Composizione e chimiche di energia dal legno

Composizione e proprietà generali del legno per uso energetico

Introduzione: Composizione media del legno

La composizione chimica elementare risulta dall'analisi grezza del legno abbattuto in condizioni normali (vale a dire in inverno nei nostri paesi).

È stato possibile osservare, confrontando i risultati ottenuti con un gran numero di specie forestali, una certa costanza in questi risultati e possiamo ammettere le seguenti figure, rappresentative di una composizione media in peso.

- 40% di acqua: si tratta di alberi recentemente abbattuti senza corteccia, utilizzando non solo il legno del tronco, ma anche quello dei rami.

- 1% di ceneri minerali o metalliche: la segatura viene bruciata completamente in una fiamma molto calda e viene raccolto il residuo solido formato solo dalla parte non combustibile.

- 59% di elementi “combustibili o ossidanti”, cioè trasformanti in gas durante la combustione: ossigeno, idrogeno, azoto e carbonio.

Queste cifre sono molto vicine ai risultati forniti dall'analisi del faggio (40% acqua - 0,65% ceneri - 59,35% principi elementari).

Esaminiamo ora più in dettaglio ciascuno dei 3 punti importanti composizione dadi: acqua, cenere, principi di base.

B - Acqua

Un livello di umidità ridotto è un parametro essenziale per una buona legna da ardere: il potere calorifico, il comfort termico e la manutenzione del tuo impianto dipendono in gran parte da questo ...

L'acqua forma la maggior parte della linfa, ma assorbe anche le pareti cellulari.

1 - Il contenuto di acqua è variabile da una specie all'altra. Le misurazioni effettuate su alberi abbattuti contemporaneamente e in zone climatiche più o meno simili hanno dato:

- 52% per il pioppo nero
- 35% per la quercia
- 48% per il pioppo italiano
- 31% per la betulla
- 47% per la calce
- 29% per la cenere
- 45% per l'abete
- 27% per il sicomoro
- 41% per il metro di giudizio
- 27% per i cormier
- 39.7% per il faggio
- 19% per il fascino

Leggi anche:  Le stufe a legna idraulici

2 - Ma varia anche, per la stessa specie, a seconda della parte di albero considerata, della stagione di abbattimento, della durata dell'esposizione all'aria aperta, della portata, ecc.

a) Il contenuto d'acqua è minimo nel fusto, medio nei rami giovani e massimo nei rametti, e, in ognuna di queste parti, l'alburno è più ricco d'acqua del cuore.

Tuttavia, c'è una differenza tra legni teneri e legni duri. Nei boschi di conifere i rami contengono proporzionalmente meno acqua rispetto ai boschi di latifoglie.

b) È all'inizio della vegetazione (in aprile in generale) che troveremo la maggior parte dell'acqua nel bosco. La differenza da gennaio ad aprile è stimata intorno al 10%.

c) Il legno esposto all'aria asciuga lentamente senza mai disidratarsi completamente. Dopo un periodo di durata variabile con la specie e con le condizioni climatiche generali della regione, questi boschi “essiccati all'aria” conservano un contenuto compreso tra il 15 e il 20%. Sono i legni relativamente teneri che tendono a trattenere la maggior parte dell'acqua. Così l'acero, che contiene una media del 28% di acqua durante l'abbattimento, manterrà il 18% se essiccato all'aria (cioè una differenza del 10%) mentre la quercia aumenterà dal 35 al 17% (cioè un 18% di differenza).

Leggi anche:  Tronchi di legna da ardere

Questa umidità residua può essere eliminato solo da una vasta fumante. Inoltre sarebbe inutile disidratare completamente il legno perché, nell'aria, in pochi giorni o settimane, assorbe parte di questa umidità.

L'essiccazione del legno è accompagnata, per alcune specie, da una notevole variazione di massa! L'abete può quindi perdere fino a 520 kg per metro cubo, che rappresenta una percentuale di circa il 105% del peso del legno secco.

d) Il legno scortecciato e tagliato perderà rapidamente molta più acqua del legno immagazzinato sotto la corteccia.

La perdita d'acqua può essere anche così rapida all'inizio e provocare variazioni volumetriche così repentine che è vantaggioso mantenere alcune specie sotto la corteccia (frassino) per un po '.

C - Gli altri elementi "semplici"

Questi sono carbonio, ossigeno, idrogeno e azoto. Abbiamo visto sopra che tutti questi corpi rappresentano il 59% del legno verde. Questi elementi si trovano in quantità approssimativamente identiche nelle varie specie di legno, in particolare per il legno verde:

- per il carbonio 29,5% in massa
- per l'idrogeno 3,5% in massa
- per ossigeno e azoto 26% in massa

Il carbonio è l'elemento essenziale che fornisce le calorie di un fuoco di legna.

Leggi anche:  La potenza standardizzata NF D35-376 di una stufa a legna

Altro: file di legna

Link per saperne di più

1) La scelta del materiale:

- Come scegliere correttamente un riscaldatore con il legno? (Piano cottura, caldaia o caldaia)
- Elenco di stufe e caldaie etichettate "Green Flame"
- Aiuto e consigli per la scelta di una stufa a legna
- Scegli la potenza della sua stufa a legna
- I riscaldatori di potenza normalizzata legno
- La scelta di una caldaia a legna

2 riscaldamento a legna ogni giorno: la manutenzione e miglioramenti:

- I diversi tipi e prezzi dei combustibili legna da ardere
- Riscaldamento e camino a legna: Come evitare incendi camino. Manutenzione e dimensioni
- Regolamento sui camini, le norme e la legge
- Fai un raccoglitore di acqua calda su una stufa a legna
- La produzione di pellet: schema di una fabbrica

3) L'inquinamento di riscaldamento a legna:

- Riscaldamento a legna e dell'inquinamento sulla salute
- inquinamento riscaldamento a legna
- Le emissioni in atmosfera di legna da ardere e biomasse

4) Feedback dalle esperienze di riscaldamento a legna:

- File completo su presentazione di installazione caldaia a pellet presso abitazione privata
- Presentazione e foto di un'altra installazione di una caldaia a pellet in Alsazia presso un'abitazione privata
- Presentazione di una casa in legno e solare
- installazione automatica delle nostre spiegazioni Turbo legno caldaia Deom e lo schema di montaggio
- stima rendimento effettivo della nostra stufa caldaia Turbo Deom
- Forum riscaldamento e isolamento a legna

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *