Biodiversità in pericolo

Parole chiave: vertice, conferenza, biodiversità, specie, animali, estinzione, influenza, uomo, causa, modifiche, inquinamento, ecosistema

Rassegna stampa di 4 articoli sul vertice UNESCO del gennaio 2005 sulla biodiversità.

1) Allerta per la biodiversità minacciata, Il mondo

Di Hervé Kempf

Su iniziativa di Jacques Chirac, una conferenza internazionale riunisce a Parigi, dal 24 gennaio, leader politici ed esperti scientifici.
Brachyta borni è un pacifico capricorno dell'ordine dei Coleoptera, che presenta una singolarità: probabilmente esiste solo in uno o due luoghi, situato nelle Alpi francesi, non lontano dal confine italiano. Questo insetto è una specie endemica, vale a dire che si trova solo in questi luoghi, in questo caso vicino a Vars, nelle Alte Alpi.
Ma Brachyta borni rischia di passare velocemente alla morte: un cavatore ha infatti ricevuto il 6 dicembre 2004 l'autorizzazione prefettizia per lo sfruttamento del ghiacciaio roccioso dove alloggia la specie, sul col de Vars. Secondo gli entomologi locali, la distruzione di questo ghiacciaio porterà probabilmente all'estinzione della specie. Nel silenzio generale, e senza che nessuno possa misurare le conseguenze di questa perdita di biodiversità. Come centinaia di specie di insetti, piante, molluschi, in tutto il mondo.
Poiché la Repubblica non è immune da contraddizioni, da lunedì 24 gennaio a venerdì 28 organizza un convegno internazionale sul tema “Biodiversità. Scienza e governance ”. Parte di una proposta di Jacques Chirac al G8 di Evian nel 2003, questa conferenza spicca senza dubbio tra tutti i tipi di incontri che occupano esperti e diplomatici di tutto il mondo. Perché mira a divulgare un tema che è, accanto al cambiamento climatico, il più grave della crisi ecologica planetaria - l'impoverimento della biosfera - e perché mette in discussione esplicitamente i mezzi per trasformare la conoscenza scienza in un'azione politica efficace.
L'evento, organizzato dalla Francia, riunisce leader politici di alto livello (Jacques Chirac, che inaugurerà la manifestazione; ma anche il presidente della Nigeria, Olusegun Obasanjo; il primo ministro della Malesia, Abdullah Badawi; il presidente del Madagascar, Marc Ravalomanana), aziende (Sanofi, Novartis, the World Federation of Pharmacy, Total), centinaia di scienziati, tra cui il "gratin" di specialisti della biodiversità: Edward Wilson, David Tilman, Michel Loreau, Harold Mooney, ecc. .
"L'originalità della conferenza", afferma Jacques Weber, direttore dell'Istituto francese per la biodiversità, "è riunire persone che di solito non si incontrano. "" Si tratta di fare il punto su quello che sappiamo, dice Michel Loreau, presidente del comitato scientifico della Conferenza, e di stabilire un dialogo con i politici. Gli scienziati hanno l'impressione che nulla stia progredendo, poiché la crisi della biodiversità raggiunge proporzioni storiche. "
Primo problema: come qualificare con precisione la crisi della biodiversità, darle un'espressione semplice, comprensibile al grande pubblico come lo è diventato il cambiamento climatico?
Se registriamo la distruzione o il degrado degli ecosistemi locali (zone umide, foreste tropicali, praterie, ecc.) Così come la scomparsa di specie a un ritmo mai visto nella storia del pianeta, gli scienziati continuano a chiedersi. tante domande: come sintetizzare questa crisi utilizzando semplici indicatori? Come misurare queste sparizioni per gli ordini più abbondanti ma meno conosciuti (invertebrati)? Come valutare le conseguenze concrete del degrado dell'ecosistema?
Queste difficoltà spiegano perché gli scienziati non hanno ancora prodotto una semplice rappresentazione della crisi della biodiversità e tanto meno dal momento che, a differenza del cambiamento climatico, che è un fenomeno globale, si sta verificando la crisi generale della biodiversità. tradotto da una moltitudine di eventi locali.
Inoltre, la comunità di ricercatori interessati è frammentata. Resta da vedere che il tema della biodiversità lo unisce più fortemente di quanto non lo dividano le rivalità. Ecologisti, tassonomi, genetisti, sociologi, biologi fondamentali formano altrettante cappelle che a volte hanno difficoltà a lavorare insieme.
Gli scienziati sperano, tuttavia, che la Conferenza porti al lancio di un meccanismo che potrebbe essere paragonabile all'IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change). Questo, che riunisce centinaia di ricercatori, produce competenze approfondite sul problema climatico, ma anche una sintesi facilmente comprensibile per i decisori. Allo stesso modo, per la biodiversità, "dobbiamo essere in grado di dire chiaramente a governi, imprese e individui quali sono le conseguenze delle loro azioni", sintetizza un testo collettivo pubblicato su Science il 14 gennaio.
Ma sarà necessario superare la riluttanza di molti a creare una nuova struttura accanto alla valutazione degli ecosistemi del Millennio (che valuta gli ecosistemi), al Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente e in particolare alla Convenzione sulla biodiversità, firmata nel 1992.
Questa Convenzione è praticamente impantanata, a causa della difficoltà di concordare la distribuzione dei potenziali benefici derivati ​​dallo sfruttamento della biodiversità. Inoltre l'assenza degli Stati Uniti, che non l'hanno ratificata, la indebolisce notevolmente. Nel 2002 all'Aia, i firmatari della Convenzione si sono posti l'obiettivo di "ridurre significativamente il tasso di perdita di biodiversità nel 2010". Lo stallo delle discussioni mette a repentaglio il raggiungimento di questo obiettivo. La riunione della Convenzione del 2004 ha fatto pochi progressi
Gli scienziati stanno quindi cercando una via d'uscita da questa impasse e per stimolare le politiche producendo diagnosi chiare. “Verificheremo attentamente le ipotesi”, afferma Laurence Tubiana (Istituto per lo sviluppo sostenibile e le relazioni internazionali), che coordinerà il workshop “Biodiversity Governance”. “Speriamo che tutti siano d'accordo a pensare e iniziare qualcosa. "

Leggi anche:  Definizione di econologia, economia ecologica

Fonte : il mondo

2) Biodiversità: Chirac chiama il pianeta per salvarlo, Liberazione

Di Corinne Bensimon

Fissati nel 1992 a Rio, gli obiettivi per rallentare il declino della biodiversità sono rimasti quasi inascoltati. Si apre oggi una nuova conferenza all'Unesco.
Parigi: ˇ2.126.000 Homo sapiens, ovvero 20.200 per chilometro quadrato, uno dei territori europei più colonizzati dall'umanità ˇ questa settimana sarà il faro della lotta globale contro l'erosione della biodiversità. Oggi la capitale francese ospita con grande sfarzo, presso la sede Unesco, un convegno internazionale il cui titolo ha il merito della sinteticità: "Biodiversità: scienza e governance". Il suo desiderio ufficiale, portato da Jacques Chirac, è garantire che la scienza si traduca rapidamente in governance. La "scienza" sarà rappresentata da diverse centinaia di ricercatori, e i migliori: ecologi (1), epidemiologi, economisti, farmacologi, agronomi, antropologi ... Quanto alla "governance", sarà incarnata da molti rappresentanti dello Stato e delle ONG, e prima dal presidente francese.

Dialogo. È stato lui a lanciare il progetto per un simile incontro nel giugno 2003 al G8 di Evian. Erano passati più di dieci anni dal primo vertice ambientale, tenutosi a Rio nel 1992, e dall'adozione della Convenzione sulla diversità biologica (CBD). Nel 2002, il secondo Earth Summit si è concluso a Johannesburg con un impegno ancora più preciso: rallentare, entro il 2010, il tasso di declino della biodiversità. Rallentare, in un certo senso, il declino della natura ... L'obiettivo sembrava modesto. È rimasta praticamente una lettera morta. Cosa manca per agire? Conoscenza ? Volontà politica? Chirac ha stimato che una grande conferenza scientifica durante la quale i ricercatori redigerebbero "uno stato di conoscenza, lacune e controversie scientifiche" e che portasse a "stabilire un dialogo tra scienziati, politici e decisori economici" potrebbe accelerare il processo.
In effetti, ci sono due grandi incognite: il numero di specie attualmente viventi (tra 5 e 100 milioni, secondo le stime) e la capacità di adattamento di quelle minacciate. Sappiamo che alcuni migrano verso siti più ospitali, che altri sviluppano risposte specifiche senza nemmeno muoversi (i tritoni anticipano la loro data di deposizione sotto l'effetto del riscaldamento ...), ma non sappiamo quanto velocemente vengano effettuati questi adattamenti. e come ridistribuiscono gli equilibri… Si stima che "in Francia, le specie dovranno viaggiare 180 km a nord e 150 m di altitudine per rispondere a un riscaldamento medio di un grado" (2). Ma quali specie possono vincere questa gara e sopravvivere in questi nuovi habitat?

Emergenza. Ci sono tre punti di consenso, che sono alla base del sentimento di urgenza di ecologisti ed ecologisti: primo, la perdita della diversità biologica danneggia la salute umana. In secondo luogo, questa perdita di diversità segue un ritmo sconosciuto dai grandi periodi di estinzione dei vivi, che correvano dopo la seconda guerra mondiale (Inghilterra e Francia hanno perso circa il 15% dei loro uccelli dagli anni '80). Terzo, questo declino è, per la prima volta nella storia della vita, dovuto alla pressione di una singola specie, l'uomo, il cui numero è raddoppiato nell'arco di mezzo secolo, mentre che il suo consumo di acqua, legno, materia organica fossile, è stato moltiplicato per sei ...
Cosa fare per rallentare il calo della liquidità? Sostenere la ricerca pubblica nel campo dell'ecologia issue una questione di attualità, in Francia, dove i ricercatori piangono miseria. Inventa strategie di azione, in situ. Valutare le azioni in corso, come quelle che consistono nella creazione di aree protette. La "conservazione" deve mirare a mantenere, in un sito, un "potenziale di evoluzione" delle specie, spiega Jacques Weber, direttore dell'Istituto francese di biodiversità, ricordando che, contrariamente alla credenza popolare, " un ecosistema non è mai in equilibrio, ma in uno squilibrio permanente che è la chiave della sua evoluzione ”. Un'altra idea, più eterodossa, sarà discussa all'Unesco: gli economisti propongono di integrare la tutela della biodiversità nell'economia di mercato, considerando la natura come fonte di beni e servizi, il cui valore aumenta secondo scarsità. Natura, un nuovo mercato?

Leggi anche:  Il materiale del vuoto

(1) Esperti scienziati di ecosistemi.
(2) In biodiversità e cambiamenti globali,
ed. ADPFE, Ministero degli Affari esteri.

Fonte : Rilascio

3) Una piccola lezione di ecologia: il punto di vista di un ricercatore, Le Figaro

Jean-Louis Martin, ricercatore presso il Center for Functional and Evolutionary Ecology (CNRS / Montpellier).

* L'impatto dell'uomo sulla biodiversità è antico. Mentre in Africa gli esseri umani e la fauna selvatica si sono evoluti insieme, l'espansione dei cacciatori paleolitici al di fuori della culla africana ha provocato l'estinzione di molti grandi mammiferi che sono rimasti ingenui a questo predatore. I marsupiali giganti sono scomparsi dall'Australia circa 50 anni fa, i mammut e il rinoceronte lanoso dall'Eurasia 000 anni fa. Un intero mondo di colossi tra cui elefanti, bisonti dalle grandi corna, grandi felini canini è scomparso dal Nord America circa 10 anni fa.
* L'uomo è anche un vettore di biodiversità. Quando divenne contadino nel periodo neolitico, aprì la foresta per i suoi raccolti o pascoli, costruì, bruciò. Ha gradualmente creato mosaici paesaggistici e habitat artificiali. Quindi consente a un numero maggiore di specie di coesistere in una regione. Nel sud della Francia, uccelli come i siluri e il culbianco dipendono da questa apertura del paesaggio. Questo è anche il caso del bocage nell'ovest del paese.
* L'uomo ha condiviso questo ruolo di costruttore di ecosistemi con altre specie. Il castoro costruisce dighe con materiali presi dal suo ambiente e crea corpi idrici che ospitano una fauna diversificata. Man mano che i coralli si sviluppano, danno vita, su scala continentale, ad architetture sottomarine e una profusione di vita senza pari. Come queste specie, gli esseri umani sono stati a lungo ciò che gli ecologisti chiamano un "ingegnere dell'ecosistema".
* Con la rivoluzione industriale, l'uomo inizia a modificare la biosfera. La macchina sostituisce il muscolo. L'esodo rurale porta all'abbandono della terra e alla chiusura di comunità o all'intensificazione dell'agricoltura. La combustione dei combustibili fossili cambia il clima. Le specie legate all'agricoltura estensiva sono in declino. Come uccelli come l'otarda o il re di quaglie, costituiscono la maggior parte delle specie in via di estinzione in Francia. La popolazione umana cresce da un miliardo a più di sei e utilizza una quota sempre maggiore della torta di energia che il sole distribuisce alla Terra ogni anno. La quota lasciata ad altre specie si sta riducendo.
* Le modifiche non si limitano alla perdita di denaro. Tutti i vertebrati che contavano decine di milioni solo 150 anni fa hanno visto il loro numero sciogliersi come neve al sole. Non è in gioco la sopravvivenza di queste specie, ma la loro funzione negli ecosistemi. Sebbene siano stati necessari più di 70 milioni di bisonti per plasmare la grande prateria americana, la loro assenza mette a repentaglio il futuro delle trame risparmiate dall'aratro. Allo stesso modo, i milioni di salmoni che crescevano e morivano ogni anno nei nostri fiumi li fertilizzavano con le risorse dell'oceano. Hanno anche alimentato l'economia delle popolazioni vicine. Oggi i ricercatori si interrogano sulle conseguenze della loro assenza.
* La biodiversità è ovunqueanche in città. Il colombaccio, la volpe o il cervo diventano abitanti delle città o colonizzano periferie e colture da campo. Ci ricordano che la fauna selvatica può trovare posto in ambienti fortemente modificati dall'uomo. Per altre specie, come il passero domestico, l'uccello selvatico più strettamente legato all'uomo, i ricercatori hanno osservato un calo che solleva interrogativi sulla qualità del nostro ambiente urbano. Ovunque si tratta di capire cosa permette alla vita ordinaria di mantenere o riconquistare un posto, anche nelle nostre città.

Leggi anche:  Articolo sull'econologia in riferimenti, rivista economica

Fonte : Figaro

4) Biodiversità: un contro-vertice ONG per denunciare l'ipocrisia di Parigi, Le Monde

Greenpeace e Friends of the Earth stanno organizzando dibattiti collaterali al Summit di Parigi. "Temiamo che ancora una volta seguano discorsi", spiegano le due Ong, che vogliono puntare il dito contro le responsabilità della Francia in termini di biodiversità. Al termine dei convegni presenteranno al governo una serie di "riflessioni e raccomandazioni".

Le organizzazioni ambientaliste stanno organizzando un contro-vertice a margine della conferenza di Parigi sulla biodiversità per denunciare le "contraddizioni" della Francia e chiederle di agire.

Greenpeace e Friends of the Earth hanno deciso di partecipare in maniera parallela a questa grande massa voluta da Jacques Chirac per "cercare di convincere i leader politici dell'urgenza di agire".

"Temiamo che ancora una volta seguiranno discorsi", spiegano le due Ong in un comunicato congiunto.

La Bird Protection League (LPO) è altrettanto critica e sospettosa dell'atteggiamento della Francia verso la protezione della biodiversità sul suo territorio.

FRANCIA, PAESE “BUON ULTIMO”

"Appuntata da Bruxelles una settimana fa per la sua cattiva volontà nella protezione della natura, la Francia deve cogliere l'opportunità che le viene offerta (...) per posizionarsi in modo meno contraddittorio", scrive il suo presidente, Allain Bougrain -Dubourg, in un comunicato stampa.

“Oggi c'è un urgente bisogno di agire. Il nostro paese è infatti l'ultimo morto in Europa per la conservazione della biodiversità ”, aggiunge.

L'LPO ritiene che l'albero del "piano orso" recentemente annunciato dal ministro dell'Ambiente dei Pirenei "non debba nascondere la foresta a decisioni incoerenti in termini di biodiversità".

L'Associazione per la protezione degli animali selvatici (Aspas) denuncia anche la “politica irresponsabile e disastrosa” della Francia sull'ambiente.

"La Francia parla di biodiversità mentre si fa beffe della propria", ha detto.

France Nature Environnement, da parte sua, afferma che "la biodiversità richiede una strategia ambiziosa e urgente", e sottolinea "il divario tra dichiarazioni e realtà sul campo".

Greenpeace e Friends of the Earth non vorrebbero che le responsabilità di Parigi, uno dei paesi più ricchi di biodiversità del Nord, venissero sottratti alla conferenza organizzata per contribuire ai lavori della Convenzione sulla diversità biologica (CBD) .

"Dalla sua firma nel 1992, è stato chiaro che la Convenzione sulla diversità biologica non ha permesso di fermare l'erosione della biodiversità globale", scrivono le due associazioni.

TRA "BELLISSIMI DISCORSI" E "Saccheggi" DI FORESTE

Prendono ad esempio il degrado delle foreste tropicali.

“Ogni sei ore scompare un'area forestale equivalente a Parigi, la città ospitante di questo nuovo vertice, portando all'estinzione di molte specie animali e vegetali, a volte sconosciute”, dicono.

Di fronte all'entità della deforestazione, i ricercatori e le associazioni suonano regolarmente il campanello d'allarme.

Per Greenpeace e Friends of the Earth esistono soluzioni per aiutare a preservare le foreste tropicali, "ma manca la volontà politica di agire".

"Non appena si tratta di salvare le foreste tropicali, le nostre politiche diventano schizofreniche: in Francia facciamo bei discorsi, e in Africa incoraggiamo le aziende francesi a saccheggiare le foreste", indignato Sylvain Angerand, responsabile della campagna. Foreste tropicali per gli Amici della Terra.

Illanga Itoua, responsabile della campagna Foreste africane per Greenpeace Francia, sottolinea che "gli Stati indeboliti dalla corruzione o appena usciti dai conflitti scelgono principalmente la via del profitto a breve termine e non ridistribuita alla nazione".

“Nelle foreste, l'opacità, la mancanza di governo e l'impunità regnano sovrane. I popoli e le foreste del bacino del Congo stanno subendo le conseguenze più drammatiche. Ma è tutta l'umanità che è preoccupata per il saccheggio del suo patrimonio ”, continua.

Affrontare il governo francese con le sue responsabilità e presentarlo con “riflessioni e raccomandazioni” alla vigilia del vertice di Brazzaville sulle foreste del bacino del Congo, il 4 e 5 febbraio, a cui parteciperanno Jacques Chirac, Les Amis de la Terre e Greenpeace organizzare una settimana di dibattiti paralleli.

Le organizzazioni hanno anche pianificato azioni, come la messa in scena interattiva, in strada, del processo pubblico di disboscamento, nel 1 ° arrondissement di Parigi.

Con Reuters e Le Monde

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *