Bitcoin, criptovalute ed ecologia. Cos'è EcoCoin?

Sviluppo sostenibile: le criptovalute stanno diventando "eco-compatibili"? Riduzione del loro impatto ecologico ed esempio di criptovaluta ecologica con la Eco Coin

Le Bitcoin è stato spesso criticato dagli ambientalisti per l'alto costo dell'elettricità. Ma nel 2020, molte soluzioni incentrate sulle valute virtuali ora consentono di associarsi responsabilità ecologico e blockchain. Ecco una rapida panoramica di queste nuove funzionalità.

Fonte : Pxhere

Bitcoin: costo elevato, ma in miglioramento

Conosciamo da diversi anni il progetto di alta tecnologia Bitcoin ha un costo elettrico significativo. Per supportare la sua architettura, consuma così quanta più elettricità di tutta la Svizzera. Tuttavia, queste cifre dovrebbero essere messe in prospettiva rispetto al sistema bancario. Al massimo, si stima che Bitcoin consumi circa 57 terawattora (TWh) all'anno. Ora il settore bancario è molto più avido da allora consuma circa 100 TWh all'anno, solo per eseguire i suoi server, banche locali e bancomat. A ciò si aggiunge il trasporto di fondi su veicolo, oltre alla produzione di monete e banconote, molto costose in energia. Bitcoin quindi consuma molto meno ... Ma è vero che il servizio reso da Bitcoin è molto lontano da quello del sistema bancario! Per avere un'idea di ciò che rappresenta 100 TWh all'anno, la produzione di reattori nucleari il potere civile è, a seconda del suo potere, da 7 a 12 TWh all'anno.

Leggi anche: Come fare trading con l'indicatore ADX?

Inoltre, gli esperti sono recentemente tornati a queste stime. Uno studio dell'American Chemical Society condotto da ricercatori di un'università in Danimarca indica che Bitcoin consumerebbe solo 31 TWh. Va anche notato che la maggior parte dell'inquinamento generato da Bitcoin è dovuto a produzioni cinesi, che operano con centrali a carbone. Ma lo sviluppo di fonti dielettricità solare sul territorio dovrebbe comunque mitigarlo.

Nuove tecnologie "eco-compatibili"?

La maggior parte degli investitori sceglie di farloacquista bitcoin, che rimane la valuta digitale più popolare e comune. Ora ce ne sono anche molti progetti alternativi, che si basano su tecnologie diverse. Il sistema di verifica della rete di pagamento di Ripple, o quella di Tron, consuma quindi poca elettricità. Anche Ethereum, la seconda criptovaluta più grande al mondo, si sta rivolgendo a questa soluzione. Entro il 2021, anche lui avrà adottato queste tecnologie più "ecologiche".

Leggi anche: Crescita, PIL e consumo di energia: tasse sull'energia e un nuovo modello economico?
vento
Fonte : Pxhere

Progetti interamente orientati all'ecologia

E al di là di queste trasformazioni, progetti di iniziano a emergere criptovalute completamente ecologiche. Questo è il caso di ilEco Coin, che premia i suoi utenti quando svolgono azioni che aiutano a combattere i cambiamenti climatici. O addirittura Chia, un progetto che consente di estrarre valute digitali in modo totalmente ecologico.
Anche l'industria delle criptovalute è impegnata a contribuire a lotte ecologiche urgenti. Nel 2019, la community di criptovalute aveva così creato una raccolta fondi per aiutare a combattere gli incendi boschivi che hanno devastato l'Amazzonia. E più recentemente, le donazioni di criptovalute hanno iniziato a riunirsi per portare aiuti in Australia, che è anche afflitto da fiamme. Anche Justin Sun, a capo della Fondazione Tron, ha donato XNUMX milione di dollari agli sforzi di Greta Thunberg.

In questo nuovo decennio che si apre, il i cryptos stanno lentamente trovando il loro posto nell'ecologia e potrebbero essere la chiave per lo sviluppo di soluzioni sostenibili in futuro.

Leggi anche: La posta in gioco di un nuovo modello di sviluppo

Scopri di più: un dibattito sostanziale su Bitcoin ed ecologia

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *