L'effetto serra, probabili conseguenze?

Parole chiave: riscaldamento globale, clima, attività umane, conseguenze, temperature, ecosistema, globale.

Leggi la parte 1: definizione di effetto serra

Ruolo dell'attività umana nell'effetto serra

La maggior parte dei gas serra (GHG) sono di origine naturale. Ma alcuni di loro sono dovuti solo all'attività umana o vedono aumentare la loro concentrazione nell'atmosfera a causa di questa attività. Questo è il caso in particolare dell'ozono O3, CO2 e metano CH4.

La prova che l'aumento della CO2 atmosferica è di origine umana è data dall'analisi degli isotopi

La combustione di carboni fossili come carbone, lignite, petrolio o gas naturale (metano) rilascia grandi quantità di CO2 nell'atmosfera. Quindi solo la metà viene riciclata dalla natura e l'altra metà rimane nell'atmosfera, il che ovviamente aumenta l'effetto serra.

Le attività umane quindi rilasciano un'abbondanza di GHG: gli scienziati che studiano il clima ritengono che l'aumento dei livelli di gas di origine antropica sia la causa del riscaldamento globale.

Quali conseguenze per il pianeta?

L'effetto serra non è, in sostanza, dannoso per gli ecosistemi: infatti, senza di esso, la temperatura della Terra sarebbe intorno ai -18 ° C. Tuttavia, un eccesso di GHG potrebbe rivelarsi dannoso.

L'aumento della temperatura provocherebbe innanzitutto un aumento meccanico del volume dell'acqua di mare per espansione e per lo scioglimento dei ghiacciai (e non degli iceberg), che inghiottirebbero parte della terra (isole coralline, come le Maldive sono i primi minacciati), metterebbe in pericolo molte specie e potrebbe essere all'origine del degrado del primo "polmone" della Terra: il fitoplancton (che produce l'80% dell'ossigeno terrestre e assorbe una parte non trascurabile di anidride di carbonio).

Leggi anche:  Scarica: Gulf Stream, il tallone d'Achille del clima

Altre conseguenze come l'aumento delle precipitazioni o la modifica delle correnti marine potrebbero essere disastrose. Conseguenze più o meno difficili da prevedere rischiano di causare un reale cambiamento climatico.

Gli scienziati prevedono un aumento da 1,5 ° C a 6 ° C (un tale margine di errore in realtà significa: non lo sappiamo esattamente!) Per il prossimo secolo, supponendo che l'aumento delle emissioni di GHG continui nel prossimo secolo. ritmo attuale. Tuttavia, fermare del tutto le emissioni di carbonio non impedirebbe alla temperatura media del pianeta di continuare a salire per diverse decine o addirittura centinaia di anni.

In effetti, i GHG scompaiono dall'atmosfera solo molto lentamente (Vedi: Effetto serra, definizione di GWP)

Polemiche e dibattiti scientifici sull'origine e le conseguenze dell'effetto serra

Gli studi sul riscaldamento globale e le sue conseguenze sono stati tra i più estesi nella storia scientifica interdisciplinare. Tuttavia, le pressioni politiche e le potenziali conseguenze per la lobby industriale legate allo sfruttamento dei combustibili fossili, che l'adozione di quote di emissioni di carbonio minaccerebbe pericolosamente, hanno favorito l'emergere e lo sviluppo di una controcorrente scientifica. mettere in discussione l'interpretazione dei dati.

Il tipo di contro-perizia scientifica portata contro le teorie allarmistiche dell'origine antropica del riscaldamento globale è discutibile, in particolare a causa del finanziamento di queste contro-valutazioni da parte delle lobby industriali, guidate da Don Pearlman (cfr. Carbon Club). durante gli accordi firmati a Kyoto.

Nel documentario video The Greening of the Planet Earth (trasmesso nel 1988), la Western Fuels Association prevede che il raddoppio delle emissioni di carbonio, così come è in corso, consentirebbe un aumento della terra coltivabile sul pianeta. La Western Fuels Association ha anche finanziato il lancio della World Climate Review, il cui contenuto difficilmente può rivendicare l'indipendenza richiesta dall'obiettività scientifica.

Alcuni scienziati, pur riconoscendo i cambiamenti causati dall'innalzamento del livello del mare e dalla necessità di agire, rifiutano l'attuale catastrofismo. Ad esempio, nel caso delle Maldive, che sono isole coralline, a volte è avanzata l'ipotesi che i coralli siano abbastanza in grado di sollevare le isole più velocemente delle acque in aumento. Le specie sarebbero quindi portate a regredire o scomparire, mentre altre apparirebbero e si svilupperebbero secondo i principi della selezione naturale. La storia della Terra mostra infatti che ci sono già stati negli ultimi periodi in cui era molto più caldo e in altri periodi in cui era molto più freddo, e che ogni volta la natura ha trovato le risposte appropriate. Altri rispondono agli stessi argomenti secondo cui queste trasformazioni sono durate per millenni, mentre immaginavano che il cambiamento climatico si sarebbe verificato nel corso di un secolo o due, il che potrebbe essere troppo veloce perché la natura si adatti.

Leggi anche:  Clima: geoingegneria, quando gli umani cercano di limitare il riscaldamento globale

Altro:
- L'estinzione del Permiano
- Trasporto su strada e riscaldamento globale: effetto serra.
- Trasporti e cambiamenti climatici di Climate Action Network France e WWF.
- CITEPA: inventario delle emissioni di gas a effetto serra in Francia ai sensi della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici
- CITEPA: Inventario delle emissioni inquinanti atmosferiche in Francia - Serie settoriale e analisi estese

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *