Risparmio energetico grazie agli accumulatori di freddo

Specialisti in caldo e freddo a lunga distanza dai servizi della città di Chemnitz e ricercatori in termodinamica presso l'Università Tecnica (TU) di Chemnitz (Sassonia) stanno attualmente facendo, e su richiesta del Ministero federale dell'economia e lavoro (BMWA), ricerca per determinare se gli impacchi di ghiaccio non devono essere utilizzati
più nei grandi sistemi di approvvigionamento energetico. Il sistema di refrigerazione a lunga distanza nella città di Chemnitz funge da dispositivo di studio per la ricerca pratica.

I risultati dello studio potrebbero in futuro essere utilizzati su scala nazionale per la costruzione o l'ammodernamento dei sistemi di raffreddamento. I diversi partner del progetto stanno attualmente analizzando fino a che punto l'uso di accumulatori di freddo potrebbe consentirne l'uso
macchine frigorifere con assorbimento più intenso. L'idea di base: l'accumulatore di freddo viene caricato durante la notte e può quindi coprire il carico di picco del sistema di raffreddamento remoto durante il giorno.

Leggi anche: I ricercatori Tolosa sviluppare biocarburanti a basso costo

Per la città di Chemnitz, ciò significherebbe che una maggiore quantità di calore in eccesso prodotto dall'impianto di Chemnitz Nord verrebbe convertita in freddo e che in totale si consumerebbe meno elettricità. Questa soluzione è secondo l'opinione degli esperti non solo ecologica, ma
anche economicamente sostenibile, il che non è sempre il caso nel settore dell'energia.

I risultati attuali sulla fattibilità tecnica e la stima dei costi rendono i ricercatori ottimisti. La cooperazione tra l'Università di Chemnitz e i servizi della città è stata inoltre materializzata nel dicembre 2004 con l'istituzione di un contratto tra i due partner.

Contatti:
- Ulf Uhlig - tel: +49 371 525 - email:
ulf.uhlig@swc.de
- Thorsten Urbaneck - tel: +49 371 - email:
thorsten.urbaneck@mb.tu-chemnitz.de - internet: http://www.tu-chemnitz.de
Fonti: Depeche IDW, TU Chemnitz Press Release, 07 / 02 / 2005
Editor: Nicolas Condette,
nicolas.condette@diplomatie.gouv.fr

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *