Calore: l'aria condizionata non è l'unica soluzione

I francesi si stanno dotando massicciamente di condizionatori d'aria? La questione non è risolta. Lo affermano le case produttrici evidenziando l'incremento delle vendite del 30% tra il 2002 e il 2003 e contando sul proseguimento di questo trend anche nel 2004. L'Ademe (Associazione per l'ambiente e la gestione dell'energia) modera questo dato sottolineando che questo aumento è spiegato dal basso livello di attrezzature a partire dallo stock residenziale. "Inoltre, non sappiamo esattamente quale sia la quota di professionisti indipendenti in queste vendite", aggiunge l'ingegnere Michel Carré di Ademe, Nothing dice che c'è davvero una mania da parte delle persone per questi prodotti. Secondo un'indagine Sofres condotta dopo l'ondata di caldo dell'estate 2003, l'80% degli intervistati ha dichiarato di non volersi dotare di un impianto di condizionamento.

La Francia potrebbe quindi rimanere un'eccezione tra i paesi industrializzati, che hanno tassi di equipaggiamento molto più elevati. La Francia rappresenta quindi solo il 2% del mercato mondiale della climatizzazione, contro il 29% degli Stati Uniti. E questo relativo sotto-equipaggiamento è una notizia piuttosto buona per l'ambiente perché i condizionatori d'aria sono ancora sistemi molto inquinanti, soprattutto se non vengono trattati adeguatamente. “Non è tanto l'energia consumata da questi dispositivi che rimane relativamente bassa, osserva Michel Carré, quanto la presenza di refrigeranti all'interno dei quali sono gas serra 1 volte più nocivi della CO500. "

Leggi anche:  Piano climatico: fondi ADEME parzialmente congelati

Tuttavia, secondo lo specialista, non solo i condizionatori d'aria soffrono quasi sistematicamente di problemi di perdite (molto importanti nelle automobili), ma spesso i fluidi vengono recuperati male dai dispositivi alla fine della loro vita. Un'accusa che i professionisti respingono. "Il recupero dei fluidi è un obbligo legale che risale al decreto 7 dicembre 1992 e gli installatori lo rispettano", assicura Pascal Folempin, vicedirettore generale di un'associazione dei produttori di condizionatori.

Tuttavia, Ademe consiglia alle persone di riflettere attentamente prima di attrezzarsi. "L'aria condizionata non è inevitabile, anche nel sud della Francia", osserva la pratica guida "Comfort estivo" recentemente pubblicata dall'agenzia e disponibile su Internet (vedi sotto). Gli esperti elencano molte soluzioni alternative e molto concrete per proteggere dal calore, mantenere fresco o creare freddo. Sul lato di protezione, le finestre e le persiane devono rimanere chiuse, la facciata ovest protetta (ad esempio da alberi) e l'isolamento ben assicurato tra le parti vetrate (come le verande) e il resto della casa. In termini di freschezza, l'Ademe ammette la sua debolezza per i ventilatori appesi al soffitto e invita i privati ​​ad acquistare condizionatori d'aria solo da professionisti.

Leggi anche:  Il Protocollo di Kyoto entri in vigore senza gli Stati Uniti

La guida di Ademe:
http://www.ademe.fr/particuliers/Fiches/confort_ete/index.htm

Fonte : http://www.novethic.fr/novethic/site/article/index.jsp?id=79594

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *