Il costo della gestione dei rifiuti è raddoppiato

Secondo l'Agenzia per l'ambiente e la gestione dell'energia (ADEME), il costo della gestione dei rifiuti urbani - rifiuti domestici, fanghi di depurazione e rifiuti di potatura - è raddoppiato a livello globale in dieci anni. Prima della detrazione di qualsiasi sostegno finanziario, varia da 130 a 220 euro per tonnellata, o da 40 a 95 euro per abitante e all'anno. Questa cifra dovrebbe, tuttavia, aumentare in modo meno marcato negli anni a venire, ritiene ADEME.

Fonte : ADEME

Nota econologica: se è "normale" che la massa dei rifiuti aumenti, è strano che aumenti anche il costo specifico.
Infatti, gli ammodernamenti tecnologici e organizzativi apportati alle stazioni di depurazione, ai centri di smistamento o agli impianti di incenerimento tendono a ridurre questi costi ...
A meno che:
- i costi di investimento vengono presi in considerazione con precisione (quindi calcoli distorti poiché l'ammortamento arriverà prima o poi!)
- questo è un riflesso del costo "eccessivo" della raccolta differenziata. In questo caso è alla fonte (packaging) che bisognerebbe intervenire ... perché vivere di sussidi è ragionevole a lungo termine?

Leggi anche:  Legge sulla transizione energetica: una legge pio desiderio?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *