Come costruire un laghetto o un punto d'acqua per la biodiversità del tuo giardino?

L'arrivo della primavera preannuncia anche il ritorno della biodiversità nei vostri giardini. Ciò è benefico per il suo equilibrio... a patto che sia distribuito correttamente nel tuo terreno! Uno stagno ben costruito può aiutarti a portare questo equilibrio essenziale nelle tue attività di giardinaggio. Diamo un'occhiata ai diversi motivi per installare un punto d'acqua nella tua casa quest'anno.

Perché installare un laghetto nel tuo giardino?

In natura, la nozione di ecosistema è un punto chiave nello sviluppo degli esseri viventi. Per semplicità, l'ecosistema è un ambiente all'interno del quale i diversi elementi, viventi e non, interagiscono tra loro. Parte essenziale di questi ecosistemi: l’acqua, essenziale per la sopravvivenza degli esseri viventi, che siano piante o animali! Installando un laghetto nel tuo giardino o nella tua proprietà, creerai un ecosistema a sé stante. Alla fine consentirà agli insetti e ai piccoli animali di venire a bere lì e alle piante acquatiche di crescere lì.

L'arrivo di nuovi inquilini nel tuo giardino, se ben gestito, dovrebbe permetterti di migliorare il modo in cui lavori lì. Infatti, molti insetti saranno attratti dal tuo laghetto. Tra loro, insetti impollinatori, essenziali per il corretto sviluppo di molte colture. Naturalmente è probabile che attiri anche qualche zanzara, ma queste hanno molti predatori che potrebbero apparire contemporaneamente: uccelli, altri insetti, anfibi. In alcuni punti d'acqua è possibile installare anche i pesci rossi, che amano le larve di insetti. Attenzione però a non lasciarvi sopraffare dalla loro riproduzione, perché come avrete capito, la chiave del giardino per evitare inconvenienti è l'equilibrio, e la giusta proporzione di ogni specie!

Altro bersaglio dei piccoli predatori sopra citati: la lumaca! Se coltivi poche verdure nell'orto, è probabile che tu abbia già sostenuto la spesa popolazione di lumache troppo grande. Buone notizie, l'arrivo di un punto d'acqua potrebbe aiutare a limitare naturalmente la popolazione. Gli anfibi, ma anche i ricci, sono infatti i principali predatori delle lumache. Se vengono a bere nella tua terra, è probabile che si sbarazzeranno di alcuni di loro allo stesso tempo! Attenzione però, se volete dare alla natura la possibilità di riequilibrarsi naturalmente sul vostro terreno, è preferibile sospendere i trattamenti chimici come “anti-lumache”. Infatti, anche i predatori rischiano di essere avvelenati dopo aver consumato una preda che ha assorbito il prodotto.

Il video seguente offre idee per abbeverarsi di tutte le dimensioni e fornisce una panoramica delle specie che si possono trovare lì

Come scegliere la tua posizione?

Una volta decisa l'installazione, è il momento... di sedersi un attimo e riflettere attentamente sul tipo di punto acqua che si desidera realizzare! In effeti, non è sufficiente scavare una buca nel tuo giardino perché lì si formi uno stagno. Vediamo insieme come preparare la vostra location.

Innanzitutto dovrai scegliere dove posizionare il punto acqua nel tuo terreno. Per fare ciò è necessario affrontare diversi elementi:

  • Sole sulla tua terra
    • Infatti, il tuo laghetto avrà bisogno di circa 6 ore di sole al giorno.
    • La luce aiuterà le piante a crescere
    • Tuttavia, è sconsigliata anche l’esposizione in pieno sole
    • La fauna selvatica avrà bisogno di aree ombreggiate per sentirsi bene
    • Inoltre, una piscina esposta alla luce solare diretta potrebbe asciugarsi troppo rapidamente in estate.
    • Ed essere il bersaglio delle alghe verdi invasive per il resto dell'anno
  • La presenza di alberi decidui (= che cadono in autunno)
    • Se la vicinanza di un albero può essere una fonte d’ombra gradita alla vita del vostro laghetto,
      Tuttavia, è meglio evitare quelli le cui foglie cadenti potrebbero complicare la manutenzione del vostro laghetto.
    • Anche se la tua presa d'acqua è dotata di filtro, una grande quantità di foglie morte potrebbe ostruire i tubi
  • La possibile pendenza
    • Se il vostro terreno si trova in pendenza, è preferibile installare il laghetto nel punto più basso
    • Pertanto, il flusso naturale dell'acqua piovana aiuterà a riempirlo.
    • In estate sarà quindi più difficile che il punto d'acqua si prosciughi.
  • La presenza di un compost
    • Anche se questo punto può sembrare banale, è comunque importante nella scelta della location adeguata.
    • Infatti, i “succhi” provenienti dal compost non dovrebbero poter fluire nel laghetto durante le giornate piovose.
    • Sono ricchi di azoto e potrebbero provocare una forte proliferazione di alghe verdi
Leggi anche:  Download: Guida all'eco-costruzione

Come avrai capito, la scelta dell'ubicazione del tuo punto d'acqua richiede di tenere conto di tutta una serie di parametri. La posizione ideale dipenderà dalla configurazione del tuo terreno. Ma se c'è in questo una zona umida, situata all'ombra, ma con un soleggiamento ragionevole durante il giorno, e la cui vegetazione non rischia di essere problematica per il tuo laghetto, allora questo è senza dubbio il posto giusto per la sua installazione!

Quali materiali usare?

Come abbiamo accennato in precedenza, non basta scavare una buca nel giardino affinché l'acqua rimanga lì (a meno che non si abbia un terreno molto argilloso, ma questo è relativamente raro). Sarà quindi necessario garantire l'impermeabilità del vostro futuro punto d'acqua. Per questo sono possibili due tipi principali di soluzioni.

Utilizzare un telone o una bacinella preformata

Questa è la soluzione più utilizzata perché è la più semplice da installare. Se sei nuovo nel campo della progettazione paesaggistica all'aperto e non hai (o quasi nessuna) conoscenza del fai da te/giardinaggio, questa è probabilmente la soluzione a cui dovrai rivolgerti. Sono quindi possibili due tipologie di coperture o l'utilizzo di una vasca:

  • Un classico telone di tipo liner
    • Questa soluzione è la meno costosa, ma non necessariamente la più giudiziosa
    • Un telone classico si consumerà più rapidamente
    • Avrà un'aspettativa di vita compresa tra 10 e 15 anni.
    • In definitiva, dovrà essere cambiato per evitare l’inquinamento legato ai detriti di plastica derivanti dalla sua usura.
    • Resta comunque una buona soluzione per installazioni temporanee di piccole dimensioni.
  • Un telone in EPDM (etilene propilene diene monomero).
    • L'EPDM è una gomma utilizzata in molti settori industriali
    • Ha un'ottima resistenza alle intemperie, alla luce e al freddo.
    • Pertanto, la sua durata di utilizzo in una piscina può arrivare fino a 50 anni.
    • Inoltre, senza essere assolutamente ideale, è relativamente meno inquinante per l'ambiente rispetto ai transatlantici tradizionali.
  • Una piscina “preformata”.
    • Particolarmente adatto per lavori di piccole e medie dimensioni
    • Puoi acquistarli in commercio ma sono piuttosto costosi (più o meno equivalenti all'utilizzo dell'EPDM)
    • È possibile realizzarli anche utilizzando materiali di recupero, lavabo, vecchio lavabo, vasca da bagno, ecc.
    • In questo caso accertarsi però che il materiale contenuto nel contenitore non possa disperdersi.
      nell'ambiente in caso di usura.

Queste tre soluzioni ti permetteranno facilmente di creare un laghetto nel tuo giardino. Ma potresti volerlo ricorrere ad un'impermeabilizzazione più naturale. In natura, infatti, i punti d'acqua non necessitano di teloni per esistere, ciò si spiega con la composizione di alcuni terreni.

Porta dell'argilla in più

I terreni argillosi tendono naturalmente a trattenere l'acqua. È quindi possibile ricreare la corretta composizione del terreno in corrispondenza della sede del bacino per trattenere con successo l'acqua piovana. Attenzione, questo metodo, più delicato, può portare alla delusione se non viene eseguito correttamente. In alcuni casi è possibile rivolgersi ad un professionista per aiutarvi a realizzare la vostra piscina.

Leggi anche:  Perché dovresti scegliere una pompa di calore?

Se stai cercando di creare uno stagno interamente naturale, aspettati di dover utilizzare una buona quantità di argilla! Affinché l'impermeabilizzazione avvenga, infatti, sono necessari almeno 8 cm di argilla ben compattata. A volte può essere utile utilizzare anche la bentonite. Questo, se utilizzato dai professionisti, viene installato sotto forma di strisce (come la carta da parati) tra le quali integreremo l'argilla.

Questa tecnica, se eseguita correttamente, permette la realizzazione di laghetti senza copertura né contenitore. Tuttavia, lo è riservato a terreni naturalmente umidi e/o argillosi, e deve essere effettuato con attenzione per evitare delusioni. La piscina non deve mai asciugarsi completamente., infatti l'argilla perde le sue proprietà asciugandosi, e quindi bisognerebbe ricominciare da capo.

Il video qui sotto ti offre una tecnica che ti permetterà di determinare se l'installazione di uno stagno a base di argilla nel tuo terreno può avere successo:

Le diverse fasi della costruzione

Hai pensato attentamente al tuo progetto e ora è il momento di costruire? Vediamo insieme i passaggi da effettuare e l'ordine in cui vengono eseguiti:

Passaggio 1: delinea i contorni della tua piscina

Hai definito una posizione per il tuo laghetto, ora dovrai deciderne la forma. Per i piccoli progetti, la delimitazione può essere eseguita abbastanza facilmente direttamente con una vanga. Se invece la vostra piscina è destinata ad una dimensione maggiore, può essere saggio delimitare prima i contorni (ad esempio con una corda) per poi sapere dove scavare! Questo eviterà di dover apportare correzioni durante il lavoro.

Passaggio 2: scavare lo stagno

È finalmente arrivato il momento di scavare! A seconda delle dimensioni della piscina e della struttura del terreno, non utilizzerai necessariamente lo stesso metodo. Per un laghetto piccolo e se il terreno è abbastanza sciolto, può essere sufficiente una vanga o una pala. D'altro canto, per progetti più ambiziosi è possibile noleggiare un miniescavatore che ti consentirà di completare questo passaggio molto più velocemente.

Fai attenzione, è in questo momento che dovrai pensare a punti come:

  • La profondità della tua piscina
    • Si consiglia una profondità di almeno 60 cm nel punto più profondo!
    • Più la piscina è profonda, meno è probabile che si secchi in estate.
    • In generale, la profondità ideale di un piccolo laghetto da giardino è compresa tra 80 cm e 1 metro.
  • La creazione di rilievi
    • Si consiglia di variare la profondità del punto d'acqua
    • Ciò consentirà alle piante acquatiche di sentirsi più a loro agio lì
    • Per fare ciò, valuta la possibilità di creare livelli di profondità circolari partendo dai bordi della tua piscina
    • È come se la piscina avesse la forma di una “scala” destinata a raggiungere il centro.
    • D'altro canto, la creazione di una spiaggia o di un dolce pendio permetterà agli animali di abbeverarsi facilmente.
    • Si consiglia di creare questa pendenza sul bordo sud della piscina
    • Pertanto, l'acqua in questo punto sarà leggermente più calda che nel resto della piscina.

Passaggio 3: pulire la superficie scavata

Per evitare eventuali perdite successive, sarà necessario pulire completamente il pavimento da eventuali pietre o oggetti appuntiti eventualmente presenti. Una volta completata questa operazione potrai:

  • Stendere uno strato di sabbia sul fondo della piscina
  • Utilizzare un geotessile specifico venduto per questo uso
Leggi anche:  Scarica: VMC e VMR Ventilation Guide

La longevità della tua piscina può dipendere in parte dalla qualità della tua protezione, quindi fai attenzione nel tuo lavoro durante questa fase.

Tieni presente che nel caso di realizzazione di una piscina utilizzando l'argilla come soluzione impermeabilizzante, questo passaggio è limitato alla rimozione delle pietre.

Passaggio 4: installazione del telone o della soluzione impermeabilizzante

Anche questa volta si tratta di una fase cruciale e delicata. Se hai scelto di installare un telone avrai bisogno di:

  • Calcolare la superficie del telone richiesta
    • La seguente formula ti consente di farlo:
    • Lunghezza della copertura = lunghezza della piscina + due volte la profondità massima + 1 m per i bordi e il margine di precauzione
    • Larghezza della copertura = larghezza della piscina + due volte la profondità massima + 1 m per i bordi e il margine di precauzione
    • Sono possibili altre formule, non esitate a utilizzare diversi metodi e confrontare i risultati
    • Se ottieni approssimativamente la stessa superficie utilizzando diverse formule,
      questo è un buon segno che hai la giusta superficie necessaria
  • Stendi il telone
    • Controllando che sia ben appiattito su tutta la superficie della piscina
    • Il telone non deve essere lasciato visibile sul bordo del punto d'acqua, ciò potrebbe accelerarne l'usura.
    • Puoi usare diversi metodi, seppellirlo attorno ai bordi,
      crea una cornice di montaggio che poi mimetizzerai con elementi decorativi come i ciottoli...

Se avete optato per una soluzione utilizzando l'argilla, è giunto il momento di metterla in atto. Per fare questo, è necessario inumidirlo.. È necessario utilizzare uno spesso strato (minimo 8 cm) di argilla su tutta la superficie della piscina. Non esitate a levigare la superficie a mano. Il sequestro deve avvenire immediatamente dopo la posa dell'argilla perché, come abbiamo detto sopra, questo perde le sue proprietà impermeabili man mano che si asciuga.

Passaggio 5: sequestro

Questo passaggio può essere effettuato in vari modi:

  • Lasciare che la pioggia faccia il suo lavoro
    • Il riempimento sarà senza dubbio lento, ma prima o poi avverrà, e questa soluzione non richiede particolare impegno.
  • Utilizzando l'acqua piovana precedentemente immagazzinata
    • Questa soluzione consente una maggiore velocità, necessaria ad esempio nel caso di produzione con argilla.
    • Ma a seconda delle dimensioni del laghetto, lo stoccaggio dell’acqua può occupare molto spazio
    • Dovrai inoltre avere a disposizione cisterne per la raccolta dell'acqua piovana.
  • Utilizzando acqua “corrente”.
    • Questa è una possibilità, ma non la consigliamo.
    • In realtà non è il metodo più ecologico.

importante: subito dopo averlo riempito d'acqua, il tuo laghetto potrebbe avere un colore torbido. Questo leggero inconveniente dovrebbe però gradualmente scomparire. Le particelle sospese nell'acqua si depositeranno gradualmente sul fondo della piscina e l'acqua potrà ritrovare la sua limpidezza!

Per andare oltre

Se hai seguito tutti i passaggi precedenti, ora hai una pozza d'acqua. Tuttavia, la sua estetica lascia ancora molto a desiderare. Per migliorarne l'aspetto avrai bisogno di:

  • Installa piante acquatiche
  • Pazienza mentre la natura gradualmente prende il sopravvento
  • Mantenerlo regolarmente

Questi diversi punti saranno oggetto di un prossimo articolo. Nel frattempo vi invitiamo a condividi i tuoi risultati sul nostro forum !

Puoi anche guardare il seguente video che offre una buona panoramica di ciò che potresti ottenere alla fine:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *