L'economia ha bisogno di un clima "sano"

Gordon Brown, ministro delle finanze, si è rivolto ai ministri di venti paesi, compresi i rappresentanti del G8 e quelli dei paesi emergenti come Cina, India e Brasile, in una riunione sui cambiamenti climatici e desiderio di ridurre i combustibili fossili. Ha detto ai partecipanti che il Regno Unito è riuscito a ridurre le sue emissioni di carbonio senza mettere in pericolo l'economia del paese. Aggiunge anche che gli indicatori economici di un paese potrebbero prosperare solo se li prendiamo
cura dell'ambiente e delle risorse naturali su cui si basa l'attività economica. Secondo lui, i problemi
l'ambiente, tradizionalmente trattato in modo indipendente, deve ora essere collegato al settore economico all'interno di qualsiasi governo. Queste dichiarazioni mettono in discussione la posizione degli Stati Uniti che, ricordiamolo, non hanno ratificato il protocollo di Kyoto, che mira a regolare le emissioni di gas serra. L'amministrazione americana, infatti, ha risposto che il rispetto degli accordi del protocollo di Kyoto avrebbe effetti negativi sull'occupazione poiché, secondo loro, molti sarebbero esportati nei paesi in via di sviluppo dove non esiste una politica ecologica. James Connaughton, direttore del dipartimento Ambiente e qualità alla Casa Bianca, ha affermato che la risposta al problema risiede solo nell'emergere di nuove tecnologie. Il primo ministro Tony Blair incoraggia gli investimenti in nuove tecnologie "verdi", ma sostiene anche l'emergere di un consenso internazionale. Gordon Brown da parte sua non esprime alcun dubbio in merito al
validità per quanto riguarda il cambiamento climatico. Tuttavia, la “New Economics Foundation” (NEF) vuole essere critica nei confronti delle posizioni del governo britannico che, ad esempio, chiede lo sviluppo delle energie rinnovabili nei paesi emergenti ma non fa pressione sulla Banca Mondiale per limitare i crediti alle energie. fossili o trasferirli a progetti per la diffusione di fonti energetiche sostenibili.

Leggi anche:  Segnali di pericolo del temporale in Iran

Eva assayag

Fonte : http://news.bbc.co.uk

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *