vino biogas Alsazia

Un impianto di biogas per i vigneti dell'Alsazia?

Con 30 000 40 000 a tonnellate di vinacce e delle acque reflue, la vigna ha potuto prendere in considerazione la costruzione di una centrale elettrica a biogas. Ma la viticoltura ha preso la misura dei problemi e delle sfide energetiche?

Nel mese di giugno 2004, si potrebbe imparare a Viti-Alsazia e le condizioni agricole e vino è che il petrolio sarebbe costoso. Poi riprendiamo dati Jean Laherrère, un geofisico, siamo stati invitati, con l'aiuto di Crédit Mutuel alla camera dell'agricoltura del Basso Reno. A quel tempo, i prezzi del petrolio non avevano ancora raggiunto dollari 50. Da allora, le cose sono cambiate, la situazione economica dei vigneti nel mondo era tesa, si parla addirittura lacrima in Australia, che aspirava ad essere il più grande produttore in 2015. In Alsazia, i vigneti hanno dovuto fare sacrifici su rendimenti e il prezzo di vendita del vino in bottiglia e sfuso. Il margine di profitto è stato notevolmente sgonfiato, tanto più che i carichi paralleli aumentano. Oggi dobbiamo pensare a ridurre i costi di produzione.

Fu durante gli anni 2000, quando la viticoltura poteva ancora permettersi di investire, che la questione dei costi energetici avrebbe dovuto essere presa in considerazione. Sembra che oggi questo problema non sia ancora una priorità politica nel vigneto. Tuttavia, alcuni viticoltori pionieri erano preoccupati. Alcuni corrono su olio vegetale - Jean-Marie e Jean-Paul Zusslin a Orchwihr -, producono la loro elettricità con pannelli fotovoltaici e biogas - André Durrmann ad Andlau -, isolano le loro cantine dal freddo e soprattutto dal caldo con ovatta di cellulosa - Benoît Frey a Bleinschwiller - e sviluppare le pratiche di tecniche di coltivazione semplificate che dovrebbero consumare meno olio combustibile - Hubert Hausherr a Eguisheim e Patrick Meyer a Nothalten. Alcuni infine usano i rami per renderlo un materiale combustibile - Xavier-Léon Muller a Marlenheim, Pierre Beinert a Bourgheim, Vincent Spannagel a Katzenthal - solo per citarne alcuni. Resta da sviluppare le marche di energia in un momento in cui l'Unione europea sta valutando l'abolizione degli aiuti alla distillazione. Le vinacce potrebbero anche costituire una formidabile risorsa energetica nella cogenerazione elettrica per il vigneto.

Leggi anche: norma ISO 13065 per le bioenergie

L'olio è costoso, ma l'elettricità sarà anche costoso. Si tratta di tutte le esigenze di energia elettrica enologi andranno ascendente per raffreddare le cantine e termoregolare fermentazioni sine qua non della qualità aromatica dei vini. E non è la canicola dell'estate negheranno il riscaldamento globale. Alla data del raccolto, può ancora dilagante.

La Francia ha sostenuto il "quasi tutto nucleare" Riferendosi alle generazioni future i costi di ritrattamento e smantellamento dei reattori obsoleti e, soprattutto, distorcendo i dati relativi alla redditività della produzione di energia elettrica. Mentre una centrale nucleare fuori uso rimane un peso per la società, una centrale di biogas o una turbina eolica utilizzati non sono più. Un recente articolo del quotidiano "Il mondo", ha affrontato il problema. In Gran Bretagna, un paese in cui l'energia nucleare per solo 15 30% per il costo di smantellamento e di ritrattamento è stimato a più di 100 miliardi, ha detto il giornale.

In Francia, dove l'energia nucleare per oltre 70% della produzione, come spiegare che si evoca solo poche decine di miliardi di euro di costi in termini di smantellamento di reattori obsoleti e il ritrattamento di questi rifiuti , il denaro che altrimenti sarebbero stati accantonati per decenni, che denuncia le corti dei conti sulle scappatelle finanziarie del principale operatore elettrico francese in Sud America.
La questione non è tanto che le condizioni nucleari tra cui la trasparenza finanziaria.

Leggi anche: Biocarburanti su TF1

E molte persone, come l'agricoltura e la viticoltura si chiedono che cosa avremmo dovuto fare e non abbiamo fatto per quanto riguarda la costruzione di centrali a biogas, la ragione per cui sarebbe meno conveniente rispetto nucleare. Diffondere i costi nel corso 300 anni, come previsto alla Mecca politico, non convince "électrodépendantes" aziende minacciano di trasferirsi. Se una fabbrica di alluminio o mattoni possono spostare, viticoltura può subire solo, a meno che non decida di produrre la propria energia elettrica. Quale sarebbe meglio, ma se le condizioni di accesso gratuito alla produzione di energia elettrica sono state soddisfatte e se la tutela degli interessi privati, non è stato orchestrato.
Un breve calcolo approssimativo stimato 40 000 tonnellate di vinacce e di effluenti prodotti dalle ettari 15 000 di vigneti, che 20 milioni di metano m3 o 30 milioni di kWh / anno, pari alla metà del potenziale la produzione dell'impianto di trattamento delle acque reflue in Alsazia, il doppio del potenziale degli allevamenti di suini che rappresentano 20% del potenziale di allevamenti bovini.

elettricità Valued, segna la vigna potrebbe rappresentare un fatturato di € 3 M (milioni di euro) se la tariffa feed-in energia elettrica è stato 10 centesimi. Ricordiamo che va a 15 17 € cent / kWh nel Baden-Württemberg, un paese in cui quasi 500 impianti di biogas sono in funzione. Se l'elettricità è stata venduta in Germania, i segni in modo produrrebbero più di 4 milioni di €. La stessa quantità di vinacce, in 3% di alcol potenziale, per un valore di alcol distilleria rappresenta 2,8 M € di fatturato, se tutti sono stati commercializzati a ONIVINS, tenendo conto degli aiuti europei (€ 187 / hl) e 1,2 milioni di € di fatturato nel mercato alcool (84 € / hl).

Leggi anche: Il Piano Biofuel 2005

La conversione in effluente vino energia elettrica sarebbe ancora più bello progetto industriale per la vigna che poteva contribuire ad alleviare gli impianti di trattamento con i fanghi potrebbe anche essere fermentati. Si noti che molti allevatori vogliono godere le necessità di aggiornare i loro centri di raccolta degli effluenti per la costruzione di impianti di biogas. Essi si aspettano che lo Stato ha fatto promesse circa la tariffa feed-in energia elettrica ed è conforme alle direttive europee.
Nel frattempo, il metano, 21 volte maggiore impatto sull'effetto serra che CO2 continua a fuoriuscire dai box letame. Allo stesso modo, la vigna e la sua distilleria di industriali, di pensare anche di aggiornare le loro strutture potrebbe usare questa opportunità per costruire una centrale elettrica a biogas.

David Lefebvre

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *