Disastro ecologico nella Cina del Nord

I residenti di Harbin, capitale della provincia dell'Heilongjiang nel nord della Cina, sono fuggiti quando la chiazza di petrolio tossica lunga 80 chilometri si è spostata sulle acque semicongelate del fiume. Songhua. Sostanze inquinanti, principalmente benzene e nitrobenzene, cancerogene e pericolose anche a piccole dosi, che, sabato 26 novembre, non dovrebbero più essere presenti in questa zona, perché trasportate dalla corrente verso il fiume Amur e la città russa di Khabarovsk.

Maggiori informazioni sul sito del mondo

Leggi anche:  fronte caldo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *