Equipaggiati con apparecchiature energetiche efficienti per ridurre le bollette

Dotato di ridurre la sua bolletta del riscaldamento pubblicato su "Le Particulier" n ° 995, dicembre 2005

da Valerie Stein-Valin

Perchè deve investire nelle energie rinnovabili o processi energetici più efficienti?

L'annunciata carenza di petrolio e l'aumento dei prezzi peseranno sempre più pesantemente sul nostro budget per il riscaldamento. È quindi meglio anticipare e investire ora nell'installazione di apparecchiature ad alta efficienza energetica.

Dagli 0,39 euro al litro di inizio 2004, il prezzo medio dell'olio combustibile domestico era salito a 0,68 euro a fine ottobre 2005 (ultime statistiche del ministero dell'Industria), con un incremento del 74%. Per il gas propano, la variazione è di circa il 27% nello stesso periodo. Per il gas naturale, supererà il 30% con gli aumenti ottenuti da Gaz de France. Questo aumento dei prezzi non è dovuto a restrizioni temporanee alla produzione, come è avvenuto nel 1973 e poi nel 1980, ma all'aumento, senza dubbio duraturo, del consumo mondiale di petrolio e gas (in particolare in Cina e India).

Ciò significa che i prezzi di queste energie dovrebbero rimanere a livelli elevati per lungo tempo. Per quanto riguarda l'elettricità, il cui prezzo evolve come l'inflazione, rimane molto più costosa del gas naturale o dell'olio combustibile. E la privatizzazione di EDF, sommata al costo del rinnovo delle sue centrali nucleari, rischia di far salire i suoi prezzi. Tuttavia, la bolletta del riscaldamento non è inevitabilmente destinata a seguire queste curve al rialzo.

"Da oggi potremmo costruire edifici che consumano almeno quattro volte meno energia", afferma Alain Borna rel, di Tribu, un ufficio di progettazione della qualità ambientale dell'edificio. Mentre una casa che soddisfa gli standard attuali consuma circa 80 kWh / m2 / anno di riscaldamento, sappiamo come costruire case che si accontentano di meno di 30 kWh. Ciò rappresenta, per una casa di 120 m2 riscaldata ad olio combustibile, una differenza di 400 euro all'anno. Resta il fatto che una tale prestazione si può ottenere solo con materiali e attrezzature elaborati e complessi da realizzare, e quindi più costosi.

Leggi anche:  Fabbricazione dell'evaporatore per iniezione d'acqua

Il criterio di smorzamento.

La domanda è sapere se, e dopo quanti anni, il costo aggiuntivo iniziale sarà compensato dal risparmio energetico indotto, che corrisponde al criterio del "tempo di ritorno dell'investimento" (il costo aggiuntivo diviso per il risparmio annuale). Lo stesso vale per un edificio esistente, dove è possibile migliorare l'isolamento, oppure sostituire i vecchi impianti di riscaldamento con altri a minor consumo energetico. Qualcosa di brutto è un bene: più è cara l'energia, maggiore è il risparmio possibile, e quindi minore è il tempo di recupero dell'investimento. Abbiamo effettuato tutti i nostri calcoli sulla base di tariffe prevedibili nel 2006 e su uno “scenario di disastro” che prevede un aumento del 50% rispetto al 2005. Inoltre, il costo delle attrezzature per il risparmio energetico sarà ridotto nel 2006 rispetto al 2005, con l'aumento del credito d'imposta cui danno diritto, quando vengono installati in un'abitazione esistente.

Questo credito salirebbe al 50% per apparecchiature come pompe di calore e scaldacqua solari. Danno però diritto al credito d'imposta solo attrezzature e materiali rispondenti a specifiche caratteristiche e le spese sono trattenute entro il limite di 8000 euro per una persona single e 16000 euro per una coppia sposata (più 400 euro a 600 euro per figlio a carico). Nelle nuove abitazioni, individuali o collettive, la normativa (nota come "normativa termica", o RT 2000) impone una prestazione complessiva in termini di consumo energetico, e lascia al costruttore la scelta dei mezzi per ottenerla: isolamento rafforzato, utilizzo di contributi solari "passivi" (ad esempio orientando i soggiorni a ovest o sud e dotandoli di bovindi) o ricorrendo a metodi di riscaldamento a basso consumo. Questa performance è espressa dal rapporto tra il consumo dell'alloggio e quello di un alloggio di riferimento (da qui l'espressione “coefficiente di riferimento”, o Cref).

Leggi anche:  Diagnosi energetica e dispositivi di misurazione

A partire da settembre 1 2006, nuove normative, chiamati RT2005, di imporre una nuova Cref alloggiamento 15% inferiore a quello attualmente richiesto.

Il premio per il riscaldamento centralizzato.

L'opzione che inizialmente richiede il minimo investimento per il riscaldamento di una nuova casa è tutta elettrica, con pannelli radianti (circa 150 euro per unità) o un riscaldamento elettrico a pavimento (da 30 a 35 euro / m2, più rivestimento del pavimento). In tutto tra 3 e 000 euro per una casa di 4500 mq. In uso, l'elettricità è l'energia più costosa, ma ci vogliono diversi anni prima che ciò compensi la differenza nell'investimento iniziale con altri metodi di riscaldamento. Inoltre, cambiarlo è molto costoso. “Non conosciamo l'evoluzione del costo delle diverse energie. Dobbiamo quindi essere flessibili, e per questo installare il riscaldamento centralizzato ”, analizza Jean-Marie Carton, della Confederation of Crafts and Small Building Enterprises (Capeb). Contare 120 euro per unità per radiatori di qualità e circa 2 euro / m300 (rivestimento escluso) per un pavimento riscaldato idraulico, o 65 euro per una casa di 2 m7800. Per alimentare questo impianto una caldaia elettrica costa circa 120 euro; una caldaia a gas, 2 euro; e un olio combustibile, 1500 euro per un modello a gas a bassa temperatura o olio combustibile. Più costose (da 2700 euro [gas] a 3000 euro [gasolio]), le caldaie "a condensazione" tendono invece a prevalere: la loro efficienza è maggiore (dal 4% al 000% contro il 5000% al ​​103% per bassa temperatura), perché recuperano calore dai fumi di scarico; e beneficeranno, dal 107, di un credito d'imposta del 95% (per i modelli provvisti di certificato "tipo CE"). Questo metterà il loro prezzo netto al livello di quello delle basse temperature, per il quale il credito è solo del 100%.

Leggi anche:  Una casa solare e legno in Lorena: lavoro, i piani e le foto auto-costruzione

Inoltre, una caldaia a gas naturale diventa più vantaggiosa di una caldaia elettrica dopo 2 o 3 anni, periodo di circa 10 anni con olio combustibile. Negli alloggi esistenti, la sostituzione di un modello tradizionale vecchio di diversi anni, la cui efficienza va dal 60% all'80%, con un modello recente ad alta efficienza può ripagarsi in 3-6 anni. Tuttavia, l'acqua di riscaldamento prodotta da una caldaia a condensazione o bassa temperatura è ad una temperatura inferiore a quella di una caldaia convenzionale, i radiatori originali possono essere sottodimensionati. Cambiare la caldaia non è quindi vantaggioso.

Leggi 2 parte: investire per ridurre le bollette

 

Sullo stesso argomento: piccoli consigli per ridurre le bollette di elettricità e riscaldamento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *