Disastro ecologico in Cina del Nord


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Il popolo di Harbin, la capitale della provincia di Heilongjiang, nel nord della Cina, sfuggì quando la chiazza tossica del chilometro 80 andò alla deriva sulle acque semicongelate del fiume Songhua. Sostanze inquinanti, principalmente benzene e nitrobenzene, cancerogene e pericolose anche in piccole dosi, che sabato 26 di novembre non dovrebbero più essere presenti in questa zona, perché trasportate dalla corrente al fiume Amur e alla città russa di Khabarovsk.

Per saperne di più sul sito del World

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *