Crescita, PIL e consumi energetici: fonti di energia

Energia e crescita economica: IN BREVE SINTESI! di Remi Guillet. 2a parte: fonti di energia, fossili o meno.

Leggi il Parte 1: consumo di energia e crescita economica, Parte 3: tasse e soluzione economica?.

L'uso dei combustibili fossili nel mondo ...

Un esame più attento ci insegna che in realtà circa il 95% del materiale fossile "energetico" si trasforma in energia, il resto ha anche un ruolo molto importante sulla crescita e lo sviluppo economico perché alla base di un'industria di trasformazione. Multi facies "petrolchimico" e spesso ad alto valore aggiunto: plastiche, compositi e altri sottoprodotti della polimerizzazione della nafta estratta dal petrolio… arrivando fino ai catrami per eccellenza per le nostre strade. Così, una persona nata dopo il 1980 ha vissuto quasi esclusivamente in un ambiente domestico fatto di plastica in tutte le sue forme!

Ma tra le diverse forme assunte dall'energia fossile, il petrolio è innegabilmente la forma più ricercata ancora oggi, per la sua forma liquida, la sua stabilità nelle normali condizioni atmosferiche di pressione e temperatura, per la sua densità energetica (energia per unità di volume e peso), la “immagazzinabilità” o capacità da caricare sui combustibili che da essi vengono estratti. Il petrolio è l'energia per eccellenza per il trasporto terrestre, marittimo e persino aereo, coprendo fino al 95% del fabbisogno energetico del trasporto globale! (Ciò corrisponde anche al 52% del consumo totale di petrolio e al 23% del consumo mondiale totale di energia).

A sostegno della nostra tesi e dell'importanza strategica del petrolio, si ricorderà che, fino alla metà degli anni Cinquanta, trovare un giacimento di gas naturale al posto del ricercato petrolio era una maledizione ... e non c'era altro che per bruciare il gas maledetto nella torcia! (La Francia è stato il primo paese in Europa a sviluppare il gas naturale con il giacimento Lacq, il cui sfruttamento è iniziato in quel momento).

utilizzo di petrolio nel mondo per settore

Gli usi del petrolio nel mondo (secondo i dati 1999 dell'Osservatorio sull'energia)

Lo stato delle riserve energetiche fossili ...

L'energia fossile consumata non si rinnova (almeno nella nostra scala temporale), è una scorta, da considerare come una manna dal cielo offerta dalla natura ... Una scorta da cui abbiamo attinto (e continuiamo a fare!) senza contare! E poiché ogni giacimento ha un fondo, questo stock si sta esaurendo e alcuni oggi sono diventati ansiosi di sapere il momento in cui il pozzo si prosciugherà, il momento in cui lo sfruttamento della manna inizierà a diminuire, il momento del picco. - olio. Infatti se la questione viene dibattuta tra gli esperti, tutti pensano che i bambini nati oggi vivranno, in età adulta, questo momento ... poi la carenza e tutto ciò che potrebbe indurre tensioni di diversa natura ed in particolare geopolitica ... Quindi in fondo, il picco del petrolio in 15 o 30 anni non cambia il problema, né per la nostra generazione, né per quelle successive!

Leggi anche:  Crescita, PIL e consumo di energia

Ma, secondo il nostro punto di vista, e forse per fortuna, il vincolo ecologico deve ragionevolmente obbligarci a "cambiamenti di rotta" che influenzeranno in particolare la nostra mania per il petrolio ben prima del picco del petrolio ... (o altri picchi del gas e il picco del carbone annunciato per dopo)

Ecco alcune indicazioni sugli stock e sulla loro possibile evoluzione (indicazioni raccolte sul sito Manicore-Jancovici).

Alla fine del 2005, il "massimo" della gamma delle ultime riserve globali di combustibili fossili era di circa 4 Gtep (000 miliardi di tonnellate equivalenti di petrolio), suddivise come segue:

a) Circa 800 Gtep di riserve "provate"

riserve globali comprovate = risorse fossili

* o circa 9 Gtep di energia fossile all'anno
** ad esempio olio di scisto e altri bitumi naturali

b) Potremmo aggiungere 3 Gtep di riserve cosiddette “aggiuntive”: queste riserve sono costituite dalla frazione estraibile di tutti gli idrocarburi contenuti in giacimenti da confermare (da “scoprire”), nonché in giacimenti già scoperti e che sarà messo in funzione quando la tecnica sarà progredita ...)
Per quanto riguarda le altre fonti energetiche, oggi il 4% del totale… (domani la copertura della quasi totalità del nostro fabbisogno energetico!)

Elettricità nucleare

Si parla raramente di riserve di uranio: 100 anni o… 1000 anni?

Secondo la French Nuclear Energy Society: “Utilizzata negli attuali reattori, la risorsa di uranio è, come la risorsa di petrolio come è apprezzata oggi, su scala centenaria. D'altra parte, grazie a reattori a neutroni veloci, potrebbe coprire le nostre esigenze su scala di diversi millenni ... ".

Che dire delle "rinnovabili"

Oltre alla produzione di acqua calda residenziale e riscaldamento degli ambienti (tramite pannelli solari per esempio…), le energie rinnovabili sono principalmente destinate alla produzione di elettricità… elettricità spesso costosa!

Confronto dei costi di produzione di energia elettrica

Secondo fonti energetiche "primarie" (in cts di € / kWh)

Tabella elaborata da dati UNDP e DGEMP; costi che non tengono conto delle "esternalità" o dei costi indiretti come fastidi, ecc.

Comparativo del costo dell'energia elettrica in base alla sua fonte, rinnovabile o meno

Val. Basso. della bF = in relazione al valore più basso del "limite inferiore dell'intervallo"

Val. Basso. dell'hF = rispetto al valore più basso degli "alti di gamma"

Leggi anche:  Vivere senza petrolio: analisi delle emissioni

Ad esempio, il fotovoltaico è compreso tra 25 e 125 cts di € / kWh, pertanto è compreso tra 12,5 volte Rb e 35,7 volte Rh.

Ulteriori spiegazioni: per facilitare il confronto dei prezzi, l'autore ha correlato ogni mini / max della fascia di costo ai 2 costi meno importanti, in stima alta e bassa.

Cioè:
- Rb, valore minimo minimo = 2 (raggiunto per l'idraulica)
- Rh, stima più alta più bassa = 3.5 (raggiunta per l'energia nucleare).

Questo permette quindi di vedere a colpo d'occhio se un'energia ha "possibilità" di essere competitiva rispetto alle altre. Ad esempio sul fotovoltaico, questo è ben lungi dall'essere il caso.

Gli intervalli spesso molto ampi possono essere spiegati dalla varietà di siti e costi di infrastruttura (costruzione, funzionamento, risorse umane, ecc.).

Energia idraulica

I migliori siti per l'idraulica tradizionale (dighe) sono in uso oggi. Tra le grandi incognite di oggi, evocheremo l'incertezza sui cambiamenti climatici e le loro conseguenze sull'idrologia, la capacità di ottenere l'accettazione (democratica) della distruzione di nuovi siti naturali per questo scopo!

Rimangono le microidrauliche o le turbine ad acqua fluente ... il cui potenziale è immenso!

fotovoltaico

Questa tecnica di produzione di elettricità è da 12 a 36 volte più costosa rispetto all'energia idraulica o nucleare tradizionale. Richiede una grande impronta. La sua applicazione pone il problema dell'accumulo di energia elettrica ...
Quindi, grandi speranze si basano sulla tecnologia delle batterie al litio. Attraverso batterie, auto elettriche e fotovoltaiche hanno dunque destini legati… con le stesse tensioni riguardanti la fornitura di litio (in quantità limitate e mal distribuite: Bolivia, Tibet…).

Energia eolica e "idraulica"

In questo caso, la produzione di elettricità è da 2,5 a 3,7 volte più costosa dell'elettricità idroelettrica o nucleare. Inoltre, stiamo cominciando a comprendere l'inquinamento acustico delle turbine eoliche a terra. Nel caso della tecnologia idraulica sommersa, è molto probabile che gli ecosistemi marini locali saranno disturbati.
Quindi due tecnologie da seguire ...

biomassa

Anche se il legno non è l'unica risorsa “biomassa”, gli alberi e le altre foreste rappresentano una doppia posta in gioco. Fonte di energia (e materiali da costruzione), costituiscono anche “il pozzo di carbonio terrestre”, dopo gli oceani *. Quindi è importante ricordare che un albero adulto abbattuto non verrà sostituito dal punto di vista della sua capacità fotosintetica e quindi dell'assorbimento di CO2 se non dopo diversi decenni. E questa osservazione assume la massima importanza quando ci viene detto che abbiamo solo 15 anni per reagire e quindi limitare il riscaldamento globale a pochi gradi (non siamo molto precisi sul numero!).
Quindi, non sarebbe ragionevole presumere che, ad oggi, ci sia una moratoria globale di almeno 15 anni sulla deforestazione?
* Sebbene il loro riscaldamento contrasti questo aumento, gli oceani vedono aumentare la loro acidità con il contenuto di CO2 atmosferico, inducendo un rischio significativo per lo sviluppo del plancton e, in ultima analisi, per l'intera catena vivente. Il rischio maggiore è un riscaldamento incontrollato.

Leggi anche:  I propresticides campagna

biocarburanti

I biocarburanti sono anche costosi da produrre. Per lanciarli (renderli competitivi), molti Stati sono pronti a tassarli (vedi parte 3: sviluppo sulle tasse, così avremo un'idea del costo medio della loro produzione!). Inoltre, e per alcune regioni del mondo e alcuni "settori", l'impronta di carbonio della "operazione sui biocarburanti" è molto controversa!
Ma le notizie ricorrenti su questo tema ci ricordano la questione fondamentale del biocarburante: con esso e dopo “Drink or Drive”, è arrivato il momento di Eat or Drive! ".

In realtà, per la sua applicazione come carburante, resta da trovare la via sostitutiva del petrolio. Quindi, ora passiamo alle (micro) alghe ... e "Algofuel" inaugura (già!) La terza generazione di biocarburanti. Questa è una questione strategica della massima importanza.

Altri "futuribili": idrati di metano.

Gli idrati di metano sono meno pubblicizzati. Tuttavia, già intorno all'anno 2000 abbiamo sentito al Californian Institute of Oceanography Scripps (La Jolla) che c'erano 3000 anni di riserve di idrati di metano nelle grandi profondità sottomarine (s 'agisce da 6 a 7 molecole di acqua che, nelle condizioni di temperatura e pressione prevalenti, intrappolano una molecola di metano).

Queste informazioni possono essere trovate oggi, ad esempio, sul sito della “mediateca del mare”:
“… Sul nostro pianeta, il fondale marino e il permafrost contengono circa 10 miliardi di tonnellate di idrati di metano, il doppio delle riserve di petrolio, gas naturale e carbone messe insieme. Poiché queste riserve sono disperse nei sedimenti, non possono essere estratte mediante trivellazioni convenzionali e devono essere sviluppate tecniche di estrazione e di instradamento. Si stima che la quantità di questa risorsa nel solo mare intorno al Giappone sia equivalente a 000 anni di consumo nazionale di gas naturale… ”.

Quindi, aggiungeremo: perché non immaginare, piuttosto che "estrarre", "consumare" questi idrati di metano, in situ, da robot che producono elettricità in loco mentre l'O2 verrebbe anche prelevato in loco possibilmente da l'atmosfera, la CO2 rilasciata alle stesse profondità disciolta dall'acqua di mare e poi ritrasformata per fotosintesi dalla flora acquatica… avendo così poche possibilità di raggiungere l'atmosfera!

- Scopri di più e discuti di forums: energia e PIL: sintesi
- Leggi il Parte 3: tasse sull'energia nel mondo. Verso un nuovo modello economico?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *