Masterizzarlo su un bruciatore a pellet di legno

Il Center for Architecture and Efficient Energy Technology (ZETA) della Brema Higher School e la società LEDA Werk GmbH & Co. KG Boekhoff & Co. hanno firmato un accordo di cooperazione per lo sviluppo di un bruciatore progettato per combustione praticamente senza emissione di gas tossici da pellet di legno.

Ciò richiede pochissima energia per funzionare ed è particolarmente adatto per l'uso in case passive o a basso consumo energetico.

I pellet di legno sono un combustibile relativamente sconosciuto nelle nostre regioni, ma sono stati a lungo utilizzati in Scandinavia e Austria. Il legno è un vettore di energia rinnovabile e particolarmente ecologica.

Nel bruciare pellet, la quantità di CO2 che emerge è quella che è stata assorbita da alberi durante la loro crescita, che chiude il ciclo. Il pellet forni rappresentano quindi un'opportunità per il riscaldamento economico ed ecologico potrebbe essere installato in case passive.

Leggi anche: Sylvain David: quali fonti di energia entro il 2050?

InnoWi GmbH ha avviato una domanda di brevetto in Germania e in molti altri paesi europei.

Contatti: Prof. Dr.-Ing Rolf-Peter Strauss, Hochschule Brema ZETA, Neustadtswall 30, 29199 Brema, e-mail: rstrausss@fbm.hs-bremen.de,
http://www.hs-bremen.de
innoWi GmbH, Peer Biskup, Casella postale 104551, 28045 Brema, e-mail: mail@innowi.de, http://www.innowi.de
Fonti: Depeche IDW, comunicato stampa della scuola superiore di Brema

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *