenuti in questo studio mi hanno fatto pensare a un paradosso. Dopo l'estrapolazione, questo non è un paradosso, ma un desiderio per le aziende francesi che hanno scelto il Brasile come terra di esperienza.

    La seconda ipotesi sul know-how risulta essere più vicina alla realtà nel senso che c'è un accumulo di know-how e innovazioni provenienti dalle conoscenze acquisite da una genealogia di inventori, ma anche quella aspetti culturali, economici e politici possono mettere in discussione queste invenzioni o innovazioni.

    Per la terza ipotesi che postula che non ci sia innovazione senza trasferimenti interni e applicazioni esterne e che le aziende possano avere interesse a sviluppare sperimentalmente esternamente in un paese come il Brasile, questa è avvicina anche alla realtà come definita in questo libro di memorie.

    Resta ora da completare questo studio introduttivo approfondendo i diversi parametri di questo lavoro teorico e con approcci sul campo che potrebbero essere:

    - la penetrazione delle industrie francesi in Brasile intorno allo zucchero e al bioetanolo,

    - L'affinamento dei contributi tecnologici dei piani Proalcool,

    L'evoluzione delle condizioni di vita della forza lavoro dal primo piano Alcohol nel 1975

    - Il ruolo del Brasile nello sviluppo delle energie rinnovabili e del bioetanolo in particolare. dal 1974 e i vertici sull'ambiente
    - Azioni di cooperazione "Francia-Brasile" in aumento?

    - L'apparato di distillazione francese, prospettiva e stima del suo sviluppo da parte di nuove unità di produzione e conseguenze sociali, ambientali ed economiche del suo utilizzo al 100%.

    - In Francia e Brasile: rapporti olio / alcol, confronto, distinzione. Possibili evoluzioni dei loro rapporti. Cosa possono portarsi l'un l'altro.

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *