Gli agricoltori hanno pagato per immagazzinare carbonio

La Saskatchewan Soil Conservation Association sta avviando un progetto pilota per offrire crediti di carbonio dall'agricoltura. I crediti di carbonio consentiranno di compensare le emissioni di gas serra delle aziende emittenti eliminandole convertendole in semina diretta (coltivazione senza lavorazione del terreno). Gli agricoltori di tutto il Canada riceveranno pagamenti per la loro partecipazione.

Il progetto è stato convalidato dal progetto pilota di Environment Canada per la rimozione e la riduzione e l'apprendimento delle emissioni (PERRL). L'obiettivo del progetto pilota è saperne di più su tutti gli aspetti del processo di scambio di emissioni di carbonio con i pozzi di assorbimento del carbonio del suolo agricolo.

In questo momento, la partecipazione è limitata ai membri delle organizzazioni per la conservazione del suolo del Canada occidentale e dell'Innovative Farmers Association of Ontario.

La superficie sarà limitata a 100 ettari o 247 acri per produttore. I produttori dovranno praticare la semina diretta e la coltivazione con una lavorazione minima. Dovranno soddisfare una serie di requisiti: non incenerire i residui e non eliminare completamente la crescita del raccolto.

Leggi anche:  Guida senza inquinare: è possibile?

La quantità equivalente di anidride carbonica rimossa (sequestrata nel suolo) sarà determinata utilizzando un protocollo sviluppato da PEREA. I produttori riceveranno $ 11,08 per tonnellata di anidride carbonica sequestrata. I pagamenti variano a seconda dei tipi di terreno e della loro produttività.

La Saskatchewan Soil Conservation Association stima che l'agricoltura abbia il potenziale per aiutare il Canada a raggiungere più del 20% del suo obiettivo di Kyoto per la riduzione delle emissioni di gas serra.

Fonte: e-mail AgriSuccess Express da Farm Credit Canada, 15 aprile 2005 (clicca qui).

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *