agrocombustibili Ecobilan: mangiare o auto, questa è davvero la domanda giusta?

Molti studi dimostrano che energeticamente e sulla CO2, gli attuali agrocarburanti hanno un bilancio scarso o addirittura negativo. Utilizzando questo terreno agricolo per piantare altre colture perenni, il bilancio di CO2 è ulteriormente peggiorato a scapito degli agrocombustibili.

Tenendo conto non solo di CO2 ed energia, ma anche di tutti gli input (fertilizzante, elettricità, riscaldamento, ecc.) Di un'azienda agricola, è possibile stabilire un bilancio EQF: litro equivalente di olio combustibile per ettaro coltivato. Quando è necessario più EQF per ettaro di quanto possa produrre l'agrocarburante, l'unico effetto degli agrocarburanti è quello di aumentare il profitto delle multinazionali. Tuttavia, pochi agrocombustibili forniscono più energia dell'EQF di quanta ne consumano. Guarda l'immagine qui sotto:

petrolio e agricoltura

Per saperne di più: il bilancio petrolifero di un'azienda agricola, clicca qui.

Ancora più grave è l'influenza degli agrocombustibili sulle quotazioni di borsa dei cereali e per estensione di capitale: si comincia a sentire un accoppiamento dei cereali “energetici” sul prezzo del petrolio! Questo fatto è difficilmente accettabile.

Leggi anche:  agricoltura globalizzata: il modello è quello di fine, Olivier de Schutter

Le tonnellate di grano o mais (origine del bioetanolo) sono raddoppiate in pochi mesi, rendendo molto critica la situazione degli agricoltori nei paesi in via di sviluppo. Come se non lo fosse già ...

secondo Jean Ziegler: “Occorrono 232 kg di mais per riempire 50 L di bioetanolo. Con questa quantità di mais nutriamo un bambino per un anno ".

Siamo d'accordo su questo fatto, meno sul fatto che, senza agrocombustibile, questa quantità di mais arriverebbe nel ventre di questo bambino! La malnutrizione e le carestie non sono certo dovute alla produzione di agrocarburanti, altrimenti non sarebbero esistite prima… ma è certo che gli agrocombustibili che utilizzano piante alimentari peggioreranno le cose.

D'altra parte, le carestie sono spesso dovute allo sfruttamento delle risorse naturali vicine: petrolio e gas in testa. Di questo si dovrebbe tener conto nel bilancio ecologico globale del petrolio… e tanto più, e in confronto, in quello degli agrocombustibili, migliorandolo così… un po '!

Leggi anche:  Idrati di gas, inizia l'attività in Giappone!

Gli attuali biocarburanti, principalmente il bioetanolo, sono quindi molto lontani dall'essere una soluzione sostenibile e globale al problema energetico.

Tuttavia, ci sono fortunatamente altre rotte molto più promettenti per gli agrocombustibili: i biocarburanti di 2th e 3th generation. Queste sono generalmente tecniche conosciute da anni (decenni per alcuni) quindi perché non sono più sviluppate? Consentirebbero di cambiare davvero la situazione di questi “nuovi” combustibili… senza dimenticare che il combustibile più pulito è, ovviamente, quello che non spendiamo!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *