nido di rondine abbandonato

Biodiversità: aiutiamo le rondini a non scomparire

Arrivate tra aprile e inizio maggio, le rondini hanno fatto il loro ritorno in Europa quest'anno, ma per quanto tempo? Questi piccoli uccelli, del peso di soli 20 grammi, sono comunque importanti in termini di biodiversità. Sono preziosi alleati nella lotta alle zanzare che sempre più possono esserlo portatori di malattie trasmesse da vettori. Ma le loro popolazioni stanno diminuendo di anno in anno, quindi come possiamo aiutarle? Cercheremo di darti alcuni contatti con questo articolo.

Come riconoscerli?

Per poterli aiutare, devi prima sapere come identificarli!! In Europa esistono 5 diverse specie di rondini. I due più comuni sono la rondine del fienile e la rondine domestica. Il primo è facilmente riconoscibile per il suo colore bluastro e per la macchia rossa sulla testa e sotto il becco. La sua coda ha due lunghe penne dette timoniere che le conferiscono un aspetto più frastagliato rispetto a quello di altre specie europee. In volo si notano facilmente anche le macchie bianche abbastanza caratteristiche che punteggiano le penne della sua coda.

rondine

Se la rondine domestica ha anche una parte del corpo bluastra, è il colore bianco della gola e del ventre a permetterne l'identificazione. È più probabile che si trovi in ​​città, mentre la rondine fienile colonizza più facilmente gli edifici agricoli. Tuttavia, è possibile incontrare rondini nelle aree urbane e viceversa.

rondine della finestra su una spiaggia

Si possono citare anche la rondine di sponda che nidifica in “tane” scavate nelle rocce sciolte, la rondine di roccia e la rondine dal groppone. Queste tre specie sono molto rare in Europa. In Francia queste cinque specie sono protette!! Distruggere i loro nidi può comportare pesanti multe che vanno da 1000 a più di 12000 euro a seconda dello stato di occupazione del nido, e della distruzione o meno dei suoi occupanti.

Le rondini non svernano in Europa, migrano tra fine agosto e metà settembre per andare in Africa. Quindi tornano ad occupare i loro nidi la primavera successiva. Le rondini sono molto leali, tornano nello stesso posto ogni anno. Questo ti renderà più facile aiutarli se occupano già la tua terra o la tua casa. O almeno se ci sono colonie di rondini nella tua città o villaggio. Tuttavia, l'installazione di nidi adatti a volte porta delle belle sorprese.

Leggi anche:  Download: immagazzinamento e produzione di energia dal corpo umano.

nido di rondini

Rondini ed ecologia

Il calo delle popolazioni di rondini, il riscaldamento globale e l'ecologia sono strettamente collegati. In effetti, le cause della loro scomparsa portano a grandi preoccupazioni ecologiche. Ad esempio, troviamo l'uso di che è direttamente responsabile dell'esaurimento degli insetti che sono la principale fonte di cibo delle rondini. I pesticidi hanno anche un impatto sulla salute umana.

La moltiplicazione di materiali edili lisci e privi di possibilità di aggancio (come ad esempio vetro e acciaio) limita anche l'insediamento di popolazioni di rondini. Può essere interessante rivolgersi invece a materiali naturali che favoriranno anche ilda solo da casa tua.

D'altra parte, le rondini sono un potente "insetticida" naturale. Incluso in un progetto permacultura, ti permetteranno, allo stesso modo delle coccinelle, di sbarazzarti di alcuni degli insetti dannosi del tuo giardino (principalmente zanzare, mosche e macchioline). Una convivenza che può quindi essere interessante anche per l'uomo.

Ma allora come aiutarli?

Come abbiamo visto in precedenza, è severamente vietato distruggere i loro nidi. Ma è d'altra parte possibile lasciare il fango a disposizione delle rondini affinché possano costruire il loro habitat. E' inoltre possibile installarli a nido già realizzati e pronti per essere utilizzati. In effetti, fare un nido richiede molta energia dalla rondine, sarà più facile per lei ripristinare o migliorare un nido che le hai messo a disposizione. I nidi in vendita li trovi facilmente su internet, ma se sei un tuttofare e hai un po' di tempo davanti a te, è possibile realizzarlo anche da solo. Il seguente video spiega come:

Tuttavia, non è possibile nutrire le rondini. Si nutrono infatti di insetti cacciati in pieno volo. Tuttavia, è possibile aiutarli bandendo pesticidi e insetticidi dal tuo giardino. L'opportunità di interessarsi al concetto di orto pigro. D'altra parte, puoi anche seminare o piantare semi e arbusti che attirano gli insetti nel tuo giardino. È il caso, ad esempio, delle miscele di semi di fiori selvatici o dell'albero delle farfalle (vero nome Buddleia Davidii).

Leggi anche:  The Jap's Rods

Non dimenticare che la rondine è un uccello piuttosto spaventoso. Evita il più possibile un forte inquinamento acustico vicino ai loro nidi durante il loro periodo di occupazione. In caso di lavori sulla vostra facciata, dovrete attendere l'autunno per la loro realizzazione. Se i nidi devono essere spostati, sarà necessario ottenere il consenso della DREAL (Direzione regionale per l'ambiente, la pianificazione e l'edilizia abitativa) da cui dipendi. I nidi dovranno poi essere sostituiti come prima dei lavori. Ma ricorda anche di essere discreto nelle tue osservazioni per evitare di disturbare l'alimentazione dei più piccoli. Gli uccelli non apprezzeranno necessariamente essere guardati costantemente, o essere sottoposti alle grida dei bambini, all'abbaiare o alla chiusura prematura delle persiane vicino al nido.

Molto spesso, sono gli escrementi delle rondini a destare preoccupazione. Tieni presente che puoi ridurre notevolmente il fastidio installando una piccola tavola situata a 40 cm sotto il nido. Quindi tutto ciò che devi fare è ripulire gli appunti dopo che i tuoi coinquilini piumati se ne vanno ogni autunno. Fai attenzione, tuttavia, che la tua installazione non favorisca il predazione da parte dei gatti. Il seguente video fotografa questi pochi modi di vivere serenamente con le rondini!

Infine può anche capitare di trovare una rondine ferita, o un giovane caduto dal nido. Essendo la rondine un uccello protetto, è normalmente vietato catturarla, spostarla e tenerla in casa. Certo, se l'uccello che hai appena trovato è in immediato pericolo di predazione, la cosa migliore è raccoglierlo e riporlo in una scatola di cartone chiusa, con fori di ventilazione, il tempo di allertare una protezione. D'altra parte, se nessun pericolo immediato minaccia l'uccello, allora deve essere lasciato sul posto e iniziare contattando un centro di protezione che darà la procedura da seguire. In Francia, l'interlocutore principale rimane il LPO: Lega per la protezione degli uccelli, sono loro che dovrebbero essere contattati per primi.

Leggi anche:  Le proprietà molecolari dell'acqua

Per ulteriori…

Le rondini vengono regolarmente confuse con un altro uccello, anch'esso protetto: il rondone nero. Si riconosce per il suo colore grigio. Il rondone ha gli stessi problemi della rondine: scarsità di prede, difficoltà di nidificazione... È fondamentale assicurarne la conservazione. La convivenza tra colonie di rondini e rondoni non è generalmente un problema. Il seguente video permette di tuffarsi nel cuore di una colonia svizzera di rondoni neri

In Francia ogni anno vengono effettuate operazioni di conteggio per specie in via di estinzione come rondini e rondoni. Così, ad esempio, in Normandia è un'indagine della LPO che era stata avviata l'anno scorso rinnovato nel 2022. A volte sono anche i municipi che propongono attività a favore delle popolazioni di uccelli del loro comune. È il caso del municipio di Périgueux che ha inviato sul suo sito web, un piano d'azione per quest'anno. Il tuo comune offre anche questo tipo di attività? Vieni a parlarne sul ns forum sull'ecologia !

Se nel tuo comune non esiste nulla, allora questa potrebbe essere l'occasione per lanciare la tua azione? Questa può essere un'azione di sensibilizzazione con gli abitanti della tua città o villaggio, o anche con il tuo municipio. È anche possibile agire a casa, fare la propria terra a Rifugio LPO. Buono a sapersi: questa iniziativa non è riservata ai privati, può essere avviata da una scuola, o anche da un'azienda che si preoccupa di portare la biodiversità nelle proprie attività.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *