Il dossier dell'acqua: carenza, inquinamento, corruzione

Marc Laimé,
396p, Soglia, 2003.

carenza d'acqua

Riassunto
All'alba del ventunesimo secolo, le nostre società si trovano paradossalmente di fronte allo stesso problema della fine del diciannovesimo secolo: garantire che ogni essere umano abbia accesso all'acqua potabile. Più di 1,4 miliardi di persone in tutto il mondo non hanno acqua pulita. Più di 15 muoiono ogni anno milioni di esseri umani. La carenza uccide. Ma questa carenza è aggravata da comportamenti inquietanti. Di "bene comune", l'acqua è diventata una merce a beneficio dei conglomerati che vogliono rendere proficui i loro colossali investimenti. La Francia ha una responsabilità particolare qui, dal momento che il nostro paese è la patria delle due maggiori aziende del mondo. Un vigoroso movimento di protesta sta combattendo per garantire che l'accesso all'acqua potabile sia riconosciuto come un diritto umano fondamentale. Nella stessa Francia, oltre all'inquinamento catastrofico causato dall'agricoltura intensiva, si discutono le prerogative esorbitanti di un'industria prepotente e le loro pratiche finanziarie opache che colpiscono il consumatore e il contribuente. Ma i progetti di riforma si trasformano in serpenti marini legislativi. Come la sicurezza alimentare e i rischi industriali, l'acqua è oggi un problema importante in termini di ambiente, salute pubblica e democrazia. Nessun governo sarà in grado di continuare senza una politica realistica e generosa.

Leggi anche: Quando la scienza ha detto: è impossibile

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *