generazione di biocarburanti 2ieme

Biocarburante: la prima generazione chiede un secondo. di David Lefebvre.

Appena i éthanoleries iniziano la loro produzione di bioetanolo è vista seriamente in discussione. Eppure questa prima generazione di biocarburanti chiamato un secondo che repésentera una molto più favorevole impatto ambientale.

Il bioetanolo sta attualmente affrontando molte sfide. Come annunciato in Oriente, l'agricoltura e la viticoltura nel gennaio 2007, è prima di tutto il suo record ambientale che viene discusso di nuovo. E in particolare l'efficienza energetica. Il bioetanolo di prima generazione rappresenta l'43% della sostanza secca totale prodotta sul campo, poiché è efficacemente sviluppato solo dall'amido. L'efficienza energetica valutata finora tiene conto solo del 43% dei costi dell'energia fossile richiesti per la produzione totale. Che è lungi dall'essere giusto secondo gli avversari. Uno studio dovrebbe presto chiarire il problema.

L'altro interrogatorio è più critico per il nuovo settore. Si riferisce all'esenzione fiscale concessa dalle autorità pubbliche. La benzina è tassata a 59 centesimi al litro. Il bioetanolo beneficia di 33 in meno delle tasse. Quindi il prezzo del bioetanolo E-85 è di circa 80 centesimi al litro alla pompa. Ma poiché le cosiddette auto a combustibile flessibile consumano l'30% in più, è un'operazione bianca per il consumatore.

Leggi anche:  Converti CO2 (+ acqua + elettricità) in combustibile a base di etanolo mediante catalisi "nano-spike"!

Secondo la Confederazione generale dei bieticoltori, la legge finanziaria rettificativa in preparazione di 2007 prevede una riduzione dell'40% di questo vantaggio fiscale concesso al bioetanolo. Alla fine, non sarebbe più competitivo, un brutto annuncio in un momento in cui i coltivatori di cereali e i bieticoltori affermano di aver investito quasi un miliardo di euro in etanolerie.

Il motore HCCI

La soluzione potrebbe venire dai produttori di motori con tecnologia HCCI (Homogeneous Charge Compression Ignition). Si tratta di nuovi motori a benzina, ma che funzionano secondo il principio del motore diesel a compressione, un fenomeno di autoaccensione.

Pertanto, i rimproveri rivolti ai motori per non dare prospettive di miglioramento della sobrietà non sono più giustificati. Il bioetanolo potrebbe ora offrire gli stessi miglioramenti di efficienza del diesel, del diester o dell'olio vegetale, che è noto per funzionare perfettamente con i motori a iniezione diretta common rail Tier 3. Già General Motors con Saturn Aura e Opel Vectra ha sviluppato i primi prototipi con il motore HCCI, i cilindri 2.2 Ecotec 4. Rispetto a un motore a benzina convenzionale, il consumo di carburante o E85 è ridotto di 15%. Ma soprattutto, le prospettive di miglioramento dell'efficienza di questi motori sono interessanti quanto il diesel.

Leggi anche:  Bioetanolo: FAQ

Infine, il bioetanolo verrebbe accusato di provocare la destabilizzazione del prezzo mondiale dei cereali sbilanciando la domanda e l'offerta. Un argomento abbastanza discusso. L'aumento sarebbe effettivamente correlato al deficit di produzione globale di 2007, in particolare in Australia, all'aumento dei prezzi del petrolio e quindi dei costi di produzione e all'aumento della domanda da parte di paesi emergenti come la Cina.

Seconda generazione

Infine, l'industria ha molte speranze per i carburanti di seconda generazione di migliorare la propria immagine.

Il loro sviluppo consiste non solo dei cereali, ma anche della parte vegetale come paglia, cellulosa, paglia di mais o polpa di barbabietola. È infatti possibile effettuare una conversione chimica di questa biomassa in combustibile dal Processo BTL - Rottura di catene vegetali ad alta temperatura e formazione di diesel sintetico. Esiste anche un metodo di conversione biologica, che consuma meno energia perché funziona a temperature biologiche. I microrganismi trasformano la cellulosa in combustibile. Alla fine, viene estratta molta più energia con gli stessi costi di combustibile fossile di quelli richiesti per la produzione di carburanti di prima generazione. Quindi ha migliorato notevolmente l'efficienza energetica.

Fabbriche multiuso

Leggi anche:  Biogas, nuova tecnologia da biomassa a gas

Inoltre, questi impianti di trasformazione della cellulosa in combustibile sarebbero versatili potendo convertire cellulose o lignine di altri settori: legno, carta, rifiuti verdi, ecc. L'uso ottimizzato delle fabbriche migliora l'impronta di carbonio del settore. Attualmente esiste un progetto pilota in Svezia dedicato alla conversione del legno in combustibile. Altri due piloti potrebbero emergere in Francia. Per avere una seconda generazione di carburante, abbiamo dovuto aiutare la prima. I produttori di cereali e barbabietole da zucchero sperano che le autorità pubbliche sosterranno i biocarburanti perché le prospettive tecniche sono reali.
DL

Per saperne di più:

- Biocarburanti di seconda generazione in .pdf
- Biocarburanti del futuro di 2th e 3th generation
- Combustibili di seconda generazione, liquefazione della biomassa BTL da parte del CEA
- Valutazione dell'etanolo, lo studio Price WaterHouse Coopers ha messo in discussione
- Forum E85 e biocarburanti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *