Energia in Cina: punto debole della sua economia

La Cina vuole diversificare le sue fonti energetiche

La Cina, che continua il suo sviluppo economico e demografico, alla fine sarà il primo inquinatore del pianeta

L'Agenzia internazionale dell'energia stima che Cina e India supereranno insieme gli Stati Uniti (il principale inquinatore) intorno al 2015.
Sebbene la gestione ambientale rimanga un problema ancora opaco in Cina, come evidenziato da il recente inquinamento da benzene del fiume Songhua, questo paese si rivolge sempre di più alle energie rinnovabili come ulteriore soluzione al suo sviluppo.

Cina: una nuova voragine energetica ...

Ricorda che la Cina è senza dubbio uno dei paesi più dinamici del pianeta con una crescita del 9% nel 2004 e una popolazione che rappresenta quasi il 20% dell'umanità.
La Cina, che non è tenuta a ridurre le proprie emissioni di gas serra, è ora il secondo maggior consumatore di petrolio dopo gli Stati Uniti. È anche il più grande produttore e consumatore mondiale di carbone, una delle fonti energetiche più inquinanti, che fornisce quasi il 70% del suo fabbisogno energetico.
“La Cina è già il principale inquinatore in alcune aree come le emissioni di anidride solforumsa. Complessivamente ora è al secondo posto, ma dovrebbe superare gli Stati Uniti entro dieci anni ”, stima il professor Gérald Fryxell, specialista in sviluppo sostenibile presso la China European International Business School di Shanghai. Aggiunge inoltre - un problema sperimentato dalle società industrializzate -: "La Cina può sempre ridurre la quota di petrolio e carbone nelle sue fonti energetiche, continuerà a consumare di più, nonostante tutto", dice Gérald Fryxell. In effetti, il consumo continua ad aumentare, sia in Francia, dove la popolazione sta invecchiando, sia in Cina, dove sta aumentando notevolmente date le dimensioni attuali della sua popolazione ...

Leggi anche:  OGM Monsanto in Argentina

... che fa molto affidamento sul carbone

Il 28 luglio 2005 Stati Uniti, Australia, Cina, India e Corea del Sud hanno rivelato l'esistenza di un progetto alternativo al protocollo di Kyoto. Questa alleanza, denominata "Partenariato Asia-Pacifico per lo sviluppo pulito e il clima" ha anche l'obiettivo finale di ridurre le emissioni di gas serra (GHG) al fine di mitigare il cambiamento climatico in corso. Tuttavia, i mezzi che saranno messi in atto favoriranno l'implementazione di tecnologie pulite e avanzate intorno allo sfruttamento del carbone.
"Crediamo che la cosa più importante per la Cina sia rendere pulito il suo carbone con processi come la gassificazione", aggiunge Emiliano Cecchini, project manager del Programma di cooperazione sino-italiana per la protezione ambientale, con sede a Shanghai. Si investiranno inoltre 650 milioni di euro per ridurre le emissioni di anidride solforumsa derivanti dalla combustione del carbone.

Città cinesi colpite dall'inquinamento da biossido di zolfo

Secondo un recente studio dell'Istituto cinese di scienze ambientali e dell'Università di Qinghua, su 338 città cinesi in cui viene misurata la qualità dell'aria, quasi due terzi (63,5%) hanno un livello di inquinamento da aria considerata media o severa, le regioni più colpite sono il sud e il sud-ovest del paese.
Le emissioni di anidride solforumsa stanno aumentando rapidamente in Cina, in particolare a causa dell'uso massiccio di carbone di scarsa qualità o di tecniche di combustione obsolete nelle centrali termiche. Le emissioni di anidride solforumsa sono ammontate a 6,6 milioni di tonnellate nel 2002 e raggiungeranno 12,86 milioni di tonnellate nel 2005 se continueranno a crescere al ritmo attuale, secondo lo studio. In totale, il 30% del territorio cinese soffre di piogge acide.
L'Agenzia spaziale europea (ESA) ha mostrato, all'inizio di settembre 2005, su una mappa prodotta dal satellite Envisat, l'entità dell'inquinamento da biossido di azoto (NO2) su Pechino e sulla Cina nord-orientale. È infatti la più grande nuvola di inquinamento al mondo come risultato della spettacolare crescita economica in Cina negli ultimi dieci anni.
Gli ossidi di azoto vengono emessi su vasta scala da automobili e fonti di combustione fisse come centrali termiche, impianti di riscaldamento, industrie pesanti, incendi boschivi o persino impianti di incenerimento. NOx è la fonte del deposito acido con SO2 e contribuisce all'inquinamento fotochimico generando la produzione di ozono troposferico che è un fattore di mortalità in eccesso.

Leggi anche:  Olio e Sarkozy

Verso la diversificazione energetica

Tuttavia, la Cina vuole ridurre parte della sua dipendenza dal carbone, la cui estrazione costa anche la vita a migliaia di minatori ogni anno. Il China Energy Research Institute prevede una riduzione del 10% entro 15 anni. E, di recente, il China Daily ha riferito che la costruzione di nuove centrali elettriche a carbone è stata ora vietata a Pechino, Shanghai e 21 capoluoghi di provincia.

Per fare questo, la Cina ha annunciato all'inizio di novembre un investimento di 180 miliardi di dollari per sviluppare energie rinnovabili e aumentare la propria quota nel consumo energetico globale dal 7% al 15% nel 2020. “La Cina incoraggia le aziende a utilizzare fonti energetiche. "altre fonti di energia, come l'energia solare o eolica, riducendo alcune tasse", spiega Han Zhengguo, analista del gruppo finanziario Haitong Securities a Shanghai.

Infine, anche la Cina sta investendo nel nucleare con il sostegno della Francia poiché entro il 2020 verranno costruite 40 centrali nucleari.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *