Gli ingegneri chimici sviluppano additivi ecologici per la benzina

I ricercatori della Cattedra di Sviluppo dei Processi Chimici dell'Università di Dortmund (Renania settentrionale-Vestfalia) stanno attualmente sviluppando un additivo per benzina alternativo che ritengono abbia un futuro luminoso: GTBE (Glycerine-ter-butyl-ether) . Questo additivo è formato dalla glicerina ed è più vantaggioso rispetto ad altri additivi dal punto di vista ecologico.

Dopo il divieto di utilizzare additivi di piombo nella benzina, in Germania è stato utilizzato MTBE (metil-ter-butil-etere). Ciò garantisce un elevato numero di ottano di ricerca (RON - numero di ottano di ricerca) nella benzina e non danneggia il motore. Tuttavia, il suo utilizzo non è del tutto innocuo ed è parzialmente vietato negli Stati Uniti a causa della sua elevata solubilità in acqua (l'MTBE può facilmente penetrare nelle acque sotterranee). "L'MTBE non è certamente tossico", afferma Arno Behr dell'Università di Dortmund, "ma ha un sapore e un odore molto sgradevoli, il che significa che ovviamente non vogliamo trovarlo nell'acqua potabile" . Pertanto, il signor Behr ei suoi colleghi hanno lavorato a lungo su un additivo alternativo: GTBE. È un sostituto soddisfacente dell'MTBE, presenta anche un elevato indice di ottano di ricerca e garantisce anche una lunga durata del motore.

Leggi anche:  La respirazione marina gioca sul clima

Inoltre, l'additivo a base di glicerina presenta soprattutto vantaggi ambientali: GTBE non è solubile in acqua ed è più ecologico del MTBE tradizionale. È anche un'alternativa interessante per l'industria dei carburanti in termini di prezzo: la glicerina
è per il momento più costoso del metanolo, ma il signor Behr prevede negli anni a venire un forte calo del suo prezzo a causa di una massiccia presenza sul mercato mondiale. Infatti, a causa delle direttive europee che raccomandano un aumento della produzione di diesel di colza entro il 2010, la produzione di glicerina - prodotto di recupero del diesel di colza - sarà quindi pari a 700.000 o 800.000 tonnellate all'anno in Europa. "Non esiste ancora un'applicazione per questa quantità di glicerina", spiega Behr. La glicerina come additivo di un carburante permetterebbe così di risolvere tre problemi contemporaneamente: è ecologica, disponibile in grandi quantità come recupero dai diesel di colza, e quindi in definitiva poco costosa.

Leggi anche:  La siccità è costosa in Portogallo

Il team del Dr. Behr ha sviluppato un processo tecnico che consente di produrre GTBE in un sistema circolatorio chiuso e privo di residui. Ma l'uso della glicerina non avverrà così rapidamente come si potrebbe sperare, "il passaggio da MTBE a GTBE rappresenta un investimento considerevole e dipende soprattutto dalle decisioni dei maggiori gruppi petroliferi" spiega infine Mr. Behr ", ma l'impatto ecologico è comunque un argomento importante ".

Contatti:
- Insegnante. Dr. Arno Behr -tel: +49 231 755 2310, fax: +49 231 755 2311
e-mail:
behr@bci.uni-dortmund.de
Fonti: Depeche IDW, Comunicato stampa dell'Università di Dortmund,
15/02/2005
Editor: Nicolas Condette,
nicolas.condette@diplomatie.gouv.fr

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *