La truffa valutaria: creazione di denaro

La truffa monetaria globale
Eberhard Hamer, professore presso l'Istituto delle classi medie di Hannover

L'attuale manipolazione della valuta e dei sistemi di cambio è lo scandalo più importante con le conseguenze più marcate del nostro tempo. Per la prima volta, i truffatori di denaro raggiungono dimensioni globali, poiché si svolgono in tutto il pianeta, non possono più essere controllati, fermati o impediti da alcun governo e persino in un modo formalmente legale, secondo le leggi nazionale obsoleto Tuttavia, è certo che la truffa monetaria, come qualsiasi altra truffa, non può arricchire i criminali a lungo termine con l'impoverimento delle loro vittime, dal momento che non si può abusare di alcun sistema monetario liberale a lungo termine.

Secondo la teoria finanziaria, il denaro è un mezzo di scambio legale, che mantiene il suo valore. Questo è il motivo per cui una volta era un monopolio dello stato (diritto di coniare denaro). Le monete d'oro, d'argento e di rame che circolano come denaro sono state battute dallo stato. Garantiva inoltre la purezza del metallo e il peso delle monete, in modo che fosse noto in ogni momento, nel paese e all'estero, quale fosse il valore di ogni moneta. Pertanto, le monete erano contemporaneamente mezzi di scambio e valore duraturo.

Leggi anche:  scatti 10 sulla ricchezza

• Ma per coniare denaro, lo stato deve avere oro e argento. Era quindi importante che avesse ad esempio miniere d'argento (Rammelsberg vicino a Goslar), che gli permettevano di battere valute aggiuntive in denaro. Al contrario, i cittadini sapevano che lo stato poteva coniare denaro solo nella misura in cui aveva i corrispondenti metalli preziosi. La fornitura di metalli preziosi è stata quindi la base della valuta dei metalli preziosi in circolazione (moneta d'oro in circolazione).

Dal denaro reale al denaro fiduciario

Tuttavia, i principi hanno sempre cercato di ottenere più denaro di quanto non avessero il metallo prezioso riducendo la quota di metalli preziosi nella lega delle monete. Di conseguenza, i commercianti e i borghesi cedettero i soldi cattivi, ma mantennero i soldi buoni fino a quando, tutti consapevoli, fu necessario rifondere i soldi cattivi. Le monete d'oro circolarono fino alla prima guerra mondiale.

Leggi anche:  Società: reddito di base, opportunità sociali o utopia neo-comunista?

• Una moneta d'oro in circolazione, tuttavia, ha lo svantaggio che l'aumento dell'oro non raggiunge la crescita economica, quindi una mancanza di oro deflazionistico può impedire una forte crescita economica. Ecco perché molti stati sono passati a una moneta d'oro indiretta: avevano un tesoro d'oro di un certo importo in oro, dal quale sono state emesse banconote che era più facile per trasportare, contare e trattenere in grandi quantità. Il loro valore era la capacità di presentare le banconote in qualsiasi momento alla banca centrale e di scambiarle con la corrispondente quantità di oro o argento (banconote convertibili in metallo prezioso). In questo modo, lo stato potrebbe emettere più denaro fiduciario di quello che possedeva metallo prezioso, pochi detentori di denaro che di solito insistevano sullo scambio di banconote d'oro. Normalmente, un volume inferiore a 10% oro era sufficiente per un volume di 90% note.

Leggi anche:  Crescita, PIL e consumo di energia: tasse sull'energia e un nuovo modello economico?

• Il sistema ha funzionato in tutto il mondo. In effetti, i paesi senza oro hanno garantito ai detentori delle loro banconote un tasso di cambio fisso rispetto alle valute convertibili in oro. Finché esisteva questa garanzia di scambio, i borghesi erano certi di essere in grado di scambiare - di fatto tramite un doppio scambio (gold exchange standard) - il loro denaro fiduciario con monete di metallo prezioso e quindi avevano almeno una garanzia indiretta del valore della loro valuta.

Leggi la Parte 2: Stato e denaro privato

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *