I biocarburanti in Africa, il potenziale fornitore globale

Il presidente senegalese Abdoulaye Wade ha stimato giovedì che, grazie all'impennata dei prezzi del petrolio, l'Africa potrebbe diventare "il prossimo grande fornitore" di biocarburanti nel mondo, ha riferito l'agenzia di stampa senegalese (APS).

"Paradossalmente, grazie all'aumento del prezzo del petrolio, l'Africa potrebbe essere il prossimo grande fornitore di energia pulita al mondo", ha detto il signor Wade in apertura di una conferenza ministeriale per istituire l'Associazione. Paesi africani non produttori di petrolio a Dakar.

Il biocarburante "può salvare l'Africa e il mondo impedendogli, dopo l'esaurimento del petrolio previsto nei prossimi quattro o cinque decenni, di cadere nella trappola di una generalizzazione dell'uso dell'energia atomica", ha ulteriormente ha affermato il presidente Wade, ritenendo che l'Africa sia "un serbatoio di energia pulita".

All'incontro hanno preso parte una ventina di paesi africani tra i 42 produttori non petroliferi, riferisce APS.

Per il signor Wade, la futura associazione dei paesi africani non produttori di petrolio dovrebbe essere un quadro di "consultazione e dialogo intesi a difendere i nostri interessi comuni".

Leggi anche:  CO2, pubblicità auto è illegale in Europa

La nuova struttura sarà ", come l'Organizzazione dei paesi produttori di petrolio (OPEC), un quadro per gli scambi", ha detto ad APS Madické il ministro senegalese dell'Energia e delle Miniere. Niang.

Abdoulaye Wade ha presentato per la prima volta l'idea di una simile organizzazione all'ultimo vertice dell'Unione africana all'inizio di luglio a Banjul.


Fonte

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *