Biocarburante a base di olio di microalghe e centrale elettrica verde

olio combustibile alghe, i nuovi cercatori d'oro americani verdi. David Lefebvre, la 31 / 12 / 2007. Foto DR.

Algaculture (il settore dell'acquacoltura) offre molte promesse. Produrrebbe elettricità, idrogeno, fertilizzanti, mangimi per animali e combustibili liquidi.

Negli Stati Uniti, decine di start-up, nato a 2007, la ricerca e sviluppare la produzione di olio combustibile da alghe.

Sulla carta, la produzione di olio combustibile da alghe sembra essere la più plausibile alternativa al petrolio.

Una produzione in grado di soddisfare sia i problemi ambientali che sono CO2 emissioni e ha bisogno enorme di energia a prosperare. Conversione di fonti di carbonio di alghe come l'olio combustibile sarebbe davvero CO2 30 100 a cedere alle volte le colture oleaginose. Logical quando si considera la capacità di proliferazione delle alghe. Ci sono in buona scorta nell'algacoltura quale pianeta senza compromettere le sue esigenze alimentari.

Basti dire che questa sfida tecnica di alghe sogno olio: più emissioni CO2, biocarburanti sufficienti, pulita e rinnovabile di energia poiché l'originale viene dal sole.

Decine di start-up.

Consapevoli della loro petrodipendenza, gli Stati Uniti sono appassionati di questo argomento. Nel 2006 e nel 2007, non contiamo più le start-up, i blog e le aziende affermate che hanno annunciato il lancio di una divisione di ricerca e sviluppo o di un'unità che produce petrolio dalle alghe. Sono chiamati GreenFuel Tech, Texas Clean Fuels, PetroAlgae, Victor Smorgon Group, OriginOil, Solazyme, Infinifuel Biodiesel, Solix Biofuels, GlobalGreen, Valcent, Greenshift - GS CleanTech, Aurora, General Atomics / CEHMM, Aquaflow, Petrosun, Greenshift, LiveFuels Inc, Algoil e quantità altri.


campo di acquacoltura o nell'algacoltura microalghe

Campo di algicoltura (punto di vista dell'artista). clicca per ingrandire

Leggi anche:  Biocarburanti: caratterizzazione e esperienze biocarburanti CIRAD 3

Dispersione di conoscenza

Ma, per il momento, nessun volume significativo di olio di alghe ha lasciato nessuna fabbrica, anche per i progetti più concreti come Greenfuel che ha comunque raccolto 20 milioni di dollari di fondi nel 2006. Tuttavia, Aquaflow, una società neozelandese, ha alimentato con successo un'automobile con olio di alghe. Poiché ispira sogni, questo nuovo oro verde disperde conoscenze ed energie. Molti ricercatori, psicologi o algologi e altri specialisti della questione, convinti di poterlo fare da soli, lasciano la loro unità di ricerca con poche decine di migliaia di dollari in tasca per fondare la loro startup. Simbolo di questa dispersione di conoscenza, John Sheehan è entrato a far parte di Live Fuels, Inc., una di queste nuove start-up lo scorso agosto. Questo ricercatore aveva realizzato un rapporto di fondazione, soprannominato negli States "la bibbia del futuro", sugli oli prodotti dalle alghe, quando era al "Laboratorio nazionale delle energie rinnovabili" - Il laboratorio nazionale delle energie rinnovabili a Golden, Colorado .


micro centrale elettrico alghe biocarburante
Principio di funzionamento di un impianto di cogenerazione a combustibile o carbone, CO2 e alghe (punto di vista dell'artista). clicca per ingrandire

Leggi anche:  Raffineria verde Morgane d'Olmix: riciclaggio di rifiuti verdi e alghe

Olio messo

Anche le compagnie petrolifere sono sempre in questa avventura, alcuni solo per comprare una immagine etico PetroSun e altri, più gravi, iniettando fondi significativi come la Chevron o Shell e progetti Cellena alle Hawaii. Le alghe sono coltivate in enormi piscine all'aperto con acqua di mare. Chevron, la più grande compagnia petrolifera statunitense, reali speranze basate anche. Altri paesi stanno anche affrontando il problema come l'India con Algoil e anche la Francia dal dicembre 2006 con il progetto Shamash che ha sollevato 2,8 milioni di fondi. Inoltre, gli israeliani hanno a lungo algacoles aziende agricole o come Seambiotic Algatech nel Negev, ma rimanendo molto discreto sui biocarburanti alghe.

Le difficoltà tecniche di nell'algacoltura

Per realizzare tale progetto, le competenze richieste sono molteplici: genetiche, phycology, meccanica dei fluidi, biochimica e il motore di raffinazione industriale. Per ora, è in ritardo rispetto nell'algacoltura composti specifici come i coloranti, acidi grassi e altri composti, come alginati al cibo, il pharmachimie o l'industria cosmetica. Ma nulla finora alcuna prova che l'avvio arriverà in colture algali olio semplicemente 80% in peso come supporto GreenFuel, almeno in condizioni industriali. Il processo di eutrofizzazione controllato mediante il quale le alghe proliferano in condizioni controllate, si trova ad affrontare molti problemi tecnici:
- contaminazione da alghe,
- solubilizzazione dei gas a base di carbonio (fumi) mantenendo la vitalità dell'ambiente,
- ottimizzazione dell'interfaccia gas / liquido,
- ceppi di alghe adattati,
- diffusione della luce nei fotobioreattori, ecc.

Leggi anche:  Miscanthus, proprietà biologiche, vantaggi e interessi energetici


alghe biocarburanti stazione di servizio della pompa
Una pompa futuristica a base di alghe? (punto di vista dell'artista). clicca per ingrandire

Principale fonte di fattori di produzione agricoli

Infine, i cercatori d'oro verde probabilmente tornare alla realtà. Inizialmente, l'olio combustibile può essere solo un sottoprodotto della nell'algacoltura. La biomassa delle alghe può anche essere convertita in energia elettrica attraverso la digestione anaerobica e cogenerazione di energia elettrica, come previsto J. Benmann uno specialista in questione. sostituendo anche la concimazione fertilizzante o mangime del bestiame. In definitiva, i principali fattori di produzione agricoli, probabilmente provengono alghe.

Illustrazioni


biocarburante microalghe

alghe biocarburanti stazione di servizio della pompa

incontro microalghe

Altro:
- Riferimenti, bibliografia e link su microalghe
- Microalghe in GreenFuel
- Combustibile a base di microalghe sul forums
- Biofuel o di biocarburanti?
- Cartella su futuri biocarburanti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *