Costruzione eco-responsabile, quanto costa?


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Costruzione eco-responsabile: quanto costa?

Il pubblico generale è ora molto più consapevole del rispetto dell'ambiente in tutti i gesti della vita quotidiana. Queste buone pratiche stanno anche entrando in costruzione e ristrutturazione. In effetti, l'edificio rappresenta il 24% dell'impronta ecologica della Francia, prima dei trasporti e del cibo. Si stima che il 44% del consumo energetico francese provenga dal settore immobiliare (abitazioni e locali commerciali). Quindi ci sono ancora molti progressi da fare.

Le autorità pubbliche stanno cercando di attuare standard sempre più restrittivi e di offrire assistenza finanziaria in caso di ristrutturazione edilizia o ecologica. Eppure, nel pubblico in generale, l'edificio verde rimane associato all'idea di un costo significativo o addirittura insostenibile. Quali sono le differenze di prezzo tra la costruzione tradizionale e la costruzione ecologica?

Definisci la casa ecologica

Prima di determinare il prezzo di una casa verde, è importante dare una definizione.
Si ritiene che una casa sia rispettosa dell'ambiente quando:
• Suoi i materiali sono i più naturali possibile.
Energia grigia dei suoi materiali è basso.
• I suoi produttori hanno familiarità con tecniche verdi.
Il suo consumo di energia è ridotto, nullo o addirittura "positivo".



Grazie a questi criteri 4 sarai in grado di definire le tue esigenze con il tuo artigiano e quindi assicurarti che rispetti questa linea di condotta. Attraverso un sito come Prix-pose.com Sarai in grado di ricevere fino a 5 citazioni gratuite da Artigiani riconosciuti o Costruttori dell'ambiente vicino a te che ti aiuteranno a fare le scelte giuste.

Valvola termostatica

Quali sono le possibilità per rispettare l'ambiente?

La realizzazione di un edificio verde comporta spese più o meno significative che implicano scelte durante la preparazione del progetto di costruzione o ristrutturazione.
I budget limitati si concentreranno sul raggiungimento degli standard più recenti e sulla riduzione del consumo energetico. Quelli con un budget più ampio saranno in grado di sfruttare materiali naturali che consentiranno loro di perseguire un obiettivo di costruzione o ristrutturazione presso 100% eco-responsabile.

Per determinare quali soluzioni sono giuste per il tuo progetto, è ideale per ottenere diverse stime da diversi professionisti.

Case passive o bioclimatiche

Per ridurre l'impatto energetico di un edificio, è meglio assicurarsi che l'alloggiamento richieda una piccola quantità di energia, se non del tutto. Questo obiettivo può essere raggiunto rispettando i principi molto restrittivi che riguardano l'esposizione dell'edificio, il suo uso di energie naturali e libere, ma soprattutto evitando perdite di calore.



Costruzioni di questo tipo sono nominate case passive o case bioclimatiche, consumano 50% di energia in meno rispetto a una casa a standard RT2012 e 90% in meno rispetto a una vecchia casa.

Per queste abitazioni, la fornitura di energia (elettricità, carburante, ecc.) È molto piccola ed è in definitiva un aiuto occasionale. L'esposizione dell'edificio e la sua conservazione del calore naturale ne consentono l'efficienza energetica. Affinché una casa sia passiva, il suo fabbisogno energetico non deve superare 30kWh / m² all'anno, mentre la media nazionale è di circa 250KWh / m² all'anno (l'equivalente di una classe energetica E).

A seconda della finitura e del livello di qualità del tutto, si stima che casa bioclimatica o passiva è circa "solo" 5% a 10% più costosa di una casa RT2012.

Costruisci con materiali biobased

Rinforza l'isolamento e l'utilizzo di materiali ad alte prestazioni non è necessariamente una garanzia di rispetto per l'ambiente. Ad esempio, uno degli isolatori più potenti attualmente è il poliuretano. Mentre riduce la perdita di calore e quindi il consumo di energia, non è un materiale ecologico. Perché è un materiale di origine petrolifera e suo energia grigia è molto importante!



Per rimanere in contatto con un approccio ecologico, puoi orientarti materiali naturali, che esistono per quasi tutti i post di una costruzione.

Questi materiali sono generalmente classificati come biologici e rientrano nell'etichetta ufficiale "Biobased building" emessa da CERQUAL o CEQUAMI.

Esistono livelli 3 per un edificio biobased:
• Livello 1: 42kg / m² di materiali a base biologica.
• Livello 2: 63kg / m² di materiali a base biologica.
• Livello 3: 84kg / m² di materiali a base biologica.

Ad esempio, è possibile utilizzare ovatta di cellulosa anziché lana di roccia, legno anziché cemento o olio di lino al posto delle vernici acriliche. I materiali biobased sono generalmente 10% rispetto a 35% più costosi rispetto ai materiali tradizionali. Potrebbe essere necessario aggiungere a questo budget know-how specifico e quindi maggiori prezzi del lavoro.

Isolamento di ovatta di cellulosa

Edifici energetici positivi: la norma del futuro?

Gli edifici ad energia positiva o BEPOS sono edifici che producono più energia di quella che consumano. L'idea può sembrare contro-intuitiva, ma è possibile utilizzare materiali ad alte prestazioni e utilizzare l'energia solare.
Queste case sono generalmente basate sul principio passivo o sulla BBC, ma fanno un passo avanti grazie alle moderne attrezzature. Possono quindi produrre elettricità o riutilizzare l'acqua piovana.

Il regolamento ambientale 2020, che presto sostituirà il regolamento termico 2012, segnerà l'avvento delle case BEPOS. Si stima che gli edifici che verranno costruiti su questo modello mostreranno un'etichetta energetica A, garantendo un impatto ridotto sull'ambiente. Il dispendio energetico del BEPOS è inferiore a quello delle case passive: 0kWh / m² all'anno.

Sebbene lo standard RE2020 non sia ancora entrato in vigore, il LCA-FFB (Costruttori e sviluppatori della Federazione francese degli edifici) stima che il costo di una casa BEPOS richieda un budget più elevato di 15% rispetto a 20% a quello di una casa RT2012.

Qual è l'evoluzione per l'eco-costruzione?

Un rapporto da CEREMA (Centro di studi e competenze in materia di rischi, ambiente, mobilità e sviluppo) consente di identificare alcune tendenze future per la bioedilizia. Per questa organizzazione di ricerca, l'elemento ecologico sta diventando sempre più presente nel settore dell'edilizia, sia per la costruzione che per il consumo. Le esigenze di edilizia verde aumenteranno gradualmente nei prossimi anni.

Questo istituto stima che le sovvenzioni e le sovvenzioni che le autorità pubbliche stanno mettendo in atto ridurranno significativamente i costi degli edifici verdi.
Secondo CEREMA, tuttavia, vi è una significativa necessità di trasformazione dell'intero settore edilizio per ridurre i costi secchi degli edifici verdi. L'istituto rileva, tuttavia, una significativa diminuzione del prezzo di alcuni materiali a base biologica (ovatta di cellulosa) ma non ancora dell'intero settore della casa ecologica.

Quando è proficuo il rispetto per la natura?

Per avere una visione realistica di questo tipo di casa, è necessario prendere in considerazione i risparmi in denaro realizzati nel lungo termine. Queste tecnologie e materiali biosourcing riducono significativamente i costi energetici. La durata della redditività è stimata tra gli anni 10 e 30 per il momento perché la casa ecologica non è uno standard. La democratizzazione degli edifici verdi e dei nuovi standard sarà in gran parte abbassare i prezzi e migliorare la redditività.

Puoi porre domande concrete sul tuo progetto al forum eco-building o forum riscaldamento e isolamento

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *