BMW Turbosteamer

Press kit e analisi circa la BMW Turbosteamer.

Le nostre analisi a fine pagina. Clicca per ingrandire le immagini.

Introduzione

maggiore efficienza, più potenza, consumi ridotti: per la prima volta, il BMW Group Research & Engineering recupera calore dal motore per creare energia.
efficienza 15% in aggiunta, un litro e mezzo in meno di consumo di una vettura media attraverso il principio della macchina a vapore!

Il principio di Turbosteamer

Grazie ad un nuovo concetto, i ricercatori del BMW Group hanno domato con successo la più grande - e mai sfruttato - questa fonte di energia in una macchina: il calore. Grazie alla combinazione di un gruppo direttivo ha partecipato ad una BMW motore a quattro cilindri della 1.8 su un banco di prova, gli ingegneri sono stati in grado di ridurre il consumo di questo 15 meccanico%, mentre la generazione di potenza kW 10 e 20 Nm di coppia aggiuntivo. Potenza ed efficienza provengono dal nulla! E che non costano una goccia di carburante! Infatti, questa energia proviene esclusivamente dalle "calorie" che normalmente si perdono nel gas di scarico ed il liquido refrigerante. Tale progetto di ricerca quindi, possiede tutti i criteri cari alla filosofia BMW EfficientDynamics: riduzione dei consumi e delle emissioni con una maggiore dinamicità e le prestazioni.

Fino 15 efficienza% in aggiunta al motore a benzina

Il Turbosteamer - questo è il nome del progetto - si basa sul principio della macchina a vapore: un fluido viene riscaldato per formare vapore in due circuiti e questo vapore è usato per azionare il motore. Il primo fornitore di energia è un circuito ad alta temperatura con i gas di scarico molto calde del motore a combustione interna tramite gli scambiatori di calore. Ulteriori 80% del "calore" energia contenuta nei gas di scarico sono recuperati mediante questa tecnica. Il vapore viene poi direttamente condotto ad un'unità di espansione collegata all'albero a gomiti del motore a combustione interna. La maggior parte del calore residuo viene assorbita dal circuito di raffreddamento, che non è altro che il secondo fornitore di energia Turbosteamer. Questo nuovo sistema di controllo del motore in realtà aumenta l'efficienza di tutti i meccanici 15% complessivo. "Il Turbosteamer ci convince ancora un po 'di più rispetto al motore a combustione interna è senza dubbio una soluzione futura," dice il professor Burkhard Göschel, membro del Consiglio responsabile per lo sviluppo e l'acquisto di BMW AG.

Leggi anche: Abbreviazioni

Un sistema per autoveicoli oggi

Questo sistema di controllo del motore è in fase di numerosi test sul banco di prova. Tutti i suoi componenti sono stati progettati per essere installati negli attuali modelli del marchio. Così, le prove sono state effettuate con diversi pacchetti per garantire che BMW 3, per esempio, accoglierà senza modifiche. Missione compiuta: il vano motore di un modello a quattro cilindri offre spazio sufficiente per includere tutti i moduli di Turbosteamer.

La produzione di massa entro dieci anni

La sfida ora è di semplificare e ridurre le dimensioni del sistema nel suo complesso. La questione è importante perché è la massa industrializzare questo innovativo sistema nel giro di dieci anni.

BMW filosofia Efficient Dynamics

Il BMW Group Research & Engineering illustrano solo bel modo le prospettive a medio termine offerti da BMW EfficientDynamics filosofia. "Questo progetto si propone di affrontare l'apparente contraddizione tra la riduzione delle emissioni e dei consumi da un lato e le prestazioni coppia e l'agilità, dall'altro," riassume il professor Burkhard Göschel. Per il Gruppo BMW, è un principio fondamentale che una riduzione dei consumi - anche misurato - interessano l'intera gamma prodotto più effetti una maggiore riduzione su un modello di nicchia. È per questo che BMW intende concentrarsi su un compito specifico: per rendere accessibile al maggior numero delle più moderne tecnologie per ridurre l'uso di auto.

Leggi anche: AdBlue, per limitare l'inquinamento dei veicoli diesel

le nostre analisi

Circa il concetto

Quando sappiamo che oltre il 40% dell'energia termica consumata in un motore viene persa nello scarico, accogliamo con favore questa iniziativa tecnologica che, se sviluppata e diffusa a un costo accessibile, potrebbe contribuire notevolmente all'economia di risorse petrolifere.

Tuttavia, contrariamente a quanto specificato da BMW, l'idea non è nuova da allora Il concetto è stato sviluppato dalla Kitson Ancora, locomotiva diesel a vapore in 1920 anni. Clicca qui per i dettagli

A proposito di tecnologia: aspetti "econologici"

Stiamo assistendo ad alcune limitazioni a questo sistema:

  • Innanzitutto il costo aggiuntivo dell'intero
  • Quando sai che il prezzo delle micro turbine a vapore per uso domestico è di circa 20 € per 000 kW. È da temere che questo punto sia difficilmente risolvibile soprattutto quando i registi parlano di dotare l'intera gamma (un costo aggiuntivo dell'auto superiore al 10% non è concepibile commercialmente)

  • Il sistema sembra essere limitata a motori a benzina
  • In effeti; I turbo diesel ad iniezione ad alta pressione già pompano molta energia e la temperatura dei loro gas di scarico è senza dubbio troppo bassa per essere sfruttata da questo processo. È un peccato quando sai che è il diesel a iniezione diretta che attualmente offre le migliori prestazioni del motore.

  • Crediamo che il più Compound Turbo (Turbo Machinery)
  • In effeti; già montato su determinati motori o camion industriali, è molto più semplice da implementare e offre una riduzione dal 5% al ​​10% ma conosce gli stessi limiti di utilizzo: un'elevata temperatura di scarico quindi un'efficienza limitata alla gamma superiore di poteri e accelerazioni. (vedi nota successiva)

  • Il sistema sarà più efficiente quando la temperatura dei gas di scarico è più alta ...
  • ... Vale a dire ad alta potenza del motore (velocità del veicolo) o richiesta di coppia elevata (forte accelerazione). Di conseguenza, possiamo dubitare dell'efficienza del sistema nei viaggi urbani (2/3 dei km effettuati durante la vita di un'auto) e quindi che in città il sistema fa una differenza significativa. Al contrario, il sovrappeso rischia di aumentare i consumi ...

    Leggi anche: Scarica: studio TPE: vetture GT di domani

    Quindi qual è il punto di guadagnare il 15% di consumo se questo guadagno è possibile solo oltre una certa potenza (probabilmente alta, dal 50% della potenza massima del veicolo), soprattutto conoscendo le gamme di potenza (alta) Veicoli BMW?

    A meno che, naturalmente, gli ingegneri BMW non abbiano pensato di immagazzinare temporaneamente il vapore (in un serbatoio di accumulo ad alta pressione e temperatura) per utilizzarlo durante le massime esigenze di coppia. In questo caso quest'ultima osservazione sarebbe falsa ...

  • Infine, il time to market annunciato 10 anni
  • Nel momento in cui la tecnologia del motore avanza, comunque, abbastanza rapidamente, 10 anni sono un periodo piuttosto lungo. In questa data, 2015-16, quindi, cosa accadrà alla promettente tecnologia Diesel Hybrid? C'è una buona probabilità che quest'ultima tecnologia sia economicamente più efficiente, sebbene il TurboSteamer possa ovviamente adattarsi agli Hybdrides ... benzina.

    la nostra conclusione

    Se il principio non fosse innovativo come la BMW vorrebbe farci credere, la sua diffusione farebbe un buon passo avanti sulle prestazioni, ancora basse rispetto agli attuali motori a benzina ... Ma a quale costo: tanto tecnologico (complessità gestionale e aumento della massa del veicolo ...) rispetto a quello finanziario (impatto sul prezzo finale del veicolo ...)? Il fallimento commerciale del Kitson Still era dovuto, almeno in parte, alla sua complessità ... Il prezzo attuale e in 10 anni di energia renderanno tale tecnologia redditizia per gli individui? Il futuro ci dirà ...

    Infine, riteniamo, forse a torto, che il sistema potrebbe avere un futuro radioso sui motori industriali. In effetti, essendo questi motori più spesso e per lunghi periodi molto carichi, i limiti di utilizzo e i costi sopra menzionati non avrebbero più motivo di essere.

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *