Dalla parte dei fastidi dell'automobile: l'inquinamento uccide!

L'anno scorso, l'Agenzia francese per la sicurezza ambientale ( www.afsse.fr ) ha dimostrato che "da 6500 a 9500 persone di età superiore ai 30 anni sono morte nel 2002 a causa dell'esposizione all'inquinamento causato da particelle fini (dimensioni inferiori a 2,5 micron), emesse in particolare dalle automobili ".

Oggi, gli esperti stanno esaminando il caso dei bambini e confermano le loro paure per la loro maggiore vulnerabilità ai fastidi generati dal traffico stradale:

- I bambini e gli adolescenti sono più vulnerabili agli effetti dell'inquinamento atmosferico perché il loro metabolismo e la loro fisiologia sono ancora immaturi [3],

- essere esposti ai gas di scarico (in particolare i veicoli diesel) e vivere a meno di 500 metri da una stazione degli autobus moltiplica per 12 il rischio che un bambino muoia di cancro [1],

- vivere vicino a un garage o una stazione di servizio potrebbe quadruplicare il rischio di leucemia infantile [2],

Leggi anche: POLLUTEC 2004, formazione e occupazione nell'ambiente

- il rumore ha un impatto sulle loro capacità cognitive, sulla loro motivazione e sul loro livello di disagio [3],

- riducendo la loro attività fisica, la dipendenza dall'automobile favorisce il sovrappeso e quindi alcune malattie [3],

- a lungo termine, la densità del traffico nelle aree residenziali può avere un impatto interrompendo lo sviluppo dell'autonomia e dell'interazione sociale [3],

- Infine, a livello psicologico, muoversi attivamente (camminare, andare in bicicletta) riduce i tassi di depressione, ansia e aggressività [3].

Lo studio europeo presentato da ADEME [3] propone numerosi orientamenti politici: integrare la salute dei bambini al centro delle politiche dei trasporti, privilegiando la riduzione e il controllo della velocità delle auto, stabilendo nelle scuole piani per la gestione della mobilità sostenibile, l'espansione delle infrastrutture per i ciclisti, la creazione di incentivi fiscali, ecc.

[1] Pr. Knox (Università di Birmingham), 2005, Journal of Epidemiology and Community Health

Leggi anche: Conferma dello squilibrio energetico della Terra

[2] Inserm, 2004, rivista Occupational and Environmental Medicine

[3] Gli effetti dei trasporti sulla salute dei bambini: verso una valutazione integrata dei costi e della prevenzione ", ADEME éditions, gennaio 2005, rif. 5216.

Saperne di più ? Scarica il file Ademe

Fonte: resistenza all'aggressività automobilistica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *