giardino condiviso nel disegno ingenuo

Coltivare l'orto senza avere un giardino? Le soluzioni esistono e i nostri consigli per l'orto per il mese di marzo

Con il ritorno delle giornate di sole, e se ami la natura, è probabile che ti venga in mente un'idea: quella del giardinaggio!! Purtroppo in Francia, un terzo delle famiglie non avrebbe accesso a un giardino. Tuttavia, abbiamo buone notizie se ti trovi in ​​questo caso: esistono soluzioni per permetterti di coltivare i tuoi ortaggi nonostante tutto!!

Affitto di orti

La prima di queste soluzioni non è necessariamente la più conosciuta. Eppure può permetterti di ottenere un piccolo appezzamento di giardino privatizzato in affitto a un prezzo molto ragionevole per l'anno. Si tratta dell'affitto degli orti cosiddetti "operai": in genere tra i 200 ei 400mq sono l'ideale per allestire un orto permettendo alla propria famiglia di mangiare verdure sane e di stagione, godendosi al tempo stesso le giornate di sole all'aria aperta.

In effetti, in più di 600 comuni in Francia, questo dispositivo viene messo in atto e gli appezzamenti di terreno precedentemente incolti o inutilizzati vengono riabilitati in piccoli giardini recintati. Il loro noleggio è soggetto a condizioni che variano a seconda del comune. Ciò può includere, tra le altre cose:

  • Condizioni di reddito
  • Strutture di accesso per famiglie numerose o anziani
  • L'obbligo di coltivare una certa proporzione della superficie totale del giardino
  • Il divieto di rivendere la produzione
Leggi anche:  Agricoltura: esaurimento e rivitalizzazione del suolo, Claude Bourguignon

Ogni comune sceglie anche gli impianti che eventualmente vi sono stati realizzati. Può essere l'installazione:

  • Da una casetta da giardino
  • Da un collettore d'acqua
  • Da una soluzione di compostaggio

Il prezzo è generalmente di circa 50-70 euro all'anno al massimo. Purtroppo in alcuni comuni questi piccoli appezzamenti, vittime del loro stesso successo, vengono presi d'assalto. È quindi possibile che la lista d'attesa per ottenerne uno sia piuttosto lunga. Se questo è il caso del tuo comune, o se non offre l'affitto di giardini privatizzati, è possibile che una delle nostre prossime due soluzioni sia più adatta alla tua situazione.

I giardini condivisi

Anche in questo caso si tratta di una soluzione attuabile dal tuo comune, ma talvolta anche da associazioni del tuo settore. Un appezzamento di terreno viene quindi messo a disposizione di un gruppo di persone allo scopo di:

  • Per dare loro la possibilità di fare giardinaggio
  • Ma anche per creare legami sociali
  • E consenti loro di scambiarsi semi e consigli

Per trovare un giardino condiviso vicino a te, puoi:

  • Contatta il tuo municipio, l'assessorato al verde potrebbe essere in grado di fornirti informazioni.
  • Consulta google map, alcuni giardini condivisi sono elencati lì
  • Chiedi informazioni sui gruppi facebook della tua città, è probabile che qualcuno possa risponderti
  • Infine, se vivi a Parigi, è disponibile un elenco di giardini condivisi direttamente su Wikipedia
Leggi anche:  Il ruolo energetico dell'agricoltura

Il seguente video spiega in modo più dettagliato come funzionano gli orti condivisi e familiari!

Balconi e terrazzi coltivati

Infine, se si dispone di un balcone o di un terrazzo è possibile, come accennato, realizzare a orto sul balcone per creare un piccolo orto. In effetti, molte piante e verdure possono essere coltivate in piccoli spazi. Questo è ad esempio il caso:

  • Piante aromatiche: prezzemolo, basilico, erba cipollina, coriandolo, rosmarino, timo, ecc.
  • Patate: possono essere coltivate in mastelli, vasi profondi o direttamente in un sacco di terra
  • Alcuni arbusti da frutto, così come le fragole
  • Insalata e spinaci
  • E anche certe verdure come pomodori, fagiolini, piselli, ravanelli ecc.

Esistono anche soluzioni per sovrapporre le piantagioni in modo da sfruttare al meglio lo spazio creando dei piccoli giardini pensili.

Ecco un esempio di coltivazione dei pomodori in verticale, questo metodo di coltivazione è adatto anche per molti altri ortaggi:

Per ulteriori…

Ora che abbiamo visto i diversi modi per trovare un piccolo posto per fare giardinaggio, è probabile che tu abbia fretta di andare al lavoro. Vediamo quindi insieme cosa si può fare nell'orto da fine febbraio a inizio marzo.
Prima viene lo stoccaggio. Muniti di vestiti caldi, questo è infatti il ​​periodo ideale per:

  • Ordina, elenca, pulisci e conserva i tuoi strumenti. Acquista qualsiasi attrezzatura di cui potresti aver bisogno per la stagione.
  • Pulisci i tuoi serbatoi d'acqua, rimuovi le foglie morte che potrebbero essersi accumulate durante l'inverno, ecc.
  • Raccogli e composta i detriti vegetali della stagione precedente che potrebbero essere ancora presenti.
  • Riparare e/o riverniciare recinzioni, casette da giardino, serre, tralicci, fioriere
Leggi anche:  Il ruolo dell'agricoltura nella bioedilizia

Tra due fasi di stoccaggio, puoi ancora piantare alcune varietà che resistono bene al freddo. Questi includono:

  • Lattuga d'agnello
  • Aglio, il video qui sotto dà alcuni consigli per la sua cultura
  • Alcune cipolle

È anche possibile a marzo effettuare una potatura primaverile. Quindi, se non l'hai fatto in autunno, è ora di potare le tue rose.

Immagine di un cespuglio di rose recentemente potato

Immagine che rappresenta un cespuglio di rose che inizia a germogliare a febbraio

Infine, è anche il momento di pianificare cosa hai intenzione di piantare durante questa nuova stagione. Per acquistare o ordinare i tuoi semi. E, per quelli davvero pruriginosi, seminare delle verdure indoor. In effetti, ravanelli, spinaci, erbe aromatiche, tra gli altri, possono tranquillamente crescere all'interno della tua casa, purché tu scelga vasi di dimensioni interne adeguate e li installi sul bordo della finestra!

Come si può vedere nelle foto qui sotto, i primi semi (di ravanelli qui) dovrebbero germogliare molto velocemente.

vaso per piantine con data

semina indoor germogli di ravanello

Per consigli, visita forum giardinaggio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *