porcellana

incubo ecologico globale se la Cina ha adottato il sogno americano

La terra sperimenterà un vero incubo ecologico entro il 2031 se tutti i cinesi adotteranno l'attuale stile di vita americano di forte consumo, ha avvertito mercoledì l'istituto di ricerca americano Earth Policy Institute.

Il sogno americano, la versione cinese, porterà inevitabilmente alla catastrofe globale ambientale ed economica come estrapolazioni di questo istituto nel consumo di cibo, energia e materie prime.

Se l'economia cinese è cresciuta dell'8% all'anno, raddoppiando ogni nove anni, il reddito pro capite nel 2031 raggiungerà $ 38.000, che è l'attuale reddito pro capite degli Stati Uniti, ma per una popolazione stimata quindi a 1,45 , XNUMX miliardi, dice questo studio.

Attualmente il reddito medio annuo pro capite di un cinese raggiunge a malapena i 5.300 dollari.

Le proiezioni più allarmanti riguardano il consumo energetico e le sue conseguenze.

“A parte l'aria irrespirabile dovuta ai fumi del consumo di carbone, le emissioni di CO2 della Cina in 26 anni sarebbero equivalenti a quelle emesse dalle fonti di inquinamento di tutta la terra oggi” secondo questo studio.

Leggi anche:  Le città Megalopolis 2025

Infatti, se nel 2031 i cinesi utilizzassero proporzionalmente tanto petrolio quanto gli americani oggi, la Cina dovrà disporre di 99 milioni di barili di greggio al giorno. L'attuale produzione mondiale giornaliera è di circa 79 milioni di barili.

Per il carbone, se in 26 anni ogni cinese brucia tanto carbone quanto un americano (o 2 tonnellate all'anno in media), il paese utilizzerà 2,8 milioni di tonnellate ogni anno, o più dell'attuale produzione mondiale annuale di 2,5 milioni di tonnellate.

"Il cambiamento climatico non sarebbe più gestibile, mettendo in pericolo la sicurezza alimentare e allagando tutte le città costiere", avverte l'istituto.

Al ritmo di tre auto per quattro abitanti al momento negli Stati Uniti, questo sogno di possedere un veicolo privato porterebbe la flotta automobilistica cinese a più di 1,1 miliardi di unità nel 2031.

"Le strade, autostrade e parcheggi per assorbire tutte queste auto rappresenteranno l'equivalente dell'area oggi dedicata alla coltivazione del riso in Cina", afferma l'istituto.

E se nel 2031 tutti i cinesi cominceranno a consumare "con la stessa voracità" degli americani, il consumo di cereali pro capite da solo scenderà da 291 kg a 935 kg all'anno.

Leggi anche:  Problema energetico attuale

Ciò rappresenterà per tutta la Cina l'equivalente di due terzi dell'intero raccolto mondiale 2004, che ha raggiunto poco più di 2 miliardi di tonnellate, secondo lo studio.

Per soddisfare tale domanda, occorrerebbe circa un miliardo di tonnellate di grano in più da produrre entro il 2031, il che potrebbe portare alla scomparsa di ampie parti della foresta pluviale amazzonica trasformate in campi di grano con enormi conseguenze ecologiche.

In 26 anni, se i cinesi consumassero tanta carne quanto gli americani oggi - 125 kg pro capite nel 2004 - la produzione in Cina dovrebbe aumentare a 181 milioni di tonnellate dai 64 milioni di tonnellate di oggi. Ciò rappresenterebbe i quattro quinti dell'attuale produzione mondiale di carne.

Lo scopo dell'esercizio è "non lanciare pietre contro la Cina per un consumo sfrenato" ma piuttosto mettere in guardia contro le tentazioni di voler vivere secondo il modello occidentale della "società dei consumi", mentre le risorse planetarie sono limitate, conclude lo studio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *