ricercatori Bielefeld sviluppano un idrogeno che produce alghe

Il gruppo di lavoro di Mr. Olaf Kruse, della Facoltà di Biologia dell'Università di Bielefeld, è arrivato in collaborazione con un gruppo di lavoro dell'Istituto di Bioscienze Molecolari (Institute of Molecular Bioscience) dell'Università di Brisbane (Australia) per sviluppare un'alga geneticamente modificata, un mutante dell'alga verde Chlamydomonas reinhardtii, con un'eccellente capacità di produrre idrogeno.

Questo processo di sviluppo dell'idrogeno, che è stato inoltre recentemente brevettato (brevetto n. WO 2005003024), consente alle alghe in condizioni ideali di produrre fino a 13 volte più idrogeno.
Sulla base di questi aumentati tassi di produzione dell'idrogeno, Stm6 - questo è il nome dell'alga mutata - offre notevoli condizioni per la realizzazione delle biotecnologie in futuro, consentendo la produzione di "Bio-idrogeno" da luce solare mediante microrganismi.

Si stanno ancora compiendo ulteriori sforzi nei laboratori di Brisbane e Bielefeld, al fine di aumentare ulteriormente i tassi di produzione di idrogeno delle alghe mediante interventi genetici molecolari.

Leggi anche: Ecologia, un freno allo sviluppo del turismo

La costruzione dei primi prototipi di bioreattori in collaborazione con biotecnologi-pianificato ancora quest'anno.

Contatti:
- Olaf Kruse, Facoltà di Biologia dell'Università di Bielefeld - tel: +49
521 106 5611, e-mail: olaf.kruse@uni-bielefeld.de
Fonti: Depeche idw, Comunicato stampa dell'Università di Bielefeld,
05/09/2005
Editor: Nicolas Condette, nicolas.condette@diplomatie.gouv.fr

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *