Un brevetto che sfida la fisica

Il brevetto 6.960.975 concesso dall'ufficio brevetti degli Stati Uniti a Boris Volfson, nell'Indiana, rischia di far rabbrividire alcuni denti dalla parte dei fisici.

Contrariamente al principio secondo cui un'invenzione che sfida le leggi della fisica non può essere brevettata (nota di econologia: questo postulato è falso soprattutto negli Stati Uniti, dove sono stati depositati un buon numero di brevetti sul movimento perpetuo, sul motore ad acqua o sui dischi volanti!) , l'US Patent Office (USPTO) ha convalidato un sistema basato sull'antigravità.

Secondo Robert Park, dell'American Society of Physics, intervistato dalla rivista Nature, questo dimostra che gli esperti di brevetti possono essere ingannati dalla pseudo-scienza.

Il dispositivo brevettato è un veicolo spaziale azionato da uno scudo superconduttore che distorce la curvatura dello spazio-tempo e neutralizza gli effetti della gravità.

Questo principio di antigravità implica che ci sia una fonte inesauribile di energia e che il moto perpetuo sia possibile. Una macchina guidata da un tale movimento potrebbe funzionare indefinitamente senza carburante aggiuntivo. Una speranza proibita dalle leggi della fisica. (nota sull'econologia: sarebbe stato più corretto dire "fisica attuale". La "fisica" di non molto tempo fa sosteneva che il più pesante dell'aria non poteva volare ...).

Leggi anche: Il deserto del Mu'us avanza in media di 126 m ogni anno

Per saperne di più

Leggi il brevetto in questione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *