Legno di energia

Il settore dell'energia da legno è tornato in vigore

In un contesto energetico teso, il legno sta tornando di moda e il settore si sta sviluppando a livello tecnico. La sfida ora è mobilitare la risorsa per garantire un'offerta sostenibile e sufficiente a soddisfare la domanda.

Il settore dell'energia da legno include tutti gli usi del legno per produrre calore, elettricità o entrambi contemporaneamente in caso di cogenerazione. Oltre al biogas e ai biocarburanti, il settore dell'energia da legno appartiene alle energie rinnovabili basate sull'uso della biomassa. Fa uso di depositi di legno da manutenzione forestale, scarti dell'industria forestale e, in misura minore, di legno da rifiuti (rifiuti edili).

In Francia, l'energia prodotta dal legno rappresentava, in 2004, 9,4 Mtep è il 50% della produzione di energie rinnovabili (combinato elettrico e termico) e l'4% del fabbisogno energetico francese. La Francia deve il suo posto come principale produttore europeo di energia da legno principalmente attraverso il riscaldamento domestico che consuma 79,5% (circa 7,4 Mtep). Infatti, nelle singole abitazioni, oltre 5 milioni di famiglie sono dotate di riscaldamento a legna (45% di inserti e focolari chiusi, 27% di focolari aperti, 13% di stufe, 9% di stufe e 6 % di singole caldaie).
Il consumo di legna nel settore industriale è dell'ordine di 1,6 Mtep / anno (ovvero 18,2% del totale). È prodotto principalmente dall'industria del legno, del cartone e dei pannelli, che utilizza i propri sottoprodotti (corteccia, segatura, caduta) per coprire le loro esigenze di calore ed elettricità. Cresce leggermente, in particolare grazie alla prima e alla seconda industria di lavorazione del legno. Il parco di caldaie industriali a legna è stimato in unità 1000 per una potenza di 2,5 GW.
Se l'uso professionale dell'energia del legno in agricoltura rimane stabile (0,5%) principalmente per il riscaldamento delle serre, la ripresa nei settori collettivo e terziario tende a svilupparsi ma attualmente rappresenta solo l'1,8% dei consumi. energia totale del legno. Dal 2000, il parco dei sistemi di riscaldamento collettivo a legna è cresciuto costantemente di oltre il 13% in media all'anno. A fine 2004 comprendeva 641 installazioni, ossia 430 MW di potenza termica installata in ospedali, scuole e abitazioni. A Nangis nella Seine-et-Marne, ad esempio, i locali di un centro specializzato nello smistamento degli imballaggi beneficeranno di questa tecnica, mentre ad Aubervilliers nella Seine-Saint-Denis, una caldaia a legna fornirà la metà del il fabbisogno energetico di un insieme di sette edifici con 836 abitazioni.

Leggi anche:  torre solare vortex: principio

Nonostante questo uso relativamente ampio ma discreto, il settore del legno-energia non è ottimizzato e la Francia ha ancora un potenziale significativo del legno. Gran parte dei residui legnosi non è ancora stata recuperata e gli impianti esistenti non hanno una resa ottimale rispetto alle tecnologie oggi disponibili. Per questo ADEME ha voluto incentivare un uso maggiore ed efficiente del legno come risorsa energetica. Nel 1994 è stato lanciato un primo piano denominato Legno-energia e sviluppo locale gestito da ADEME e che associa 13 regioni francesi per sostenere questo settore. Con maggiori risorse finanziarie, nel 2000 è entrato in vigore un secondo programma di energia dal legno al fine di accelerare il passaggio agli apparecchi a legna ad alta efficienza e aumentare la dimensione della base installata. Una grande componente è dedicata allo sviluppo dell'energia del legno nei settori industriale, collettivo e terziario con l'obiettivo di installare 1000 locali caldaie e produrre ulteriori 0,3 Mtep. Con il sostegno dei crediti d'imposta, molti progetti hanno visto la luce. Così, a Besançon, una caldaia a legna che soddisfa il 65% del fabbisogno termico di una città di 350 unità abitative e rappresenta un investimento di circa € 350 è stata sovvenzionata fino al 000% da ADEME Franche-Comté e 20% dal consiglio generale del Doubs.

Leggi anche:  La competitività delle energie rinnovabili

Scopri di più

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *