indebitamento eccessivo

Crisi energetica ed esplosione della bolletta energetica: come uscire dal sovraindebitamento?

Anche se il tasso di sovraindebitamento è in calo nel 2022, il numero di persone in difficoltà finanziarie è ancora preoccupante e aumenterà notevolmente con l'esplosione dei prezzi dell'energia! I prestiti si accumulano, gli abbonamenti si moltiplicano, le bollette si allungano e fanno precipitare molte persone in un baratro finanziario. Sei senza fiato e sogni una vita migliore? Ecco alcuni consigli pratici per liberarti definitivamente dal sovraindebitamento.

Valuta le tue spese e scopri dove puoi risparmiare

Per una buona gestione del tuo denaro, è importante sapere dove sta andando. In altre parole, devi conoscere le tue spese nei minimi dettagli. Quindi, tenendo conto delle risorse che hai per coprire le tue spese, potrai anticipare di più, gestisci con saggezza le tue contingenze e risparmia denaro.

Inoltre, è importante classificare ogni spesa. Per fare ciò, devi calcolare la percentuale del tuo reddito che puoi destinare a ciascuna categoria di spesa. Ora è il momento di sistemare i tuoi carichi. Analizzali e controlla se le spese sono ragionevoli in relazione al tuo reddito. Questo ti consente di sapere esattamente cosa stai risparmiando ogni mese e quanto migliorarlo.

riacquisto di prestiti da sovraindebitamento

Il riacquisto di prestiti per ridurre le rate mensili

Tra i tanti metodi utilizzati per uscire definitivamente dal sovraindebitamento, il riacquisto di prestiti è senza dubbio uno dei più efficaci. Chiamato anche consolidamento del credito, questo approccio consente alle persone che hanno stipulato diversi prestiti (personali o altro) di ridurre le loro rate mensili. Il primo vantaggio di questo metodo è il consolidamento di tutti i tuoi crediti in uno. Invece di accumulare debiti da pagare, ne avrai solo uno.

Qualunque sia l'entità dei debiti contratti, il riacquisto dei prestiti ti farà beneficiare di un rapporto di indebitamento più vantaggioso. Le banche generalmente concedono sulla base di diversi fattori (tipo di credito, età, reddito professionale, fiducia nella capacità di rimborso del cliente, ecc.). A seconda delle attuali condizioni di prestito, il nuovo tasso di interesse può essere ridotto rispetto a quelli dei vecchi prestiti. Sui mutui, ad esempio, riduzione del tasso di interesse può farti risparmiare fino a diverse migliaia di euro. Questo è ciò che ti permetterà di avere mensilità più basse e una vita più serena.

Leggi anche:  Più equità e solidarietà nell'economia: un'equazione di equità economica?

In caso di canoni mensili molto elevati, puoi beneficiare del riacquisto dei prestiti seguendo un processo tradizionale. Innanzitutto, devi confrontare le offerte di riacquisto del credito disponibili per scegliere quella migliore. A questo livello, insistere maggiormente sul periodo di rimborso, sul tasso di interesse e sulle rate mensili. Quindi, compila il file di richiesta di rimborso del prestito. In pratica si consiglia di farlo richiedere l'esperienza di un intermediario bancario per aumentare le possibilità che la tua domanda venga accettata.

Stabilisci un budget e attieniti ad esso il più fedelmente possibile

In pratica, non è necessario essere un professionista per stabilire un buon budget. Puoi farla franca seguendo alcuni suggerimenti utili.

Inizia calcolando il tuo reddito

Il budget inizia sempre con il calcolo del reddito. Se hai diverse fonti di reddito, prendi le tue buste paga e somma il tuo reddito mensile. Questo non si applica ai lavoratori autonomi. Se ti trovi in ​​questa categoria, guarda il reddito dei tuoi ultimi 2 trimestri per fare un preventivo.

Elenca le tue spese fisse e variabili

A questo punto, fai due liste per le tue spese, una per le spese fisse e la seconda per quelle variabili. Le spese fisse sono quelle che sostieni quotidianamente. Tengono conto non solo delle spese relative all'alloggio, ma anche di quelle relative all'auto (assicurazione, carburante, parcheggio, ecc.). Devi includere in questo elenco anche i tuoi risparmi mensili riservati come gattino di emergenza.

Per quanto riguarda le spese variabili, si tratta di spese che non sono essenziali per la tua vita quotidiana. Si tratta di spese relative allo shopping, alle uscite e al tempo libero, agli abbonamenti alle palestre... che possono variare da un mese all'altro. Assicurati di definire una categorizzazione per ogni spesa effettuata. In questo modo eviti il ​​rischio di confusione.

Leggi anche:  CO2 Solidaire

Calcola il reddito disponibile totale

Dopo l'elenco delle spese, sommale per avere un'idea dell'importo totale delle tue spese. È la differenza dell'importo totale del reddito con la somma delle spese che ti dà il reddito disponibile totale. In pratica, sono i soldi che ti rimangono dopo che tutte le spese sono state fatte. È questo importo che verrà risparmiato e ti aiuterà a raggiungere obiettivi a lungo termine.

Attieniti al budget che hai impostato

Per porre fine al sovraindebitamento, non basta definire il proprio budget. Innanzitutto, identifica i motivi per cui devi rispettare il tuo budget. Infatti, specificando questi diversi aspetti, sarà più facile rispettare gli obiettivi che ti sei prefissato. Soprattutto, devono essere realistici e realizzabili.

Per soddisfare il tuo budget, devi anche essere pronto ad affrontare spese inutili. Devi essere disciplinato per evitare spese diverse da quelle preventivate. Infine, i crediti in tutte le loro forme dovrebbero essere evitati. In pratica, i pagamenti in contanti e immediati sono migliori dei crediti revolving.

Considera il consolidamento del debito o un prestito personale

Il consolidamento del debito è un ottimo mezzo di sollievo per le persone in difficoltà finanziarie con ingenti debiti. Esso consiste in rimborsare i debiti accumulati su linee di credito, scoperti di conto e prestiti ad alto interesse come i prestiti con anticipo sullo stipendio. Ciò significa che consente alle persone che sono molto in ritardo nel rimborsare i loro prestiti di prendere un nuovo prestito per saldare i loro arretrati.

Quest'ultimo prestito è generalmente più vantaggioso di tutti i precedenti. I tuoi pagamenti mensili sono ridotti a un unico pagamento. Quindi considera anche questa possibilità per alleggerire le tue rate mensili. Tuttavia, per beneficiare del consolidamento debiti, è necessario costruire un caso abbastanza solido.

Leggi anche:  betisier sostenibile

Inoltre, in assenza di consolidamento debiti, si può optare per un prestito personale. A differenza del consolidamento debiti, il rilascio dei fondi è facile e non è richiesta alcuna prova. Inoltre, è utilizzabile per tutte le spese.

uscire dal sovraindebitamento

Prepara un piano per saldare i tuoi debiti il ​​più rapidamente possibile

In teoria, puoi estinguere rapidamente i tuoi debiti e semplificarti la vita se adotti un buon piano di rimborso. Per essere efficace, il piano di rimborso deve basarsi su 3 cose. Inizia facendo il punto sui tuoi debiti. Prendi in considerazione tutti i debiti, e in particolare i tassi di interesse di ciascuno di essi.

Allora è necessario dare priorità ai debiti da saldare. A tal fine, si raccomanda di dare la priorità a quelli che comporteranno forti sanzioni bancarie. Tieni d'occhio il tuo rapporto di indebitamento. Per conoscerne il valore, basta dividere tutte le spese per il reddito e moltiplicare il risultato ottenuto per 100. Infine, devi risparmiare e ridurre le spese abituali, privilegiando quelle più utili.

Rinegozia i tassi di interesse sui tuoi prestiti per ridurre i pagamenti mensili

Per uscire dalla tua situazione di sovraindebitamento, hai anche la possibilità di rinegoziare il tasso di interesse di uno o più prestiti che hai contratto. Le rinegoziazioni dei tassi di interesse vengono effettuate direttamente con le banche che hanno concesso i prestiti, che possono accettarli o meno.

Possono dar luogo ad ottenere migliori condizioni di prestito, con tariffe inferiori a quelle originarie. In pratica puoi beneficiare soprattutto di rate mensili ridotte.

Una domanda finanziaria? Mettilo sul forum economia ed ecologia

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *