EDF sarà in grado di rifiutare l'acqua più calda per tre centrali termoelettriche.

Il ministro dell'Ecologia Nelly Olin ha autorizzato EDF a scaricare l'acqua più calda delle sue centrali termiche nei fiumi che costeggiano per 3 siti e l'ha rifiutata per altri 3 siti.

In considerazione dell'ondata di caldo, EDF aveva chiesto di essere autorizzata in esenzione ad effettuare questi scarichi per 6 centrali termiche per la produzione di energia elettrica, a Blénod (Meurthe-et-Moselle), La Maxe (Moselle), Porcheville (Yvelines) , Aramon (Gard), Richemont (Mosella) e Cordemais (Loire-Atlantique).

In via preventiva, il ministro ha autorizzato i prefetti a prendere esenzioni per le centrali di Aramon, Cordemais e Richemont, sottolineando che questi scarichi di acqua calda dovrebbero essere effettuati solo "in caso di assoluta necessità per per mantenere la sicurezza della rete di distribuzione dell'energia elettrica ”.

Nelly Olin ha escluso per il momento ogni possibilità di esenzione per gli altri 3 impianti, ritenendo che il funzionamento di questi ultimi non fosse essenziale per la continuità della fornitura agli utenti.

A causa dell'ondata di caldo, la temperatura dell'acqua nei fiumi ha raggiunto livelli molto elevati e prossimi alle soglie normative per la temperatura dell'acqua di scarico dagli impianti di produzione di energia elettrica.

Leggi anche:  Combustibile biologico a Lot-et-Garonne: l'esperimento continua, opposizione della prefettura

Domenica EDF ha ottenuto questa autorizzazione per le sue centrali nucleari e poi ha avviato un processo equivalente per le sue centrali termiche. Per le centrali nucleari è richiesta direttamente l'approvazione del governo, mentre per le centrali termiche l'autorizzazione è data con decreto prefettizio. I prefetti concedono o meno queste autorizzazioni dopo aver consultato le autorità interessate, in questo caso il ministero dell'Ecologia che ha autorità sulle questioni ambientali, ha detto il ministero.

Domenica un decreto pubblicato sulla Gazzetta ufficiale ha autorizzato le centrali nucleari che scaricano acqua nei bacini fluviali della Garonna, del Rodano, della Senna, della Mosa e della Mosella, per scaricare acqua più calda del regolamento non lo permette.

Centrali nucleari e ondate di calore, un rischio?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *