Città vegetale a Charleville-Mezière

Città del futuro, città verdi?

Negli ultimi anni le ondate di calore sono in costante aumento. Questa estate del 2022 non fa eccezione, con temperature che superano i 40 gradi in alcune città francesi. Entro il 2050, alcune parti del mondo potrebbero diventare inabitabili, è il caso, ad esempio, dell'Asia meridionale, del Golfo Persico e di diversi paesi che si affacciano sul Mar Rosso. Altrove nel mondo, parallelamente all'aumento globale del calore, gli episodi di ondate di calore potrebbero diventare più numerosi anche nella maggior parte delle grandi città. La Francia non gli sfuggirà, quindi come possiamo proteggerci al meglio da queste ondate di caldo intenso?

Quali sono i principali interessi dell'inverdimento urbano?

Un'ondata di caldo è definita come un periodo di calore intenso giorno e notte, della durata di almeno tre giorni consecutivi. Le temperature da raggiungere per poter parlare di ondata di caldo variano a seconda delle regioni.

 Immagine che rappresenta una mappa delle temperature per dipartimento per parlare di ondate di calore


Fonte : Le Monde: Da quali temperature si può parlare di ondata di caldo in ogni reparto? (clicca per vedere la mappa interattiva)

In Francia, una classificazione di Figaro stabilisce le città che potrebbero essere maggiormente colpite dall'aumento delle ondate di caldo entro il 2040. Sul podio troviamo Annecy, Lione e Saint-Étienne. Ma vi sono rappresentate anche altre città, in particolare nel Grand-Est (Dijon, Nancy, Strasburgo, ecc.). Tuttavia, è nelle grandi città che le ondate di caldo sono le più difficili da convivere. Ogni anno sono responsabili di un aumento dei ricoveri e dei problemi di salute che possono portare alla morte.

In città, infatti, tende a fare più caldo durante il giorno, e questo caldo non riesce a evacuare adeguatamente di notte. Questo fenomeno chiamato "isole di calore" ha diverse cause che si accumulano. Innanzitutto i materiali da costruzione in città (asfalto, cemento, pietra, cemento) tendono a trattenere il calore. I colori chiari, che aiutano a riflettere i raggi del sole, sono ancora piuttosto rari nei nostri paesi occidentali. Succede anche che il caldo sia intrappolato nelle stradine dei nostri agglomerati. Infine, l'uso dell'aria condizionata contribuisce all'aumento della temperatura urbana. Questo fenomeno è spiegato nei seguenti due video:

Per vivere al meglio questi episodi di caldo torrido, una soluzione si è dimostrata valida: la rivegetazione!! Le piante assorbono i raggi luminosi e la materia organica (in particolare CO2) che trasformano in energia consentendo loro di crescere: questo è il fotosintesi. D'altra parte assorbono l'acqua dal terreno con le loro radici. Quest'acqua poi evapora sotto forma di micro goccioline che contribuiscono a raffreddare l'aria ambiente: questa è laevapotraspirazione. Portare piante nelle nostre città aiuterebbe quindi ad abbassare la temperatura, fornendo anche zone d'ombra, indispensabili in caso di temperature elevate. Vediamo insieme diversi esempi per rendere più verdi le nostre città.

Per piantare alberi

Quando si parla di vegetazione, è difficile non pensare agli alberi!! In effetti, queste piante, certamente imponenti, sono anche quelle più efficaci nell'aiutare ad abbassare la temperatura. Oltre alla fotosintesi che permette loro di assorbire parte dei raggi solari, la loro densità permette loro anche di bloccare parte dei raggi luminosi e la temperatura sotto una copertura arborea sarebbe in media 4° inferiore solo in aree scoperte. L'evapotraspirazione consente inoltre di respingere fino a 300 litri di acqua al giorno. Pertanto è abbastanza comune vedere la formazione di copertura nuvolosa nelle aree forestali. Anche nelle città, questo scarico d'acqua può aiutare a regolare la temperatura. Sotto, i sentieri boscosi e ombreggiati di vari parchi della città di Reims.

Leggi anche:  Il rallentamento del golfo Stream?

Immagine che rappresenta un vicolo ombreggiato in un parco a Reims Vicolo ombreggiato in un parco a Reims

Parco di Reims

Tuttavia, per essere efficace, la semina deve essere ponderata!! Inizialmente si tratta di identificare le specie adatte al clima della zona in cui si desidera piantarle. Alcuni alberi, come abeti o abeti rossi, sono molto piantati a causa della loro rapida crescita. Tuttavia, queste specie sono colpite dal riscaldamento globale, soffrono per la mancanza di acqua o per le invasioni di insetti (scolitidi, processionaria, ecc.). Non sono quindi necessariamente buone scelte a lungo termine. Al contrario, alcuni alberi come il leccio si dimostrano particolarmente adatti alla vita urbana, pur essendo efficaci nell'assorbire l'inquinamento. La città di Metz ha mettere in linea una serie di 85 schede che elencano le principali specie arboree locali. Una serie di criteri sono inclusi e annotati per aiutare a determinare le specie più interessanti da piantare nelle aree urbane.

Una volta scelta la tipologia di albero, è necessario anche trovare la giusta collocazione per la messa a dimora. Infatti, per poter sfruttare gli effetti dell'evapotraspirazione, l'albero deve ricevere una sufficiente quantità di acqua. Sarà quindi necessario avere cura di lasciare ai suoi piedi una superficie sterrata sufficientemente ampia da consentire all'acqua di infiltrarsi, oppure pensare a un sistema di reindirizzamento dell'acqua piovana in modo che possa avvantaggiare adeguatamente l'albero per la sua crescita.

Immagine che rappresenta la base di un albero cittadino scarsamente irrigato
Qui, questo albero difficilmente trarrà beneficio dall'acqua piovana di cui avrebbe comunque bisogno.

A volte può essere complicato trovare spazio per piantare alberi, si possono però immaginare soluzioni:

  • piantumazione di alberi nei parcheggi dei supermercati, consentendo la creazione di aree ombreggiate per la sosta
  • piantumazione di alberi vicino a piste ciclabili
  • piantumazione di alberi nei cortili delle scuole, università o in determinate aziende, in collaborazione con persone che studiano o lavorano in loco

Nei casi in cui lo spazio non consenta la piantumazione di alberi, altre iniziative, dettagliate più avanti nell'articolo, possono essere interessanti da allestire.

Preservare la biodiversità

La rivegetazione urbana è diventata essenziale per la conservazione della biodiversità. Infatti, i terreni agricoli, spesso contaminati da pesticidi, non sono più ospitali per gli insetti le cui popolazioni stanno diminuendo anno dopo anno. Ma i raccoglitori e altri insetti sono essenziali per la produzione di cibo umano. Per aiutarli a sopravvivere nelle nostre città, si possono intraprendere alcune semplicissime azioni. Così una città in fiore fornirà loro cibo a sufficienza. Può quindi trattarsi semplicemente di non strappare più i fiori di campo che crescono naturalmente in mezzo ai nostri prati.

Leggi anche:  Il calore del riscaldamento globale su France2

Immagine raffigurante ranuncoli (fiore) Immagine rappresentante un prato ricoperto di margheriteTarassaco allo stadio pollinico

È inoltre possibile seminare miscele di fiori di campo che daranno un tocco di colore agli spazi verdi o all'interno di giardini condivisi. La creazione di questi giardini partecipativi dà vita anche ai quartieri. È anche possibile realizzare dei ripari per gli insetti che possono essere allestiti lì. Questo tipo di attività può essere facilmente svolta in collaborazione con scuole e centri di villeggiatura. Gli insetti, se presenti in buona quantità, attireranno anche uccelli come Hirondelles.

Infine, può essere interessante sostituire lo sfalcio degli spazi verdi con lo sfalcio tardivo. Questo ha molti vantaggi:

  • uno sfalcio, anche meccanico, permette la fuoriuscita del 70% degli insetti presenti nell'erba
  • un primo sfalcio a maggio evita di recidere i fiori che costituiscono il primo alimento di api, bombi e altri insetti
  • una volta falciata, l'erba può essere compostata o utilizzata per la pacciamatura in a approccio alla permacultura.

Ritardare la falciatura dell'erba consente di mantenere il verde più a lungo. Potrebbe essere interessante mantenere le aree non tagliate in alcuni spazi verdi. Questo è, ad esempio, ciò che fa la città di Charleville in molti dei suoi parchi con l'istituzione di “zone di biodiversità”:

Area della biodiversità a Charleville-Mézières Zona di biodiversità della cittàHotel o casa degli insetti

Tetti e facciate verdi

La semina può occupare rapidamente spazio. Può quindi essere vantaggioso utilizzare a tale scopo superfici che non hanno altra possibilità di utilizzo. Questo è ad esempio il caso del tetto delle nostre case!! Che si tratti di un tetto piano o di un tetto spiovente, con pochi accorgimenti potrai coltivare muschio disinquinante e piante resistenti al sole. Questo tipo di tetto ha il vantaggio di costituire un efficace isolamento sia contro il caldo intenso in estate che contro il freddo in inverno.

Immagine che rappresenta un tetto verde Tetto vegetale

Una volta posizionato, il tetto verde contribuirà in diversi modi alla lotta contro il riscaldamento globale. Vi sarà infatti possibile installare del muschio, privo di radici, assorbendo così efficacemente CO2 e particelle fini. Ma anche piante (essenzialmente succulente), che parteciperanno all'evapotraspirazione. Infine, lo strato di substrato necessario alla sopravvivenza delle piante sarà di grande aiuto per la ritenzione dell'acqua piovana.

Leggi anche:  Protocollo di Kyoto: rassegna stampa

Le facciate possono anche essere vegetate. Questo è stato oggetto di a articolo sulle pareti verdi.

Pensiline e autobus verdi

Nella stessa idea di rinverdire spazi inutilizzati, è possibile piantare direttamente sul tetto delle pensiline presenti in tutte le nostre città francesi. Questa rivegetazione è però piuttosto costosa (circa 1000 euro a pensilina), il che probabilmente spiega perché non è ancora molto diffusa in Francia. Tuttavia, l'offerta sta ancora iniziando a crescere. JCDecaux, ad esempio, offre diversi modelli di pensiline per autobus verdi. Un rifugio disinquinante, il cui tetto è semplicemente ricoperto di muschio. Un rifugio con un tetto verde/fiorito. E infine un rifugio dalle pareti verdi. L'aggiunta di un sistema di filtrazione dell'aria attraverso il tetto verde può anche purificare e rinfrescare l'aria respirata dai viaggiatori.

pensilina verde dell'autobus nella città di Reims Pensilina verde dell'autobuspensilina dell'autobus dell'impianto

In Spagna, oa Singapore, sono direttamente i tetti degli autobus ad essere stati rinverditi!! Questa soluzione ha il vantaggio di essere estetica, creando dei veri e propri giardini mobili, ma anche quello di abbassare la temperatura all'interno degli autobus in estate. Anche in questo caso, il prezzo è d'altra parte un freno poiché per rinverdire ci vogliono circa 2500 euro a bus.

Per ulteriori…

Le iniziative per rendere più verdi le nostre città non sono riservate esclusivamente ai comuni. Quindi ognuno può scegliere di piantare nel proprio giardino o anche sul proprio terrazzo o balcone!! In un appezzamento o in un giardino di buone dimensioni, potrebbe valere la pena piantare alcuni alberi da frutto che forniranno cibo, un albero ad ombrello sotto il quale apparecchiare una tavola fresca o qualsiasi albero/cespuglio in fiore che delizierà gli insetti. Sul lato del balcone, piantare in verticale a volte può far risparmiare molto spazio. È possibile seminare molte varietà tra cui buona parte di piante commestibili. Attenzione, però, a rimanere nell'ambito di quanto autorizzato dal Comune e dal proprietario dell'immobile. Le fioriere posizionate verso l'esterno dalle ringhiere sono spesso vietate per ragioni di sicurezza abbastanza ovvie. Il seguente video mostra un esempio di rinverdimento su un balcone:

Alcune città hanno implementato "permessi di vegetazione", consentendo ai residenti di coltivare liberamente determinate aree urbane. Tuttavia, per essere efficace, questa iniziativa deve essere seguita e mantenuta dagli abitanti. Alcune città, come Parigi, hanno finito per fare marcia indietro a causa di strutture non mantenute che hanno poi avuto l'effetto opposto a quello previsto.

Immagine che rappresenta il piede di un albero cresciuto in città

L'inverdimento della città può anche essere accompagnato dalla creazione di altre strutture come giochi o percorsi sportivi. L'ideale è poi realizzarli utilizzando materiali che rispettino l'ambiente. Ecco un percorso didattico in legno nel Parc de la Patte d'Oie a Reims:

Passeggiata educativa Sentiero in legno a Reims

Qualche domanda? Visita il forum energia e riscaldamento globale

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *